Aiutare le persone con difficoltà sociali con l’ossitocina

L’ossitocina è nota per il suo ruolo nel parto e nell’allattamento ed è stato anche dimostrato che ha una più ampia applicazione nello sviluppo e nella regolazione del comportamento sociale in molte specie. C’è stato un crescente interesse nel suo potenziale utilizzo per aiutare le persone a superare le difficoltà sociali in quanto questo può essere uno dei sintomi più difficili da trattare in molte condizioni psichiatriche come la schizofrenia, l’autismo, l’ansia e la depressione. La ricerca sull’uso dell’ossitocina utilizza quasi sempre l’applicazione di spray nasale ma poco si sa su quanto bene questo metodo eroga la dose richiesta e raggiunga diverse aree del cervello. Pubblicato in Nature Communications, lo studio è il primo a confrontare diversi percorsi e somministrazioni di ossitocina sintetica in termini di come influenzano il flusso sanguigno regionale nel cervello umano, una misura surrogata dell’attivazione neuronale, misurata mediante scansioni fMRI. I ricercatori hanno confrontato tre diversi metodi in un campione di 17 partecipanti maschi: iniezione di ossitocina nel sangue; somministrazione di ossitocina con spray nasale standard; e amministrazione con un nebulizzatore. Il nebulizzatore, uno speciale dispositivo di rilascio nasale che ha somministrato uno spray sottile di ossitocina in modo pulsatile, è stato studiato in quanto si ritiene che possa raggiungere meglio parti importanti della cavità nasale. I risultati hanno mostrato che, rispetto a quando non viene somministrata l’ossitocina, sia la via endovenosa che quella nasale di somministrazione dell’ossitocina hanno ridotto il flusso sanguigno regionale all’amigdala, che è un’area chiave del cervello coinvolta nell’elaborazione di informazioni sociali, emozioni e ansia sociale. I ricercatori hanno anche dimostrato che la via nasale colpiva altre aree cerebrali specifiche e che i modelli del flusso sanguigno regionale differivano a seconda che l’ossitocina fosse erogata attraverso uno spray standard o il nebulizzatore. I risultati mostrano che un approccio unico per amministrare l’ossitocina non è l’approccio migliore e, in una certa misura, , potrebbe essere possibile indirizzare dove nel cervello ha effetto. Ciò ha importanti implicazioni per la potenziale applicazione dell’ossitocina ai pazienti in quanto suggerisce che, per alcuni disturbi, una via o modalità di somministrazione può essere superiore ad altre. Ad esempio, le applicazioni cliniche che mirano a colpire il giro frontale, l’insula o parti dei gangli della base possono ottenere risultati migliori usando la via nasale. Tuttavia, applicazioni che aumentano la quantità di ossitocina sintetica nel sangue, come la somministrazione endovenosa, potrebbero ancora avere un’applicazione, poiché possono ottenere effetti localizzati, ad esempio nell’amigdala o nella corteccia cingolata anteriore e consentire un controllo preciso della dose somministrata. Questo potrebbe essere molto utile per futuri studi clinici. I ricercatori hanno sottolineato che la ricerca potrebbe anche essere rilevante per una serie di composti utilizzati nel trattamento dei disturbi neuropsichiatrici e di altro tipo, ad esempio la somministrazione nasale è stata identificata come una via importante per il rilascio di insulina e ketamina. Sono necessarie ulteriori ricerche per fornire una visione più dettagliata di quali aree del cervello sono meglio colpite dalla consegna nasale e come questo può essere ottimizzato meglio.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Effects of route of administration on oxytocin-induced changes in regional cerebral blood flow in humans”. D. A. Martins, N. Mazibuko, F. Zelaya, S. Vasilakopoulou, J. Loveridge, A. Oates, S. Maltezos, M. Mehta, S. Wastling, M. Howard, G. McAlonan, D. Murphy, S. C. R. Williams, A. Fotopoulou, U. Schuschnig & Y. Paloyelis. Nature Communications

Immagine: Oxytocin (Roman Franta)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Manuela ha detto:

    Grazie per questo articolo, pensi che per bambini con disturbi autistici dovuti ad una mancanza di ossigeno alla nascita potrebbe essere d’aiuto?

    Piace a 1 persona

    1. Grazie a te! Credo proprio che possa aiutare anche i bambini con disturbi autistici dovuti ad una mancanza di ossigeno alla nascita. Ovviamente va dimostrato ulteriormente

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.