Genetica legata a problemi emotivi, sociali e psichiatrici infantili

I problemi emotivi, sociali e psichiatrici nei bambini e negli adolescenti sono stati collegati a livelli più elevati di vulnerabilità genetica per la depressione adulta. Gli scienziati dell’Università del Queensland hanno fatto la scoperta analizzando i dati genetici di oltre 42.000 bambini e adolescenti di sette coorti in Finlandia, Paesi Bassi, Norvegia, Svezia e Regno Unito. I ricercatori hanno anche trovato un legame con una maggiore vulnerabilità genetica per l’insonnia, il nevroticismo e l’indice di massa corporea. Al contrario, i partecipanti allo studio con punteggi genetici più elevati per il rendimento scolastico e il benessere emotivo hanno dimostrato di aver ridotto i problemi dell’infanzia. Hanno calcolato il livello di vulnerabilità genetica di una persona sommando il numero di geni a rischio che avevano per una specifica patologia o tratto, e quindi fatto aggiustamenti in base al livello di importanza di ciascun gene. Hanno scoperto che la relazione era per lo più simile nel tempo. risultati indicano che ci sono fattori genetici condivisi che influenzano una serie di tratti psichiatrici e correlati per tutta la durata della vita di una persona. Circa il 50% dei bambini e degli adolescenti con problemi psichiatrici, come il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), continuano a sperimentare disturbi mentali da adulti e sono a rischio di disimpegnarsi con la propria comunità scolastica tra gli altri sociali ed emotivi i problemi. Queste scoperte sono importanti in quanto suggeriscono che questa continuità tra i tratti dell’infanzia e quelli dell’adulto è in parte spiegata dal rischio genetico. Le persone a rischio di essere colpite dovrebbero essere al centro dell’attenzione e del trattamento mirato. Anche se la vulnerabilità genetica non è abbastanza accurata in questa fase per fare previsioni individuali su come i sintomi di una persona si svilupperanno nel tempo, potrebbe diventare così in futuro, in combinazione con altri fattori di rischio. E questo può supportare la medicina di precisione fornendo trattamenti mirati ai bambini a più alto rischio di persistenti problemi emotivi e sociali.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Genetic Associations Between Childhood Psychopathology and Adult Depression and Associated Traits in 42 998 Individuals : A Meta-Analysis”. by Christel Middeldorp et al. JAMA Psychiatry

Immagine: Childhood (Rafaela Senfft)

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. myfanwy80 ha detto:

    Very interesting article/blog there thank you 🙏 really insightful x

    "Mi piace"

    1. Thanks a lot, you are really very kind. I hope you are fine!☺️🙏💕

      Piace a 1 persona

  2. myfanwy80 ha detto:

    All good over here in the welsh vale keeping occupied hope your safe 🙏🧚‍♀️

    "Mi piace"

    1. I’m glad of it. We continue to hope🙏💕

      Piace a 1 persona

  3. janettelart ha detto:

    sisi, ma nel caso mio, insegnante, mi tornano indietro. Adulto/genitore depresso=figlio depresso= docente schizzato😂

    "Mi piace"

    1. E così si tramandano di generazione in generazione… Circoli viziosi da spezzare e insegnanti da salvare.😅

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.