COVID-19: L’esercizio fisico può proteggere da complicazioni mortali

L’esercizio fisico regolare può ridurre il rischio di sindrome da distress respiratorio acuto, una delle principali cause di morte nei pazienti con il virus COVID-19, riferisce un ricercatore che si occupa di esercizio fisico. Sta esortando le persone ad esercitarsi sulla base delle sue scoperte, che suggeriscono anche un potenziale approccio terapeutico. Una recensione del ricercatore della School of Medicine dell’Università della Virginia, ha mostrato che i risultati della ricerca medica supportano fortemente la possibilità che l’esercizio fisico possa prevenire o almeno ridurre la gravità dell’ARDS, che colpisce tra il 3% e il 17% di tutti i pazienti con COVID-19. Sulla base delle informazioni disponibili, i Centri federali per il controllo e la prevenzione delle malattie stimano che il 20-42% dei pazienti ricoverati in ospedale per COVID-19 svilupperà ARDS. L’intervallo per i pazienti ricoverati in terapia intensiva è stimato tra il 67% e l’85%. La ricerca condotta prima della pandemia ha suggerito che circa il 45 percento dei pazienti che sviluppano gravi ARDS moriranno. Tutto ciò che senti ora è il distanziamento sociale o il ventilatore, come se tutto ciò che potessimo fare fosse evitare l’esposizione o fare affidamento su un ventilatore per sopravvivere in caso di infezione. Il rovescio della medaglia della storia è che circa l’80% dei pazienti confermati COVID-19 ha sintomi lievi senza bisogno di supporto respiratorio. La domanda è perché. Le scoperte su un enzima antiossidante endogeno forniscono importanti indizi e hanno incuriosito i ricercatori per sviluppare un “romanzo terapeutico” per le ARDS causate da COVID-19. Il ricercatore della UVA, ha compilato una revisione approfondita della ricerca medica esistente, compresa la sua, esaminando un antiossidante noto come “superossido dismutasi extracellulare” (EcSOD). Questo potente antiossidante caccia i radicali liberi dannosi, proteggendo i nostri tessuti e aiutando a prevenire le malattie. I nostri muscoli producono naturalmente EcSOD, secernendolo nella circolazione per consentire il legame con altri organi vitali, ma la sua produzione è potenziata dall’esercizio cardiovascolare. La revisione mostra una riduzione dell’antiossidante in diverse malattie, tra cui la malattia polmonare acuta, la cardiopatia ischemica e l’insufficienza renale. La ricerca in laboratorio sui topi suggerisce che il blocco della sua produzione aggrava i problemi cardiaci, mentre aumentandolo ha un effetto benefico. Una diminuzione di EcSOD è anche associata a condizioni croniche come l’artrosi. La ricerca suggerisce che anche una singola sessione di esercizio aumenta la produzione dell’antiossidante, spingendo I ricercatori a sollecitare le persone a trovare il modo di esercitarsi anche mantenendo il distanziamento sociale. Non possiamo vivere in isolamento per sempre. L’esercizio fisico regolare ha molti più benefici per la salute di quanto sappiamo. La protezione contro questa grave patologia respiratoria è solo uno dei tanti esempi.
La recensione suggerisce anche EcSOD come potenziale trattamento per ARDS e molte altre condizioni di salute. La terapia genica, ad esempio, un giorno potrebbe essere utilizzata per aumentare la produzione dell’antiossidante in modo che la sua presenza protettiva nei polmoni sia migliorata nei pazienti in lotta con COVID-19. La ricerca ha anche dimostrato che i ratti di laboratorio con malattia renale cronica avevano meno danni ai reni quando trattati con EcSOD umano. L’antiossidante è già stato proposto come potenziale terapeutico per la retinopatia diabetica, una complicazione del diabete che può portare alla cecità. Inoltre, EcSOD può anche rivelarsi utile contro la sindrome da disfunzione multiorgano, in cui più organi iniziano a fallire. Gli sforzi per trattare la condizione con antiossidanti generali non hanno avuto successo, ma il ricercatore suggerisce che la comprensione del funzionamento di EcSOD può consentire ai medici di utilizzarla in modo più mirato e, si spera, più efficace. Spesso diciamo che l’esercizio fisico è una medicina. EcSOD ha dato l’esempio perfetto che possiamo imparare dal processo biologico dell’esercizio per far avanzare la medicina. Nel frattempo che non conosciamo tutti i meravigliosi benefici dell’esercizio fisico, iniziamo ad allenarci per testarli su di noi.

Daniele Corbo

Bibliografia:” Extracellular superoxide dismutase, a molecular transducer of health benefits of exercise”. by Zhen Yan, Hannah R. Spaulding. Redox Biology

Immagine: Exercise and Health series (Liam Symes)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. vivcoppola ha detto:

    Questo articolo esorta le persone un po’ pigre come me a tornare a fare un mino di esercizio fisico. Oltre alle passeggiate quotidiane, m’impegno a fare 15 o venti minuti di esercizi di corpo libero. Ci riuscirò? Mah! Grazie per aver pubblicato il post Silvia. Serena giornata.

    "Mi piace"

    1. Si, è importante fare esercizio. Adesso ancora di più. Credo che se te lo fissi come obiettivo giornaliero, tu possa riuscirci. Una buona giornata a te!☺️

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.