La dieta può aiutare a preservare la funzione cognitiva

Secondo una recente analisi dei dati di due importanti studi sulle malattie degli occhi, l’adesione alla dieta mediterranea – ricca di verdure, cereali integrali, pesce e olio d’oliva – si correla con una maggiore funzione cognitiva. Anche i fattori dietetici sembrano avere un ruolo nel rallentare il declino cognitivo. I ricercatori del National Eye Institute (NEI), parte del National Institutes of Health, hanno condotto l’analisi dei dati dello studio sulle malattie degli occhi legate all’età (AREDS) e AREDS2. Hanno pubblicato i loro risultati oggi sulla rivista Alzheimer’s and Dementia. Non prestiamo sempre attenzione alle nostre diete. Dobbiamo esplorare in che modo la nutrizione influisce sul cervello e sull’occhio. I ricercatori hanno esaminato gli effetti di nove componenti della dieta mediterranea sulla cognizione. La dieta enfatizza il consumo di frutta intera, verdura, cereali integrali, noci, legumi, pesce e olio d’oliva, nonché il consumo ridotto di carne rossa e alcool. AREDS e AREDS2 hanno valutato nel corso degli anni l’effetto delle vitamine sulla degenerazione maculare legata all’età (AMD), che danneggia la retina sensibile alla luce. AREDS ha incluso circa 4.000 partecipanti con e senza AMD e AREDS2 ha incluso circa 4.000 partecipanti con AMD. I ricercatori hanno valutato i partecipanti AREDS e AREDS2 per la dieta all’inizio degli studi. Lo studio AREDS ha testato la funzione cognitiva dei partecipanti a cinque anni, mentre AREDS2 ha testato la funzione cognitiva nei partecipanti al basale e di nuovo due, quattro e 10 anni dopo. I ricercatori hanno utilizzato test standardizzati basati sull’esame di stato mini-mental modificato per valutare la funzione cognitiva e altri test. Hanno valutato la dieta con un questionario che chiedeva ai partecipanti il loro consumo medio di ogni componente della dieta mediterranea rispetto all’anno precedente. I partecipanti con la più grande aderenza alla dieta mediterranea avevano il rischio più basso di compromissione cognitiva. L’alto consumo di pesce e verdure sembrava avere il massimo effetto protettivo. A 10 anni, i partecipanti di AREDS2 con il più alto consumo di pesce avevano il più basso tasso di declino cognitivo. Le differenze numeriche nei punteggi delle funzioni cognitive tra i partecipanti con la più alta rispetto alla più bassa aderenza a una dieta mediterranea erano relativamente piccole, il che significa che gli individui probabilmente non vedranno una differenza nella funzione quotidiana. Ma a livello di popolazione, gli effetti mostrano chiaramente che la cognizione e la salute neurale dipendono dalla dieta. I ricercatori hanno anche scoperto che i partecipanti con il gene ApoE, che li mette ad alto rischio per il morbo di Alzheimer, avevano in media punteggi di funzione cognitiva più bassi e un declino maggiore rispetto a quelli senza il gene. I benefici della stretta aderenza a una dieta mediterranea erano simili per le persone con e senza il gene ApoE, il che significa che gli effetti della dieta sulla cognizione sono indipendenti dal rischio genetico per la malattia di Alzheimer.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Adherence to a Mediterranean diet and cognitive function in the Age-Related Eye Disease Studies 1 & 2”. by Keenan TD, Agron E, Mares J, Clemons TE, van Asten F, Swaroop A, and Chew E, for the AREDS and AREDS2 research groups. Alzheimer’s and Dementia

Immagine: MEDITERRANEO (Lucia Bergamini)

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. antoniapes ha detto:

    L’unica cosa che mi aiuta è il cioccolato fondente 🙂

    "Mi piace"

  2. moragnoffke ha detto:

    Very interesting, thank you.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.