Il COVID-19 ha un periodo di incubazione di 5,1 giorni

Nei giorni scorsi abbiamo parlato degli effetti psicologici della quarantena, ma alla luce di uno studio appena pubblicato è importante anche parlare dei benefici sul rallentamento del contagio. Un’analisi dei dati disponibili al pubblico sulle infezioni del nuovo coronavirus, SARS-CoV-2, che causa la malattia respiratoria COVID-19 ha prodotto una stima di 5,1 giorni per il periodo di incubazione mediano della malattia, secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori di Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health. Questo tempo mediano dall’esposizione all’insorgenza dei sintomi suggerisce che il periodo di quarantena di 14 giorni utilizzato dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie per le persone con probabile esposizione al coronavirus è ragionevole. L’analisi suggerisce che circa il 97,5 percento delle persone che sviluppano sintomi di infezione da SARS-CoV-2 lo farà entro 11,5 giorni dall’esposizione. I ricercatori hanno stimato che per ogni 10.000 individui messi in quarantena per 14 giorni, solo circa 101 svilupperanno sintomi dopo essere stati rilasciati dalla quarantena. I risultati sono stati pubblicati online il 9 marzo sulla rivista Annals of Internal Medicine. Per lo studio, i ricercatori hanno analizzato 181 casi provenienti dalla Cina e da altri paesi che sono stati rilevati prima del 24 febbraio e includevano date probabili di esposizione e insorgenza dei sintomi. La maggior parte dei casi riguardava viaggi da o verso Wuhan, in Cina, la città al centro dell’epidemia o l’esposizione a persone che erano state a Hubei, la provincia di cui Wuhan è la capitale. Il CDC e molte altre autorità di sanità pubblica in tutto il mondo hanno utilizzato una quarantena di 14 giorni o un periodo di monitoraggio attivo per le persone che sono note per essere ad alto rischio di infezione a causa del contatto con casi noti o che viaggiano in un’area fortemente colpita. Sulla base dell’analisi dei dati disponibili pubblicamente, l’attuale raccomandazione di 14 giorni per il monitoraggio attivo o quarantena è ragionevole, anche se con quel periodo alcuni casi andrebbero persi nel lungo periodo. Lo scoppio globale dell’infezione da SARS-CoV-2 è emerso nel dicembre 2019 a Wuhan, una città di 11 milioni nella Cina centrale, e ha provocato 95.333 casi confermati ufficialmente in tutto il mondo e 3.282 morti per polmonite causate dal virus, secondo il Rapporto sulla situazione del 5 marzo dell’Organizzazione mondiale della sanità. La maggior parte dei casi proviene da Wuhan e dalla circostante provincia di Hubei, anche se dozzine di altri paesi sono stati colpiti, compresi gli Stati Uniti, ma principalmente la Corea del Sud, l’Iran e l’Italia. Una stima accurata del periodo di incubazione della malattia per un nuovo virus rende più facile per gli epidemiologi valutare la probabile dinamica dell’epidemia e consente ai funzionari della sanità pubblica di progettare efficaci misure di quarantena e altre misure di controllo. Le quarantene in genere rallentano e alla fine possono arrestare la diffusione dell’infezione, anche se ci sono alcuni casi anomali con periodi di incubazione che superano il periodo di quarantena. Lessler nota che isolare le persone in un modo che impedisca loro di lavorare ha dei costi, sia personali che sociali, il che è forse più evidente quando gli operatori sanitari e i primi soccorritori come i vigili del fuoco vengono messi in quarantena. La nuova stima di 5,1 giorni per il periodo di incubazione mediano di SARS-CoV-2 è simile alle stime dei primi studi di questo nuovo virus, basate su un numero inferiore di casi. Questo periodo di incubazione per SARS-CoV-2 è nello stesso intervallo di SARS-CoV, un diverso coronavirus che infetta l’uomo che ha causato un grave focolaio nel sud della Cina e di Hong Kong dal 2002-04. Per MERS-CoV, un coronavirus che ha causato centinaia di casi in Medio Oriente, con un tasso di mortalità relativamente elevato, il periodo di incubazione medio stimato è di 5-7 giorni. I coronavirus umani che causano raffreddori comuni hanno periodi medi di incubazione della malattia di circa tre giorni. I ricercatori hanno pubblicato uno strumento online che consente ai funzionari della sanità pubblica e ai membri del pubblico di stimare quanti casi sarebbero stati catturati e persi in diversi periodi di quarantena.

Daniele Corbo

Bibliografia: “The Incubation Period of Coronavirus Disease 2019 (COVID-19) From Publicly Reported Confirmed Cases: Estimation and Application”. Stephen A. Lauer, MS, PhD; Kyra H. Grantz, BA; Qifang Bi, MHS; Forrest K. Jones, MPH; Qulu Zheng, MHS; Hannah R. Meredith, PhD; Andrew S. Azman, PhD; Nicholas G. Reich, PhD; Justin Lessler, PhD. Annals of Internal Medicine

Immagine: Red Virus (Michael Walker)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.