Il “sentirsi obbligati” può influire sulle relazioni durante l’allontanamento sociale

In un’epoca in cui molti praticano il “distanziamento sociale” dal mondo esterno, le persone fanno affidamento sui loro circoli sociali immediati più del solito. Un senso di obbligo – dal controllo dei genitori alla gestione di una commissione per un vicino anziano – avvantaggia o danneggia una relazione? Uno studio della Michigan State University ha trovato il punto debole tra tenere insieme le persone e avere una relazione. Stavano cercando di scoprire se l’obbligo è positivo o negativo. Quando hanno iniziato, hanno scoperto che le persone rispondevano a diversi tipi di obblighi in diversi modi. Le persone facevano distinzione tra richieste che erano obblighi enormi e richieste semplici. C’è questo punto in cui l’obbligo si trasforma e inizia a essere dannoso per le relazioni. L’obbligo è talvolta la “colla che tiene insieme le relazioni”, ma spesso ha connotazioni negative. Hanno scoperto che alcuni obblighi erano collegati a maggiori sintomi depressivi e aumenti più lenti nel supporto degli amici nel tempo. Tuttavia, altri obblighi erano inizialmente associati sia a un maggiore sostegno che a una minore tensione da parte della famiglia e degli amici. Queste scoperte suggeriscono che esiste un punto distinto in cui l’obbligo spinge le persone sull’orlo di sentirsi gravate, il che può iniziare a danneggiare le loro relazioni. La linea nel loro studio è capire quando l’obbligo supera quella linea per cui inizia ad essere un enorme onere finanziario o qualcosa che interrompe la tua vita quotidiana. Mentre impegnarsi in un obbligo sostanziale può essere di beneficio agli altri e far sentire qualcuno utile, è comunque costoso per il tempo, l’energia e il denaro di una persona. Fino ad ora, ricerche simili hanno mostrato incongruenze nel modo in cui l’obbligo influenza le relazioni, che viene attribuito allo spettro dell’obbligo. Questo spettro spazia da un obbligo leggero, come tenersi in contatto con un amico, a un obbligo sostanziale, come prestare a quell’amico una notevole quantità di denaro. In un certo senso, i principali obblighi violano le norme delle amicizie. È interessante notare che non vedi quella violazione tanto nei rapporti con genitori o coniugi. Le amicizie sono viste come relazioni a basso investimento e divertenti che fanno stare bene le persone. Le nostre amicizie più durature continuano perché ci divertiamo. Ma se gli obblighi si accumulano, potrebbe compromettere quanto ci sentiamo vicini ai nostri amici. Poiché le amicizie sono una relazione scelta, le persone possono allontanarsi dagli amici più facilmente rispetto ad altri tipi di relazioni di fronte a obblighi gravosi. Inoltre, obblighi sostanziali possono creare tensione in un’amicizia mentre cerchiamo di incoraggiare i nostri amici a fare lo stesso anche quando potrebbero non essere in grado di farlo. Anche se possiamo sentirci bene quando facciamo le cose per i nostri amici e i nostri amici ci sono grati, possiamo iniziare a pensare che stiamo investendo troppo in quella relazione. All’altra estremità dello spettro, l’obbligo crea una “norma di reciprocità”. Questi leggeri obblighi ci fanno sentire meglio, renderci più felici e rafforzare le nostre relazioni. C’è la sensazione che ‘siamo entrambi in questo insieme e che entrambi abbiamo investito qualcosa nella relazione’. Ecco perché, tra le migliori relazioni, gli atti di obbligo di basso livello non sembrano affatto obblighi. Piccoli atti di gentilezza, che rafforzano i legami delle nostre relazioni, sono fatti senza alcun clamore o onere. Tuttavia, alcuni tipi di relazioni possono rendere scoraggianti anche gli obblighi minori. Se qualcuno non ha un ottimo rapporto con un genitore, una rapida telefonata per effettuare un saluto non è piacevole, è un ingombro. Anche cose che ci aspetteremmo che i membri della famiglia facciano, alcuni nello studio li hanno fatti a malincuore. I risultati rivelano una gamma di obblighi tanto diversi quanto i rapporti che uno ha nella vita. Sono le piccole cose che fai che possono davvero migliorare un’amicizia, ma chiedere troppo a un amico potrebbe danneggiare la tua relazione.

Daniele Corbo

Bibliografia: “The effects of obligation on relationships and well-being over time in middle adulthood”. Jeewon Oh, William J. Chopik, Amy K. Nuttall. International Journal of Behavioral Development

Immagine: Social Distancing (Carla Ciuffo)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.