Uno sciroppo per la tosse potrebbe essere usato come trattamento per il Parkinson

L’Ambroxol, un farmaco originariamente progettato per alleviare la tosse per le persone con malattie respiratorie come la bronchite, è in fase di test per vedere se può rallentare la progressione della malattia di Parkinson mantenendo le cellule più sane più a lungo. Un gruppo di ricerca dell’UCL Queen Square Institute of Neurology ha riferito che ambroxol era sicuro e ben tollerato in 17 partecipanti allo studio con il morbo di Parkinson. Secondo i risultati pubblicati su JAMA Neurology, il farmaco ha anche efficacemente attraversato la barriera emato-encefalica e ha aumentato i livelli della proteina glucocerebrosidasi (GCasi) nelle cellule cerebrali dei partecipanti. Questa proteina consente alle cellule di rimuovere i rifiuti in modo più efficace, una funzione che l’evidenza suggerisce è carente in alcune persone con Parkinson. L’aumento dei livelli delle proteine ​​può avere il potenziale per mantenere le cellule più sane più a lungo e, quindi, rallentare la progressione del Parkinson. Questa settimana, il Cure Parkinson’s Trust (CPT), il Van Andel Institute (VAI) e la John Black Charitable Foundation hanno annunciato 522.126 £ di finanziamenti per la prossima fase della ricerca, che cercherà di determinare il dosaggio ottimale di ambroxol. La sperimentazione si svolgerà quest’anno presso il Centro di neurologia sperimentale Leonard Wolfson presso l’UCL, con l’obiettivo di portare in seguito a un più ampio studio clinico. Aumentando i livelli di GCase, ambroxol consente alle cellule di rimuovere i rifiuti, che idealmente mantengono le cellule più sane più a lungo e potrebbero rallentare la progressione del Parkinson. L’annuncio fa parte di un accordo di cofinanziamento da 4,5 milioni di dollari con il Van Andel Institute (VAI) per sostenere l’iniziativa International Linked Clinical Trials (iLCT). iLCT è un fiorente programma globale che mira a sviluppare nuove terapie per il Parkinson potenzialmente modificanti la malattia, molte delle quali sono farmaci riproposti originariamente progettati o approvati per trattare altre malattie. I farmaci candidati vengono valutati e classificati in ordine di priorità ogni anno da un comitato di esperti del Parkinson leader a livello mondiale, che selezionano i farmaci da inserire negli studi clinici nelle persone con questa condizione. Questi farmaci hanno il potenziale per raggiungere la clinica molto più velocemente poiché hanno già superato importanti test di sicurezza. La collaborazione con The Cure Parkinson’s Trust sull’iniziativa International Linked Clinical Trials consentirà il lancio di molti altri studi clinici su farmaci riproposti e nuovi potenzialmente modificanti la malattia che sono stati identificati attraverso il diligente processo iLCT, e quindi avvicinarsi al grande obiettivo: una cura per i 10 milioni di persone che vivono con il Parkinson a livello globale.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Ambroxol for the Treatment of Patients With Parkinson Disease With and Without Glucocerebrosidase Gene Mutations: A Nonrandomized, Noncontrolled Trial”. Tony Schapira et al. JAMA Neurology

Immagine: Cough Syrup (Cara Andrianos)

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. Una bella notizia. Molti farmaci hanno quella che viena chiamata uns second life, ma viene messa in commercio di solito quando scade il brevetto della prima.

    "Mi piace"

    1. Esatto e capita che la seconda sia meglio della prima…

      "Mi piace"

  2. luisa zambrotta ha detto:

    Che bella notizia
    🌹🌹🌹

    "Mi piace"

    1. Si, speriamo che venga confermata! 😘🌹

      Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.