Identificato l’ormone che induce più dolore nelle donne

Immagina di prendere una pillola per controllare il dolore e, invece, il farmaco aumenta effettivamente il dolore che senti. Questa potrebbe essere la situazione per i pazienti che assumono oppioidi, ma ancora di più per le donne, secondo una ricerca rivoluzionaria condotta dagli investigatori presso il College of Medicine dell’Università dell’Arizona – Tucson nel Dipartimento di Farmacologia. I ricercatori hanno identificato un meccanismo che spiega perché le donne possono essere più vulnerabili degli uomini nello sviluppare il dolore in generale, nonché nello sviluppare il dolore specifico da oppioidi. La causa è un neuroormone, la prolattina, nota soprattutto per promuovere l’allattamento nelle donne incinte negli ultimi mesi di gravidanza e dopo il parto. È sempre stato compreso che le donne sperimentano alcuni tipi di dolore che si verificano senza lesioni (noto come “sindromi da dolore funzionale”) più degli uomini. Le ragioni di ciò non sono mai state chiaramente comprese. Una possibile spiegazione che i ricercatori hanno esplorato erano le differenze nelle cellule e nei nervi che inviano segnali di dolore al cervello tra le donne e gli uomini. I risultati suggeriscono che le nuove terapie per la gestione del dolore rivolte al sistema della prolattina sarebbero di grande beneficio per le donne che soffrono di sindromi da dolore funzionale. Di tutti questi disturbi del dolore prevalenti nelle donne, le emicranie sono tra le più comuni, con circa 35 milioni di pazienti con emicrania negli Stati Uniti e tre su quattro sono donne. Inoltre, nei pazienti con fibromialgia, ben nove su 10 sono donne; per la sindrome dell’intestino irritabile, tre su quattro sono donne. Quando sommi tutte quelle donne con dolore – se riesci a normalizzarlo – questo avrebbe un impatto enorme e importante sull’assistenza medica. Molti di questi episodi di dolore sono intermittenti e associati a eventi scatenanti. Ad esempio, lo stress rilascia prolattina e promuove inaspettatamente il dolore selettivamente nelle femmine. Questi eventi scatenanti possono essere di ampio respiro. Possono includere cose come l’alcol, la fatica e l’interruzione del sonno. Ma lo stress è il trigger più comune auto-identificato dai pazienti. È da questo che hanno iniziato i loro studi: in che modo lo stress contribuisce al dolore specifico femminile o al dolore selettivo femminile? I farmaci agonisti del recettore della dopamina D-2 che limitano il rilascio di prolattina, come la cabergolina, sono comunemente usati per altre malattie e non creano dipendenza. Questi farmaci, possibilmente in combinazione con altre classi di farmaci, possono aiutare a trattare quelle condizioni di dolore nelle donne in modo più efficace senza le proprietà di dipendenza degli oppioidi. Se solo si potessero ridurre la percentuale di donne che soffrono di emicrania alla stessa quantità degli uomini, sarebbe abbastanza rivoluzionario. Inoltre, dalla pubblicazione dei loro risultati, il team di ricerca è stato contattato da aziende interessate a studiare se un anticorpo precedentemente associato al trattamento del carcinoma mammario potesse essere in grado di essere progettato come terapia per proteggere dal dolore nelle donne.

Daniele Corbo

Bibliografia: “The prolactin receptor long isoform regulates nociceptor sensitization and opioid-induced hyperalgesia selectively in females”. Frank Porreca et al. Science Translational Medicine

Immagine: Pain (Wojtek Bąbski)

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. eleonorabergonti ha detto:

    Interessante questo articolo. Durante la sindrome premestruale ho qualche volta mal di testa e spesso anche mal di pancia. Ci convivo con questo “problema” ma non me ne faccio un cruccio e soffro in silenzio, sapendo che al mondo c’e Gente con problemi molto molto più gravi di una banale sindrome premestruale. 🙂

    "Mi piace"

    1. Ciao Eleonora, grazie mille! La sindrome premestruale in alcuni casi può essere molto invalidante anche a livello psicologico! Quindi è giusto se ti lamenti… 😉

      "Mi piace"

  2. eleonorabergonti ha detto:

    Fortunatamente non ho crisi di pianto o scatti di nervosismo. A livello psicologico un pochino di malinconia (ma non sempre). Buon sabato e buon week end. 😀

    "Mi piace"

    1. Ok😉Grazie Eleonora! Buon fine settimana anche a te 😊

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.