Lockdown: perché la musica ci tiene uniti nell’isolamento

A Break With Music Painting by Gabriele Wendland

“Non trattenerti, canta con tutto il tuo cuore”, ha detto il neuroscienziato Simon Baron-Cohen su uno Zoom incontrando l’altra sera i suoi compagni membri della band. Simon è direttore dell’Autism Research Center dell’Università di Cambridge di giorno e bassista del gruppo blues e funk Deep Blue di notte. La sua band e molti altri si stanno dirigendo verso le vie virtuali Zoom per suonare insieme. Uno dei fenomeni più incoraggianti che abbiamo iniziato a vedere in risposta alle leggi sul distanziamento sociale sono i modi innovativi in ​​cui le persone stanno iniziando a legarsi tra loro, in particolare musicalmente. All’inizio del blocco in Italia, i video sono diventati virali sui social media dei vicini che cantavano l’un l’altro attraverso i loro balconi. Questa tendenza si è verificata anche in Israele, Spagna, Iraq, Stati Uniti, Francia, Libano, India, Germania e altri paesi. E non erano solo balconi. Le persone andavano sui loro tetti, finestre e persino online. Questa necessità di legare – specialmente attraverso la musica – riguarda le caratteristiche fondamentali dell’essere umano. In un certo senso, tra gli orrori della pandemia di COVID-19, stiamo vivendo un esperimento psicologico sociale globale che ci sta dando un’idea di ciò che sta al centro della nostra umanità. Siamo innatamente creature sociali. In effetti, alcuni studiosi hanno sostenuto che, a livello biologico, il cervello sociale nell’uomo è più sviluppato di quello di qualsiasi altra specie sulla terra . Come tale, noi umani abbiamo un bisogno biologico di formare legami e cooperare tra noi. Ciò è evidente nello stress fisiologico e psicologico che sperimentiamo quando siamo isolati, il che aumenta la nostra spinta a connetterci con gli altri – qualcosa a cui stiamo assistendo nelle società di tutto il mondo. In poche parole, il cervello sociale deve essere alimentato e, se costretto all’isolamento, si adatterà per trovare il modo di connettersi. Ciò che è interessante è che semplicemente scambiarsi messaggi o telefonare non sembra bastare. Anche la videochiamata faccia a faccia non è stata sufficiente per molti. Dobbiamo collegarci in modo che il cervello sociale risuonerà a livello emotivo. È qui che entra in gioco la musica. Conosciamo tutti la frase “la musica è cibo per l’anima”, ma è anche vero che la musica è cibo per il cervello. La ricerca mostra che quando cantiamo insieme, i nostri cervelli sociali vengono attivati ​​per produrre ossitocina . Questo è un ormone cerebrale strettamente legato al modo in cui gli esseri umani socializzano tra loro. Viene rilasciato quando formiamo legami sociali, quando siamo sincronizzati tra di noi durante le interazioni faccia a faccia e quando siamo intimi con gli altri, motivo per cui alcuni si riferiscono ad esso come l’ormone “delle coccole” o “dell’amore”. Ricerche recenti sulla musica hanno dimostrato che l’ossitocina aumenta quando cantiamo in tutti i modi. Un lavoro del 2015 ha dimostrato che il canto corale ha aumentato l’ossitocina. Un altro studio nel 2017 ha dimostrato che l’ossitocina è aumentata durante il canto improvvisato con altri . Ma non è solo il canto che aumenta l’ossitocina. Uno studio del 2017 ha dimostrato che l’ossitocina aumenta dopo aver appena ascoltato la musica. E non solo, aumenta quando si ascoltano tempi musicali sia lenti che veloci. Tutto ciò indica perché, a livello biologico, la musica fa parte di ciò che ci rende umani. Ognuno è diverso e c’è musica per soddisfare i gusti di tutti, motivo per cui esiste un progetto chiamato Musical Universe in cui le persone possono fare dei test e scoprire come le loro preferenze musicali uniche si collegano al loro tipo di cervello e personalità. Ma qualunque siano i tuoi gusti specifici, la musica gioca un ruolo importante nel connetterti con gli altri nel blocco del coronavirus. Ecco perché durante la pandemia sono spuntate sessioni di canto di gruppo attraverso cortili e piattaforme di videoconferenza. E perché vediamo Elton John, Alicia Keys, Chris Martin dei Coldplay e molti altri concerti live streaming dalle loro case per far partecipare il mondo.

Daniele Corbo

Bibliografia: https://theconversation.com/uk

Immagine: A Break With Music (Gabriele Wendland)

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. KINDNESS ha detto:

    Good evening Blessings 🌼🌻

    "Mi piace"

    1. Hi, I hope you are fine! Hugs and blessings😊💕

      "Mi piace"

  2. Ay, ay, ay, ay
    Canta y no llores
    Porque cantando se alegran
    Cielito lindo, los corazones…
    (Ana Gabriel)

    "Mi piace"

    1. Grazie, citazione appropriata!😊

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.