Quali alimenti mangi insieme? Il modo in cui li combini può aumentare il rischio di demenza

Finger Food Painting by Henry Beer |

Non è un segreto che una dieta sana possa giovare al cervello. Tuttavia, potrebbe non essere solo quali alimenti si mangiano, ma quali alimenti si mangiano insieme che potrebbero essere associati al rischio di demenza, secondo un nuovo studio pubblicato nel numero online di Neurology del 22 aprile 2020. Lo studio ha esaminato le “reti alimentari” e ha scoperto che le persone la cui dieta consisteva principalmente in carni altamente elaborate, cibi amidacei come patate e snack come biscotti e torte, avevano maggiori probabilità di avere la demenza anni dopo rispetto alle persone che mangiavano una più ampia varietà di cibi sani. Esiste una complessa interconnessione di alimenti nella dieta di una persona ed è importante capire come queste diverse connessioni, o reti alimentari, possano influenzare il cervello perché la dieta potrebbe essere un modo promettente per prevenire la demenza. Numerosi studi hanno dimostrato che una dieta più sana, ad esempio una dieta ricca di verdure a foglia verde, bacche, noci, cereali integrali e pesce, può ridurre il rischio di demenza di una persona. Molti di questi studi si sono concentrati sulla quantità e sulla frequenza degli alimenti. Questo studio ha fatto un ulteriore passo avanti per esaminare le reti alimentari e ha riscontrato importanti differenze nei modi in cui i prodotti alimentari venivano consumati congiuntamente nelle persone che hanno continuato a sviluppare demenza e in quelle che non lo hanno fatto. Lo studio ha coinvolto 209 persone con un’età media di 78 anni affette da demenza e 418 persone, abbinate per età, sesso e livello di istruzione, che non avevano demenza. Cinque anni prima i partecipanti avevano compilato un questionario sugli alimenti che descriveva quali tipi di alimenti consumavano durante l’anno e con quale frequenza, da meno di una volta al mese a più di quattro volte al giorno. Hanno anche fatto controlli medici ogni due o tre anni. I ricercatori hanno utilizzato i dati del questionario sugli alimenti per confrontare quali alimenti venivano spesso consumati insieme dai pazienti con e senza demenza. I ricercatori hanno scoperto che mentre c’erano poche differenze nella quantità di singoli alimenti che le persone mangiavano, i gruppi o le reti alimentari complessivi differivano sostanzialmente tra le persone che avevano la demenza e quelle che non avevano la demenza. Le carni trasformate erano un “hub “nelle reti alimentari delle persone affette da demenza. Le persone che hanno sviluppato la demenza avevano maggiori probabilità di combinare carni altamente elaborate come salsicce, salumi e patè con cibi ricchi di amido come patate, alcool e snack come biscotti e torte. Ciò può suggerire che la frequenza con cui la carne trasformata viene combinata con altri alimenti non sani, piuttosto che in quantità media, può essere importante per il rischio di demenza. Ad esempio, le persone con demenza avevano maggiori probabilità, quando mangiavano carne trattata, di accompagnarle con patate e le persone senza demenza avevano maggiori probabilità di accompagnare carne con cibi più diversi, tra cui frutta e verdura e frutti di mare. Complessivamente, le persone che non avevano la demenza avevano più probabilità di avere molta diversità nella loro dieta, dimostrata da molte piccole reti alimentari che di solito includevano cibi più sani, come frutta e verdura, frutti di mare, pollame o carne. Hanno scoperto che una maggiore diversità nella dieta e una maggiore inclusione di una varietà di cibi sani, è correlata alla minore demenza. In effetti, hanno riscontrato differenze nelle reti alimentari che si potevano vedere anni prima che le persone con demenza venissero diagnosticate. I loro risultati suggeriscono che studiare la dieta osservando le reti alimentari può aiutare a districare la complessità della dieta e della biologia in salute e malattia. Insomma per preservate la nostra mente è importante abbinare gli alimenti nel modo giusto.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Using network science tools to identify novel diet patterns in prodromal dementia”. by Cécilia Samieri, Abhijeet Rajendra Sonawane, Sophie Lefèvre-Arbogast, et al.. Neurology

Immagine: Finger Food (Henry Beer)

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. Guido Fabrizi ha detto:

    Il tutto sommato a polveri sottili e a glutammato…

    "Mi piace"

    1. Si, l’articolo si limitava all’aspetto dell’alimentazione. Ma concorrono altri aspetti legati alle abitudini e allo stile di vita!

      "Mi piace"

  2. M. Rebecca Farsi ha detto:

    siamo quello che mangiamo….è incredibile quanto rilevanti siano gli effetti dell’alimentazione sul benessere psicofisico di medio e lungo termine. Bell’articolo come al solito. Grande DANY

    "Mi piace"

    1. Grazie cara Rebecca. L’alimentazione è fondamentale per il benessere psicofisico, insisto sempre tanto su questo punto spesso trascurato.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.