Un potenziale trattamento per il dolore cronico

Pain Painting by Victoria Kolbaia |

I ricercatori dell’Università di Copenaghen hanno sviluppato un nuovo modo di trattare il dolore cronico che è stato testato nei topi. Con un composto progettato e sviluppato dagli stessi ricercatori, possono ottenere un completo sollievo dal dolore. Tra il sette e il dieci percento della popolazione mondiale soffre di dolore cronico originato da nervi che sono stati danneggiati. Una malattia che può essere gravemente debilitante. Ora, i ricercatori dell’Università di Copenaghen hanno trovato un nuovo modo di trattare il dolore. Il trattamento è stato testato su topi e i nuovi risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica EMBO Molecular Medicine. Per più di un decennio, i ricercatori hanno lavorato per progettare, sviluppare e testare un farmaco che fornisse un completo sollievo dal dolore. Hanno sviluppato un nuovo modo di trattare il dolore cronico. È un trattamento mirato. Cioè, non influisce sulla segnalazione neuronale generale, ma riguarda solo i cambiamenti nervosi causati dalla malattia. Ci stanno lavorando da più di dieci anni, iniziando completamente il processo dalla comprensione della biologia, dall’invenzione e progettazione del composto alla descrizione di come funziona negli animali, influenza il loro comportamento e rimuove il dolore. Il dolore cronico può verificarsi, tra l’altro, dopo un intervento chirurgico, nelle persone con diabete, dopo un coagulo di sangue e dopo un’amputazione sotto forma di dolore fantasma. Il composto sviluppato dai ricercatori è un cosiddetto peptide chiamato Tat-P4- (C5) 2. Il peptide è mirato e influenza solo i cambiamenti nervosi che rappresentano un problema e causano dolore. In uno studio precedente, i ricercatori hanno dimostrato in un modello animale che l’uso del peptide può anche ridurre la dipendenza. Pertanto, i ricercatori sperano che il composto possa potenzialmente aiutare i pazienti con dolore che sono diventati dipendenti, ad esempio, dagli antidolorifici oppioidi in particolare. Il composto funziona in modo molto efficiente e non vedono effetti collaterali. Si può amministrare questo peptide e ottenere un completo sollievo dal dolore nel modello di topo che hanno usato, senza l’effetto letargico che caratterizza i farmaci antidolorifici esistenti. Ora, il loro prossimo passo è lavorare per testare il trattamento sulle persone. L’obiettivo, per loro, è sviluppare un farmaco, quindi il piano è quello di creare al più presto un’azienda di biotecnologie in modo da potersi concentrare su questo.

Daniele Corbo

Bibliografia: The study will appear in EMBO Molecular Medicine

Immagine: Pain (Victoria Kolbaia)

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. QueridaJ ha detto:

    In all rampant the negative news, thank you for sharing this!! Chronic pain is such a soul sucking battle and addiction to opioids is an ever increasing issue.

    "Mi piace"

    1. Thanks! Sometimes there is a good news…

      "Mi piace"

  2. vincenza63 ha detto:

    Speriamo bene…
    ciao Daniele!

    "Mi piace"

    1. Si, è un problema terribile troppo spesso trascurato.. Ciao Vicky

      "Mi piace"

Rispondi a vincenza63 Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.