L’uso prolungato di antidepressivi crea dipendenza fisica

I pazienti che hanno assunto antidepressivi per anni dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di interrompere il trattamento. Tuttavia, i ricercatori affermano che probabilmente dovranno affrontare sintomi di astinenza difficili e persino pericolosi a causa di una dipendenza fisica. Il processo migliore è seguire un programma di riduzione graduale mentre si consulta un medico, secondo una ricerca del Journal of American Osteopathic Association. La sospensione definitiva drastica dei farmaci non è quasi mai consigliabile. Molte persone si sentono al sicuro in quanto la loro depressione o ansia è continuamente gestita dai farmaci. Tuttavia, questi sono farmaci che alterano la mente e non sono mai stati intesi come una soluzione permanente. Una volta che la depressione o l’ansia del paziente è stata risolta, il medico dovrebbe guidarli verso l’interruzione, fornendo allo stesso tempo trattamenti non farmacologici per aiutarli a mantenere la loro salute mentale. I pazienti che interrompono l’assunzione dei loro farmaci spesso manifestano la Sindrome da sospensione di antidepressivi (ADS), che comprende sintomi come insonnia, nausea, squilibrio, disturbi sensoriali spesso descritti come shock elettrici o “zaps cerebrali”. Gli antidepressivi di prima generazione più vecchi spesso comportano rischi aggiuntivi per sintomi più gravi, tra cui aggressività, catatonia, deficit cognitivo e psicosi. La sospensione di qualsiasi antidepressivo comporta anche un rischio di peggioramento o ricaduta graduale della depressione e dell’ansia, nonché di pensieri suicidi. Un recente rapporto del CDC afferma che un quarto delle persone che assumono antidepressivi li usano da almeno un decennio. Questi dati dimostrano che pazienti e medici fanno troppo affidamento sui farmaci senza preoccuparsi delle conseguenze a lungo termine. Probabilmente esiste un vero problema con la gestione dell’assistenza ai pazienti, quando si tratta di prescrivere antidepressivi. Si tende a mettere i pazienti in cura con un SSRI e più o meno ci dimentichiamo di loro. Inoltre, sebbene relativamente sicuri, gli antidepressivi portano ancora effetti collaterali, tra cui aumento di peso, disfunzione sessuale e intorpidimento emotivo. C’è poi bisogno di cautela poiché l’evidenza dei fattori di rischio antidepressivi si basa sull’uso a breve termine e non esistono studi longitudinali sufficienti sull’impatto neurologico dell’assunzione di antidepressivi per decenni. È sempre opportuno che i pazienti consultino il proprio medico prima e durante tutto il processo di sospensione del farmaco per monitorare i sintomi e i progressi.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Antidepressant Discontinuation Syndrome: A Common but Underappreciated Clinical Problem”. Mireille Rizkalla, PhD; Bryan Kowalkowski, OMS III; Walter C. Prozialeck, PhD. The Journal of the American Osteopathic Association

Immagine: Loui Jover (ruth)

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. Lucy the Wombat ha detto:

    Ottimo 😱😅💃

    "Mi piace"

    1. Eh, purtroppo è così… 😅😘

      Piace a 1 persona

  2. olgited ha detto:

    buono a sapersi…

    "Mi piace"

    1. Si, è un’informazione importantissima!

      "Mi piace"

  3. luisa zambrotta ha detto:

    Molto interessante… sto tentando per l’ennesima volta di sospenderli, e spero di farcela, nonostante quelli che tu definisci “zaps cerebrali”.
    Purtroppo altre volte il medico mi ha fatto ricominciare, soprattutto perché arrivavo al punto in cui mi sembrava di non riuscire a respirare e sentivo, in fondo alla gola, un costante e inspiegabile sapore di plastica

    "Mi piace"

    1. Non lo sapevo, mi dispiace… Forse erano attacchi di panico? Ma fai anche psicoterapia? Ti auguro di sospenderli e stare bene! Lo meriti, sei una donna eccezionale 🌷❤️🙏

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.