Essere incerti su una scelta rende più probabile un cambiamento di mentalità

Le persone a volte possono cambiare idea mentre prendono una decisione. Ad esempio, in un supermercato, dopo aver inizialmente deciso di acquistare una marca specifica di un prodotto, un cliente può eventualmente cambiare idea e prendere un prodotto da una marca diversa. Un altro scenario: si sta guidando sotto la pioggia: le cattive condizioni meteorologiche rendono abbastanza facile interpretare erroneamente un segnale stradale e successivamente cambiare direzione in risposta a questa errata interpretazione. Diversi studi di ricerca hanno dimostrato che i cambiamenti mentali si verificano poco dopo aver preso l’impegno iniziale per una scelta e sono principalmente causati da prove sensoriali che non sono state ancora completamente elaborate quando la persona decide per la prima volta, ma la persona cambia idea successivamente in seguito alla loro elaborazione. Tuttavia, un nuovo studio, recentemente pubblicato sulla rivista PLoS Computational Biology, mette in discussione questa nozione dimostrando che i cambiamenti della mente possono verificarsi in assenza di tali prove sensoriali ritardate. Questo nuovo studio si è avvalso di un compito decisionale percettivo ampiamente utilizzato in cui ai partecipanti viene chiesto di identificare la direzione dominante del movimento di una nuvola di punti che si muovono in modo casuale. Il lavoro sperimentale è stato supportato dall’Irish Research Council presso la National University of Ireland (NUI) di Galway in Irlanda. I partecipanti hanno occasionalmente cambiato idea dopo la decisione iniziale, anche se non sono state presentate loro ulteriori informazioni. I ricercatori sono rimasti sorpresi di scoprire che i cambiamenti di mentalità sono stati preceduti da lunghe deliberazioni durante una decisione iniziale – un segnale di un acuto senso di conflitto. Nello stesso articolo, i risultati sperimentali sono stati replicati da ricercatori della Technische Universität di Dresda in Germania, confermando la solidità dei risultati. Per fornire approfondimenti sulle osservazioni sperimentali, gli autori hanno sviluppato un modello neurocomputazionale in grado di rendere conto delle osservazioni comportamentali. Questo modello suggerisce che i cambiamenti di mentalità osservati nell’esperimento potrebbero essere causati da una maggiore incertezza sulla decisione iniziale. Il modello mostra che questa incertezza ritarda la risposta iniziale, consentendo deliberazioni prolungate prima di impegnarsi in una scelta iniziale. Questa iniziativa internazionale integra nuovi esperimenti e modelli di calcolo per comprendere la fiducia nelle decisioni. Questo studio collega i cambiamenti di mentalità con il monitoraggio dell’incertezza decisionale, un’importante capacità metacognitiva umana connessa alla consapevolezza cosciente di ciò che sperimentiamo. Comprendere la metacognizione è particolarmente cruciale nella ricerca di vecchia data per comprendere la coscienza, in quanto ci permette, tra l’altro, di controllare i nostri pensieri, e quindi anche di conoscere e dirigere i nostri processi di apprendimento.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Changes-of-mind in the absence of new post-decision evidence”. Atiya NAA, Zgonnikov A, O’Hora D, Shoemann M, Scherbaum S, Wong-Lin K. University of Ulster Computational Biology

Immagine: choice (alex saffi)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. _AleMusa_ ha detto:

    Bello anche questo..

    "Mi piace"

    1. Grazie ancora, mi fa piacere😊

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.