COVID-19: la “camera per la tosse” mostra che 1,5 metri non sono abbastanza

This is a drawing of a person coughing in the chamber

Un recente studio condotto dalla Western University afferma che due metri potrebbero non essere abbastanza se qualcuno lascia andare una tosse nella tua direzione – il che significa che coprirsi quando starnutisci e tossisci è più di una semplice gentilezza sociale, ma una chiave per fermare la diffusione di malattie come COVID -19. È abbastanza difficile evitare la tosse, quando reagisci, ti ha raggiunto. Il team di ricerca in collaborazione con i virologi del Sunnybrook Hospital, ha recentemente esplorato i flussi d’aria per la tosse prodotti da soggetti umani naturalmente infettati dall’influenza stagionale al fine di comprendere meglio come le condizioni ambientali influenzano la trasmissione fisica dell’infezione. Se sei a un paio di metri da qualcuno che tossisce in modo non ostruttivo, quindi entro circa tre secondi circa, la loro tosse ti ha raggiunto – e si sta ancora muovendo. Lo studio ha dimostrato che fino al 10 percento delle goccioline sottili della tosse rimangono sospese nell’aria anche dopo quattro secondi. Health Canada, unendosi alle agenzie sanitarie di tutto il mondo, ha consigliato alle persone di tossire e starnutire nei gomiti, non nelle mani. Pur rompendo un’abitudine di lunga data per molti, questo impedisce che l’infezione venga trasmessa a superfici frequentemente toccate, come maniglie delle porte, sportelli automatici o schermi tattili. I risultati si aggiungono alle richieste di questi sforzi in combinazione con misure di distanziamento sociale durante la pandemia di COVID-19. Il team di ricerca interdisciplinare intende esaminare i percorsi delle goccioline COVID-19 attraverso l’aria e analizzare diverse superfici di materiali al fine di verificare la sua sopravvivenza in diverse condizioni di temperatura e umidità. Questa ulteriore indagine sarà condotta nel laboratorio di contenimento ImPaKT di Western, dove i ricercatori stanno attivamente sviluppando un efficace vaccino COVID-19. La grande domanda di questo studio per i virologi è capire il dosaggio necessario per causare un’infezione. Dipende dalla dimensione delle goccioline e dal contenuto virale di quelle goccioline. Chiaramente, più ti allontani da qualcuno, meno è probabile che tu sia infetto, se tossiscono o starnutiscono. Precedenti studi sul flusso d’aria per la tosse hanno misurato direttamente davanti alla bocca – “proprio alla fonte”. Ciò è irrilevante per ottenere i dati migliori. Al fine di fornire prove, il team non ha usato un simulatore di tosse, come un manichino, utilizzato in altri studi. Nel 2018, ha creato una “camera della tosse” conducendo 77 esperimenti con 58 soggetti diversi, di cui 21 che presentavano malattie simil-influenzali e, di questi, 12 avevano infezioni respiratorie confermate in laboratorio o un virus stagionale. La camera della tosse era un cubo chiuso di due metri appositamente costruito con un foro e un mento appoggiati su un’estremità, dove i partecipanti tossivano. Inoltre era presente una fotocamera ad alta velocità e una luce laser per determinare la velocità delle particelle espulse. Quindi ha seguito il movimento di particelle sottili mentre l’aria si muoveva. Alla velocità di picco, osservata al centro del getto di tosse, la velocità era di 1,2 metri al secondo. Queste goccioline vengono ancora trasportate abbastanza rapidamente, anche a quella distanza di separazione sicura. Non esiste una vera ragione logica per dire che due metri sono in qualche modo sicuri, ma è molto meglio di un metro o più vicino. Non è che dicano che verrai infettato, ma solo che c’è ancora un rischio lì. Ovviamente, diminuisce quanto più sei lontano. La velocità della tosse era quasi la stessa per i partecipanti sani e infetti. Essere malati non aumenta la velocità o il numero di goccioline. Con il loro modello di flusso d’aria per la tosse, i virologi studieranno una serie di infezioni per aiutare a determinare i mezzi di trasmissione. Questi risultati sono ulteriormente utili quando si quantificano i movimenti dell’aria dalla tosse in ambito sanitario, nonché quando si identificano le distanze di separazione sicure per mitigare la trasmissione del virus da persona a persona.

Daniele Corbo

Bibliografia: The study “Experimental investigation of far field human cough airflows from healthy and influenza-infected subjects” will be published in Indoor Air.

Immagine: The image is credited to Frank Neufeld.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.