Gli effetti del bilinguismo sulla neurodegenerazione

Uno studio condotto da ricercatori del dipartimento di psicologia dell’Università di York fornisce nuove prove del fatto che il bilinguismo può ritardare i sintomi della demenza. La malattia di Alzheimer è la forma più comune di demenza, che costituisce dal 60 al 70% dei casi di demenza. Di tutte le attività con benefici neuroplastici, l’uso del linguaggio è il più sostenuto, consumando la maggior parte del tempo in un giorno. Attiva anche regioni in tutto il cervello. I ricercatori del Dipartimento di Psicologia di York, Faculty of Health, hanno testato la teoria secondo cui il bilinguismo può aumentare la riserva cognitiva e ritardare così l’età di insorgenza dei sintomi della malattia di Alzheimer nei pazienti anziani. Si ritiene che il loro studio sia il primo a studiare i tempi di conversione da lieve compromissione cognitiva alla malattia di Alzheimer in pazienti monolingue e bilingue. Sebbene il bilinguismo ritardi l’insorgenza dei sintomi, una volta diagnosticato, il declino della malattia di Alzheimer in piena regola è molto più rapido nelle persone bilingue che nelle persone monolingue perché la malattia è in realtà più grave. Immagina sacchi di sabbia che trattengono le porte di un fiume. Ad un certo punto il fiume vincerà. La riserva cognitiva sta trattenendo il diluvio e al punto in cui erano quando gli era stato diagnosticato un lieve deficit cognitivo avevano già una patologia sostanziale ma non c’erano prove di ciò perché erano in grado di funzionare a causa della riserva cognitiva. Quando non riescono più a farlo, le porte vengono completamente spazzate via, quindi si schiantano più velocemente. Nello studio quinquennale, i ricercatori hanno seguito 158 pazienti a cui era stata diagnosticata una lieve compromissione cognitiva. Per lo studio, hanno classificato le persone bilingue con una riserva cognitiva elevata e le persone monolingue con una riserva cognitiva bassa. I pazienti sono stati abbinati per età, istruzione e livello cognitivo al momento della diagnosi di lieve deficit cognitivo. I ricercatori hanno seguito i loro appuntamenti di intervallo di sei mesi in una clinica di memoria dell’ospedale per vedere il punto in cui le diagnosi sono cambiate da lieve deficit cognitivo alla malattia di Alzheimer. Il tempo di conversione per i bilingue, 1,8 anni dopo la diagnosi iniziale, è stato significativamente più veloce rispetto ai monolingue, che hanno impiegato 2,6 anni per convertirsi alla malattia di Alzheimer. Questa differenza suggerisce che i pazienti bilingue avevano più neuropatologia al momento della diagnosi di lieve deficit cognitivo rispetto ai monolingue, anche se presentavano lo stesso livello di funzione cognitiva. Questi risultati contribuiscono al crescente numero di prove che dimostrano che i bilingue sono più resistenti alla neurodegenerazione rispetto ai monolingue. Operano a un livello superiore di funzionamento a causa della riserva cognitiva, il che significa che molti di questi individui saranno indipendenti più a lungo. Questo studio aggiunge nuove prove dimostrando che il declino è più rapido una volta superata una soglia clinica, presumibilmente perché c’è già più malattia nel cervello. Dato che non esiste un trattamento efficace per l’Alzheimer o la demenza, il meglio che puoi sperare è mantenere queste persone in modo che vivano in modo indipendente in modo da non perdere la connessione con la famiglia e gli amici. È questo già è un risultato enorme.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Conversion of Mild Cognitive Impairment to Alzheimer Disease in Monolingual and Bilingual Patients”. Ellen Bialystok et al. Alzheimer Disease and Associated Disorders

Immagine: world map green white (Justyna Jaszke)

17 commenti Aggiungi il tuo

  1. erotismoenguardia ha detto:

    Vaya, que interesante!

    "Mi piace"

  2. Mi piacerebbe sapere come si sviluppa l’Alzheimer nei cervelli dei monaci che fanno voto di silenzio, ad esempio i certosini, e anche nei monaci buddisti che vivono in isolamento. La lettura e la scrittura, se è presente nei primi, compenserà l’assenza del linguaggio orale?

    "Mi piace"

    1. Assolutamente la lettura, la scrittura, ma soprattutto la meditazione sono un ottimo strumento di prevenzione per l’Alzheimer

      Piace a 1 persona

  3. zariele ha detto:

    Credo proprio che mi converrà recuperare il dialetto parmigiano. Prima che sia troppo tardi.

    "Mi piace"

    1. Assolutamente, sarebbe un ottimo bilinguismo 😉

      "Mi piace"

  4. eleonorabergonti ha detto:

    Ottimo articolo. 😀 oltre a ritardare i sintomi della demenza, imparare una o più lingue è molto utile ti può aprire a grandi possibilità, soprattutto per chi sta cercando lavoro. 👍

    "Mi piace"

    1. Grazie☺️ Diciamo che la conoscenza fa bene un po’ a tutto… Buona serata!

      Piace a 1 persona

      1. eleonorabergonti ha detto:

        Parole sante. 👍 ti auguro una buona domenica. 😀

        "Mi piace"

      2. Grazie! Ti ho recuperata dallo spam… Buona giornata ☺️

        Piace a 1 persona

  5. L’ha ripubblicato su Mary Jaimes-Serranoe ha commentato:
    This is truly fascinating information that may show hope for a future that is not riddled with this devastating disease.

    Piace a 1 persona

  6. Fritz Gemini ha detto:

    Da piccolo ho imparato prima il dialetto, poi l’italiano. Ora ho dimenticato del tutto il dialetto, ma in età adulta ho imparato spagnolo ed inglese, ed ora a 40 anni il francese (e a breve dovrò imparare l’olandese). Mi chiedo se apprendere le lingue in età adulta può avere giovamento. Uno dei miei figli invece, causa trilinguismo (in famiglia italiano e spagnolo, a scuola francese, a quasi sei anni parla pochissimo… con la logopedia sta migliorando ma è ancora indietro per la sua età… rispetto a chi parla solo una lingua ovviamente, la cosa mi preoccupa). Grazie per l’attenzione

    "Mi piace"

    1. Circa tuo figlio puoi stare tranquillo, è assolutamente normale, poi vedrai i benefici delle possibilità linguistiche che gli state dando. Anche imparare lingue da adulti è un ottimo fattore di prevenzione della neurodegenerazione. Complimenti per il numero di lingue che conosci!

      "Mi piace"

      1. Fritz Gemini ha detto:

        Grazie Daniele per la tua cortese risposta. Faccio un plauso alla tua disponibilità e al costante lavoro di divulgazione scientifica che porti avanti nel blog. Complimenti

        "Mi piace"

      2. Di niente figurati. Scusami se non ho risposto subito, in genere sono più veloce. Se hai altri dubbi o domande rispondo volentieri. Grazie

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.