Un nuovo farmaco può alleviare gli effetti collaterali dei farmaci contro la depressione grave

Circa uno su cinque in Danimarca sono affetti da depressione ad un certo punto della loro vita. Le depressioni gravi possono essere trattate con i cosiddetti “antidepressivi triciclici”, un farmaco antidepressivo che è più efficace dei farmaci usati per le depressioni lievi e moderate. Ma sfortunatamente, anche gli antidepressivi triciclici hanno un aspetto negativo: effetti collaterali significativamente sempre più gravi. Così gravi che molte persone smettono di assumere il farmaco e quindi non ricevono alcun trattamento per la loro depressione. Ora, i ricercatori della Facoltà di Scienze della salute e mediche dell’Università di Copenaghen, in collaborazione con Lundbeck A/S e il National Institutes of Health di Baltimora, hanno scoperto una sostanza che potrebbe risolvere quel problema. Hanno scoperto una sostanza, Lu AF60097, che funziona in modo diverso da quelle attualmente in uso. Se la nuova sostanza funziona, può aiutare i farmaci esistenti a sbarazzarsi dei gravi effetti collaterali. La serotonina è un cosiddetto neurotrasmettitore, una sostanza chimica presente nel cervello. In una persona con grave depressione, il livello di serotonina è molto basso. I farmaci antidepressivi apportano modifiche per ottenere un livello più elevato di serotonina attiva. Gli antidepressivi che vengono usati oggi funzionano andando e legandosi allo stesso sito della serotonina sul trasportatore della serotonina (SERT). Gli antidepressivi bloccano il trasporto di ritorno della serotonina e quindi anche la rimozione della serotonina attiva. Ma tale blocco richiede una dose relativamente grande della sostanza antidepressiva, causando alcuni gravi effetti collaterali. Gli effetti collaterali possono essere i più disparati: da problemi cardiaci potenzialmente letali a secchezza della bocca grave, disturbi visivi, sviluppo di mania, problemi di peso e problemi digestivi. La sostanza scoperta dai ricercatori si lega a un altro sito su SERT: il “sito allosterico”. Quando una sostanza si lega al sito allosterico piuttosto che allo stesso sito della serotonina, è possibile regolare la funzione del trasportatore della serotonina invece di bloccarla completamente. In questo caso, hanno dimostrato che quando si lega questa sostanza al sito allosterico mentre si dà l’antidepressivo triciclico, si riesce ad amplificare il legame della sostanza antidepressiva. Pertanto, è possibile usare una concentrazione molto più piccola della sostanza antidepressiva. Potrebbe causare meno effetti collaterali, ma avere lo stesso effetto terapeutico. I ricercatori hanno esaminato, per un lungo periodo di tempo e in diversi cicli, una serie di sostanze dalla biblioteca di farmaci di Lundbeck per trovare una sostanza che avesse un legame sufficientemente forte con il sito allosterico per consentire di studiare l’effetto farmacologico. Con Lu AF60097, finalmente ci riuscirono. Ma c’è ancora molta strada da fare prima che la sostanza possa essere utilizzata come un vero farmaco. I ricercatori hanno dimostrato che una sostanza che si lega al sito allosterico può avere questo pronunciato effetto farmacologico nelle cellule e nei ratti. Da qui, spetta alle aziende farmaceutiche sviluppare sostanze che possono avere lo stesso effetto sull’uomo. Hanno fatto il primo passo. Ma forse anche il più grande. Hanno dimostrato che il concetto funziona. Se funziona anche in pratica, si spera in futuro può essere usato per curare le persone con grave depressione.

Daniele Corbo

Bibliografia: “The mechanism of a high-affinity allosteric inhibitor of the serotonin transporter”. Per Plenge, Ara M. Abramyan, Gunnar Sørensen, Arne Mørk, Pia Weikop, Ulrik Gether, Benny Bang-Andersen, Lei Shi & Claus J. Loland. Nature Communications

Immagine: Depression (Ella Downing)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Tiaa ha detto:

    ORME, can you please add a little bit of translation?🤏🏾

    "Mi piace"

    1. Hi, you can find the translation button at the bottom of the site

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.