L’ansia sociale potrebbe essere uno squilibrio di empatia

Ti sei mai sentito in imbarazzo per qualcuno nel tuo gruppo sociale quando hanno fatto qualcosa di spiacevole? Forse è stata una brutta interpretazione di una canzone di successo durante la serata di karaoke o facendo un paragone sociale infelice durante un grande evento. Quei sentimenti di imbarazzo possono essere collegati al disturbo d’ansia sociale. Ti preoccupi di come il comportamento degli altri possa influenzare le opinioni degli altri su di te. Ciò porta spesso a sentirsi angosciati dalla prospettiva di eventi e incontri sociali. Il disturbo d’ansia sociale è un fenomeno che colpisce ben uno su dieci americani. Governato da sentimenti di estrema ansia durante le interazioni e gli eventi sociali, molti con disturbo d’ansia sociale si preoccupano di evitare incontri. Inoltre, coloro che temono la prospettiva di altri che si mettano in imbarazzo, riflettendo così il malessere sugli altri, possono trasformare il loro percepito imbarazzo e frustrazione sull’altro. Ciò può in definitiva portare all’isolamento sociale. Tuttavia, c’è un’altra forma di ansia sociale che spesso viene trascurata. Soprannominato taijin-kyofusho, le persone con questa forma di ansia sociale temono di mettere gli altri a disagio con le proprie risposte comportamentali o fisiche a situazioni imbarazzanti. Sia il disturbo d’ansia sociale (SAD) che il taijin-kyofusho (TKS) hanno una cosa in comune. Coloro che soffrono delle condizioni si concentrano eccessivamente sulle prospettive e le opinioni degli altri. Quelli con SAD sono ossessionati dalla paura di essere esaminati e criticati da altri, influenzando spesso il modo in cui vivono le proprie emozioni. Al contrario, quelli con taijin-kyofusho temono di causare agli altri inutili disagi a causa delle loro reazioni comportamentali, portandoli a rimuginare sui sentimenti degli altri sul proprio. Quelli con TKS hanno generalmente una maggiore empatia cognitiva e affettiva. Un recente studio di neuroimaging in PNAS ha rivelato durante i test di empatia cognitiva, che quelli con TKS avevano un aumento dell’attività all’interno del solco temporale superiore/giunzione temporoparietale posteriore e un aumento dell’attività all’interno dell’amigdala durante i test per l’empatia affettiva. Le interruzioni della connettività cerebrale funzionale e lo squilibrio tra empatia affettiva e cognitiva, potrebbero spiegare il deterioramento dei processi cognitivi durante situazioni imbarazzanti. In definitiva, i risultati suggeriscono che non solo le persone con TKS sentono le emozioni degli altri in modo più forte, ma spesso interpretano male il contesto emotivo. Ciò significa che quelli con TKS sono inappropriatamente sensibili alle emozioni degli altri, percepite o meno. I dati suggeriscono che la TKS è probabilmente caratterizzata da ipersensibilità ai sentimenti degli altri e da una capacità meno accurata di riconoscere il contesto emotivo.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Brain and behavioral alterations in subjects with social anxiety dominated by empathic embarrassment”. Shisei Tei, Jukka-Pekka Kauppi, Kathryn F. Jankowski, Junya Fujino, Ricardo P. Monti, Jussi Tohka, Nobuhito Abe, Toshiya Murai, Hidehiko Takahashi, and Riitta Hari. PNAS

Immagine: Flight (Rook Floro)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Deepak Singh ha detto:

    Very meaningful pic.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.