Lo spazio verde può ridurre la criminalità violenta

Un nuovo studio suggerisce che lo spazio verde all’aperto progettato e mantenuto correttamente ha il potenziale per ridurre la criminalità violenta e la violenza armata, in modo da rendere le comunità più sicure e mantenere i residenti più sereni. Al contrario, uno spazio verde mal progettato e inadeguatamente mantenuto può aiutare il crimine a radicarsi e diffondersi. I risultati provengono da un team di scienziati che ha riunito una rassegna generale della ricerca sulla complicata relazione tra natura e criminalità nelle aree urbane. Hanno identificato diversi modelli che possono aiutare a informare le politiche pubbliche, guidare la progettazione urbana e promuovere quartieri che sono sicuri e piacevoli in cui vivere. Il progetto è nato perché i membri del gruppo di ricerca erano stati toccati dal crimine, direttamente o indirettamente. Tutti loro hanno avuto una sorta di esperienza, personalmente o attraverso i membri della famiglia. Ed hanno pensato che forse avrebbero potuto fare qualcosa al riguardo. Come controllare il crimine violento è una questione polarizzante. Erano interessati a vedere, in qualità di designer il cui lavoro è quello di modellare l’ambiente fisico, se era possibile per loro contribuire a questa tematica e intraprendere alcune azioni per vedere se, personalmente, ogni comunità può contribuire a ridurre il crimine. La ricerca, avviata alla Cornell University, ha cercato di sintetizzare i risultati di molti studi precedenti che hanno esaminato gli effetti di varie forme di spazio verde sul crimine e sul comportamento criminale. Lo spazio verde può essere una fonte o aumentare il rischio di criminalità in un quartiere attraverso un meccanismo, e può anche ridurre il rischio. Allora perché sta succedendo questo? Esiste un modo per trovare una soluzione per rendere più efficace la riduzione del rischio? Inizialmente i ricercatori hanno preso in considerazione più di 14.000 articoli, ma alla fine hanno riconosciuto quelli fino a 45 fatti negli Stati Uniti, che offrivano le informazioni più rilevanti su come l’accesso alla natura potesse migliorare la sicurezza pubblica. La revisione iniziale è stata impegnativa perché l’argomento è vasto e può essere affrontato da molti punti di vista. Si potrebbe parlare di orti comunitari, oppure dei prati delle persone. Le persone che fanno gli studi potrebbero uscire e contare il numero di alberi sui marciapiedi o esaminare immagini satellitari. Oppure guardare il numero di lotti liberi che sono stati trasformati in spazi verdi. Ciò, combinato con l’ampia varietà di reati esaminati e il modo in cui è stato segnalato, ha reso difficile per i ricercatori trarre conclusioni specifiche. Ma ci sono sicuramente modelli da utilizzare. Ad esempio, nove studi hanno esaminato l’effetto dello spazio verde sulla violenza armata. Sei hanno scoperto che tali interventi hanno ridotto il crimine, mentre tre erano inconcludenti. È stato dimostrato che interventi ecologici a livello urbano riducono il crimine violento, in particolare la violenza armata. Osservando tutti questi studi, sono stati in grado di proporre possibili percorsi per ridurre il crimine e mettere insieme un quadro generale del perché ciò sta accadendo, sia in termini di violenza armata che in termini di tasso complessivo di criminalità. Le scoperte dei ricercatori, descritte in un articolo sull’International Journal of Environmental Research and Public Health, potrebbero condurre a interventi della comunità che proteggeranno le persone, diminuiranno la criminalità e promuoveranno una migliore qualità della vita. Lo scenario da sogno sarebbe quello di sensibilizzare sull’efficacia e l’importanza anche economica di queste strategie. Il prossimo obiettivo dei ricercatori è sviluppare linee guida di progettazione per come dovrebbe essere progettato un orto comunitario o un piccolo parco comunitario, per migliorare gli effetti positivi dello spazio verde e fornire informazioni pratiche e semplici per le persone, che si tratti di architetti del paesaggio o di persone che stanno avviando il loro orto comunitario.

Daniele Corbo

Bibliografia: “The Impact of Green Space on Violent Crime in Urban Environments: An Evidence Synthesis”. Hessam Sadatsafavi et al. International Journal of Environmental Research and Public Health

Immagine: 533 Central Park Stroll (Bruce Braithwaite)

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. Deserthouse ha detto:

    articolo molto interessante e in generale sono interessanti gli orti comunitari e tutto ciò che crea una socialità positiva e pace.

    "Mi piace"

    1. Grazie. Anche io credo che tutto ciò che crei armonia ed occasione per stare nel verde sia interessante

      Piace a 1 persona

  2. Le perle di R. ha detto:

    Speriamo riescano presto a trovare ulteriori risposte al riguardo.

    "Mi piace"

    1. Nel frattempo faremmo bene ad aumentare gli spazi verdi..

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.