Da Voldemort a Darth Vader: ci piacciono i cattivi immaginari che ci ricordano noi stessi

Darth Vader Painting by Oleksii Chernikov

Mentre le persone si stanno letteralmente abbuffando guardando programmi TV e film durante questo periodo di distanziamento fisico, possono trovarsi stranamente attratti dai cattivi immaginari, da Voldemort e Vader a Maleficent e Moriarty. Piuttosto che parlare della seduzione esercitata dal cosiddetto lato oscuro, il fascino dei personaggi malvagi ha una spiegazione scientificamente rassicurante. Secondo una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Psychological Science, le persone potrebbero trovare sorprendentemente piacevoli i cattivi immaginari quando condividono somiglianze con lo spettatore o il lettore. Questa attrazione per le versioni potenzialmente più oscure di noi stessi nelle storie si verifica anche se sentissimo repulsione verso individui del mondo reale che hanno comportamenti altrettanto immorali o instabili. Uno dei motivi di questo cambiamento, indica la ricerca, è che la finzione si comporta come una rete di sicurezza cognitiva, permettendoci di identificarci con personaggi malvagi senza contaminare la nostra immagine di noi stessi. La ricerca suggerisce che storie e mondi immaginari possono offrire un “rifugio sicuro” per il confronto con un personaggio malvagio che ci ricorda di noi stessi. Quando le persone si sentono protette dal velo della finzione, possono mostrare un maggiore interesse nell’apprendimento di personaggi oscuri e sinistri che assomigliano loro. Gli accademici hanno a lungo suggerito alle persone di indietreggiare da coloro che sono in molti modi simili a se stessi ma possiedono caratteristiche negative come l’odiosità, l’instabilità e il tradimento. Le caratteristiche antisociali in qualcuno con qualità altrimenti simili, secondo il pensiero, possono essere una minaccia per l’immagine che una persona ha di se stessa. Le persone vogliono vedersi in una luce positiva. Trovare somiglianze tra se stessi e una persona cattiva può essere scomodo. Al contrario, i ricercatori hanno scoperto che mettere la persona cattiva in un contesto immaginario può rimuovere quel disagio e persino invertire questa preferenza. In sostanza, questa separazione dalla realtà attenua i sentimenti indesiderati e spiacevoli. Quando non ti senti più a disagio con il confronto, sembra esserci qualcosa di allettante e allettante nell’avere somiglianze con un cattivo. Ad esempio, le persone che si considerano difficili e caotiche possono sentirsi particolarmente attratte dal personaggio di The Joker nei film di Batman, mentre una persona che condivide l’intelletto e l’ambizione di Lord Voldemort può sentirsi più attratta da quel personaggio della serie di Harry Potter. Per testare questa idea, i ricercatori hanno analizzato i dati dal sito Web CharacTour, una piattaforma di intrattenimento online incentrata sui personaggi che aveva circa 232.500 utenti registrati al momento dell’analisi. Una delle funzionalità del sito consente agli utenti di fare un quiz sulla personalità e vedere la loro somiglianza con diversi personaggi che sono stati codificati come malvagi o meno. I cattivi includevano personaggi come Maleficent, The Joker e Darth Vader. I non criminali includevano Sherlock Holmes, Joey Tribbiani e Yoda. I dati anonimi di questi quiz hanno permesso ai ricercatori di verificare se le persone fossero attratte o respinte da criminali simili, usando come base i non criminali. Non sorprende che le persone siano state attratte dai non malvagi man mano che la loro somiglianza aumentava. Tuttavia, i risultati suggeriscono inoltre che gli utenti sono più attratti dai cattivi che condividono somiglianze con loro. I ricercatori ritengono che le somiglianze con i cattivi della storia non minaccino l’io come farebbero i cattivi della vita reale. Data la constatazione comune che le persone sono a disagio e tendono ad evitare le persone che sono simili a loro e cattive in qualche modo, il fatto che le persone preferiscano in realtà cattivi simili a cattivi diversi è stato sorprendente per i ricercatori. I dati attuali non identificano quali comportamenti o caratteristiche i partecipanti hanno trovato interessanti. Sono necessarie ulteriori ricerche per esplorare l’attrazione psicologica dei cattivi e se le persone sono attratte da simili criminali nella finzione perché le persone cercano possibilità di esplorare il proprio lato oscuro personale. Forse la finzione fornisce un modo per interagire con gli aspetti oscuri della tua personalità senza farti dubitare che tu sia una brava persona in generale.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Can Bad Be Good? The Attraction of a Darker Self”. by Rebecca J. Krause, Derek D. Rucker. Psychological Science

Immagine: Darth Vader (Oleksii Chernikov)

7 commenti Aggiungi il tuo

  1. Ehipenny ha detto:

    Già da inizio articolo mi è venuto in mente il personaggio di Jocker, e penso che questa identificazione sia stata quasi portata all’estremo con il film uscito nel 2019, si tende a vedere dietro alla figura del cattivo una sorta di motivazione alla malvagità, che non ci appare fine a se stessa ma una conseguenza

    "Mi piace"

    1. Quello che dici è vero, ma un po’ diverso dal contenuto dell’articolo. Nel senso che nello studio si parlava semplicemente di una specie di “simpatia” legata ad una somiglianza con se stessi, senza che ciò comportasse un pensiero o un’emozione successiva. Però ritengo che tale simpatia molto spesso comporti ciò che tu hai detto

      Piace a 1 persona

      1. Ehipenny ha detto:

        Sì avevo inteso il senso, mi ha fatta viaggiare con il ragionamento perchè mi ha ricordato quel personaggio 😄

        Piace a 1 persona

  2. janettelart ha detto:

    Neanche per sogno…mai avuta attrazione.Sembrerà strano ma mi fanno così pena…mi mettono tristezza

    "Mi piace"

    1. È molto sano e giusto provare compassione verso i cattivi..

      "Mi piace"

  3. Alesocialedu ha detto:

    Stupendo questo articolo !

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.