L’inquinamento atmosferico è collegato alla demenza e alle malattie cardiovascolari

Le persone continuamente esposte all’inquinamento atmosferico sono ad aumentato rischio di demenza, soprattutto se soffrono anche di malattie cardiovascolari (CVD), secondo uno studio del Karolinska Institutet in Svezia pubblicato sulla rivista JAMA Neurology. Pertanto, secondo i ricercatori, i pazienti con malattie cardiovascolari che vivono in ambienti inquinati possono richiedere un supporto aggiuntivo da parte degli operatori sanitari per prevenire la demenza. Si prevede che il numero di persone che vivono con la demenza triplicherà nei prossimi 30 anni. Non è stato identificato alcun trattamento curativo e la ricerca di rischi modificabili e fattori protettivi rimane una priorità per la salute pubblica. Studi recenti hanno collegato sia le malattie cardiovascolari che l’inquinamento atmosferico allo sviluppo della demenza, ma i risultati sul legame con l’inquinamento atmosferico sono stati scarsi e incoerenti. In questo studio, i ricercatori hanno esaminato il legame tra l’esposizione a lungo termine all’inquinamento atmosferico e la demenza e il ruolo delle malattie cardiovascolari in tale associazione. Quasi 3000 adulti con un’età media di 74 anni e residenti nel distretto di Kungsholmen nel centro di Stoccolma sono stati seguiti per un massimo di 11 anni. Di questi, 364 persone hanno sviluppato demenza. Il livello medio annuo di particolato di 2,5 micron o di larghezza inferiore (PM2,5) è considerato basso rispetto agli standard internazionali. È interessante notare che siano stati in grado di stabilire effetti dannosi sulla salute umana a livelli inferiori agli attuali standard di inquinamento atmosferico. I risultati suggeriscono che l’inquinamento atmosferico ha un ruolo nello sviluppo della demenza, e principalmente attraverso la fase intermedia della malattia cardiovascolare e in particolare l’ictus. Negli ultimi cinque anni di esposizione, il rischio di demenza è aumentato di oltre il 50% per differenza di intervallo interquartile (IQR) nei livelli medi di PM2,5 e del 14% per IQR in ossido di azoto. Le esposizioni precedenti sembravano meno importanti. L’insufficienza cardiaca e la cardiopatia ischemica hanno entrambi aumentato il rischio di demenza e l’ictus ha spiegato quasi il 50% dei casi di demenza correlati all’inquinamento atmosferico, secondo i ricercatori. L’inquinamento atmosferico è un fattore di rischio accertato per la salute cardiovascolare e poiché CVD accelera il declino cognitivo, ritengono che l’esposizione all’inquinamento atmosferico possa influire negativamente sulla cognizione indirettamente. Nel loro studio, praticamente tutta l’associazione dell’inquinamento atmosferico con la demenza sembrava esistere attraverso la presenza o lo sviluppo di CVD, aggiungendo ulteriori motivi per ridurre le emissioni e ottimizzare il trattamento della CVD simultanea e dei relativi fattori di rischio, in particolare per le persone che vivono nel aree più inquinate delle nostre città.

Daniele Corbo

Bibliografia: “The role of cardiovascular disease in the association of long-term exposure to air pollution and the risk of dementia”. Giulia Grande, Petter L.S. Ljungman, Kristina Eneroth, Tom Bellander, Debora Rizzuto. JAMA Neurology

Immagine: Pollution at sunset (Tomas Castano)

4 commenti Aggiungi il tuo

    1. Cara Luisa, l’ideale sarebbe vivere in luoghi verdi. L’inquinamento fa male per tanti aspetti. Spero che tu stia bene, un abbraccio

      Piace a 1 persona

      1. luisa zambrotta ha detto:

        Sto benino… e sfortunatamente vivo in Lombardia
        Buona serata

        "Mi piace"

  1. Si lo so che sei in Lombardia… Però la tua mente non sembra risentire per niente dell’inquinamento!

    "Mi piace"

Rispondi a Daniele Corbo (Orme Svelate) Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.