Uno studio identifica 275 modi per ridurre la diffusione del coronavirus dopo il blocco

La riapertura a fasi di scuole, aziende e spazi aperti dovrebbe essere presa in considerazione insieme a una serie di modi pratici per tenere le persone fisicamente separate, affermano gli autori di un nuovo studio su come facilitare il blocco senza una ripresa delle infezioni da coronavirus. Lo studio dell’università di Cambridge ha identificato 275 modi per ridurre la trasmissione del coronavirus. Le possibilità mediche non sono state considerate. Non offre raccomandazioni: un elenco delle opzioni più appropriate per regioni e contesti specifici dovrebbe essere considerato nel contesto della loro probabile efficacia, costo, praticità ed equità. Vi è una crescente pressione per riaprire l’economia e riportare le persone al lavoro e senza isolamento. Ma se torniamo a funzionare come abbiamo fatto prima della pandemia, ci sarà una seconda ondata di virus. Tutte le attività dovranno essere prese in considerazione individualmente e introdotte gradualmente, a seconda del rischio che comportano per diffondere il virus. Misure di blocco rigorose si stanno dimostrando efficaci nel controllare la diffusione del coronavirus in molti paesi, ma stanno mettendo a dura prova la salute mentale e fisica della popolazione e l’economia. La vaccinazione di massa non è probabile prima della seconda metà del 2021. Misure come l’allontanamento fisico, il miglioramento dell’igiene personale e la riduzione della contaminazione probabilmente rimarranno elementi centrali di tutte le strategie di controllo per qualche tempo. Lo studio elenca la gamma di opzioni pratiche disponibili per raggiungere queste misure, tra cui:

• I proprietari dei caffè possono aprire le aree esterne solo all’inizio e pulire i tavoli – ben distanziati – dopo ogni cliente.
• L’accesso ai parchi pubblici potrebbe essere limitato a diverse fasce d’età in diversi momenti della giornata, con le porte lasciate aperte in modo da non dover essere toccate con gli utenti che devono camminare sul lato destro del marciapiede o in senso orario attorno a grandi spazi aperti.
• Le stazioni di servizio potrebbero diventare completamente senza contatto, con i clienti che pagano dall’interno della propria auto.
• I pazienti andranno solo su appuntamento dai medici e potrebbe essere chiesto di aspettare in macchina fuori dallo studio fino alla chiamata.
• Le classi scolastiche potrebbero essere divise in gruppi più piccoli con insegnanti dedicati, che vanno a scuola solo una settimana ogni tre.

Fondamentalmente si tratta di come fermare le persone che vanno in giro insieme e avviare gradualmente le attività a partire da quelle più sicure. Far sì che ciò accada dipenderà dalle persone responsabili di ogni elemento della società. L’identificazione, la valutazione e l’applicazione di una vasta gamma di opzioni potrebbe consentire di eliminare in anticipo alcune delle condizioni di blocco più rigorose e ridurre il periodo di transizione, affermano i ricercatori. L’obiettivo finale di una transizione di successo è raggiungere la “Normalità resiliente”, un nuovo modo di esistere nel mondo che ci rende meno suscettibili alle future pandemie. Le informazioni sono state raccolte con un metodo che utilizza una vasta gamma di fonti per identificare una gamma di opzioni per un determinato problema. Le fonti includevano esperti in vari settori, crowdsourcing sui social media e ricerche pubblicate. All’inizio di un processo decisionale o di produzione orientativa, è sensato essere consapevoli della gamma di possibili opzioni. I responsabili politici e i professionisti devono decidere quali strategie sono appropriate per intervenire nelle diverse fasi della transizione dal blocco.
L’elenco delle potenziali opzioni è disponibile online all’indirizzo https://covid-19.biorisc.com

Daniele Corbo

Bibliografia: Informing management of lockdowns and a phased return to normality: a Solution Scan of non-pharmaceutical options to reduce SARS-CoV-2 transmission”. by Sutherland, W.J. et al. BioRISC

Immagine: The image is in the public domain.

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. dulcedelgado ha detto:

    I think that the itens of this list are really important in our future…

    "Mi piace"

    1. Yes, unfortunately I think that they are necessary… Stay safe

      Piace a 1 persona

  2. janettelart ha detto:

    Non bisogna aprire tutto, ma cominciare dalle fabbriche e lentamente con dei turni. Ho comprato delle piante online da una serra alcune settimane fa, ma non possono fare la spedizione. Tutto bloccato! Eppure un minimo dovrebbe funzionare…Lo dico per l’economia, non per le piante che possono aspettare!

    "Mi piace"

    1. Sta arrivando il momento in cui è possibile pensare di aprire le attività, ma con estremo raziocinio e attenzione.

      Piace a 1 persona

  3. fulvialuna1 ha detto:

    L’apertura deve essere trattata coin maggior attenzione del momento appena trascorso, sia dai governi che dalla popolazione, una ricaduta forte sarebbe davvero una catastrofe, umanitaria ed economica.

    "Mi piace"

    1. È un serio rischio, ma ho la sensazione che le persone non l’abbiano compreso. Buona domenica

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.