Livelli più elevati di caffeina e urato sono protettivi contro il Parkinson

Due purine, caffeina e urato, sono stati associati a un ridotto rischio di morbo di Parkinson (PD) in più gruppi di studio e popolazioni. L’analisi dei dati dello studio sui biomarcatori di Harvard mostra che bassi livelli di consumo di caffeina e bassi livelli di urato nel sangue sono inversamente associati al PD, rafforzando i collegamenti tra assunzione di caffeina e livelli di urato e PD, riporta uno studio nel Journal of Parkinson’s Disease (JPD). Sia la caffeina che l’urato possiedono proprietà neuroprotettive attraverso l’antagonista del recettore dell’adenosina e le azioni antiossidanti, rispettivamente. Entrambi hanno proprietà protettive nei modelli animali di PD, aumentando la possibilità del loro potenziale di rallentamento della malattia. I ricercatori hanno quindi studiato se questi fattori di rischio ridotti sono associati al PD nei partecipanti allo Harvard Biomarkers Study (HBS), che è uno studio longitudinale progettato per accelerare la scoperta e la convalida dei marcatori diagnostici e di progressione molecolare del PD in stadio iniziale. Gli investigatori hanno condotto uno studio trasversale caso-controllo su 369 individui con PD idiopatico e 197 controlli sani dell’intera coorte HBS. L’urato è stato misurato in campioni di plasma raccolti alla visita HBS iniziale di ciascun partecipante. L’assunzione di caffeina è stata anche valutata alla visita HBS iniziale di ciascun partecipante utilizzando un questionario semiquantitativo. Il questionario ha interrogato sul consumo abituale dei partecipanti di caffè, tè e bevande analcoliche contenenti caffeina e decaffeinato durante i precedenti 12 mesi in volumi standard (tazze per caffè e tè e lattine per bevande analcoliche) con nove possibili frequenze che vanno da mai a sei o più per giorno. L’assunzione di caffeina era inferiore nei pazienti con malattia idiopatica rispetto ai controlli sani. Le probabilità di avere il PD sono diminuite significativamente con l’aumento del consumo di caffeina in modo dipendente dalla concentrazione attraverso quintili di consumo di caffeina, adattandosi per età, sesso, BMI e urato plasmatico. Rispetto al quintile con il più basso consumo di caffeina, la prevalenza di PD era inferiore del 70% nel quintile più alto. È stata osservata anche una forte associazione inversa con livelli di urato plasmatico sia nei maschi che nelle femmine. Un’associazione altrettanto ampia tra rischio di urato e PD è stata osservata tra le donne, in contrasto con la maggior parte degli studi precedenti dell’associazione tra urato e PD idiopatico stratificato per sesso. Questi risultati supportano la generalizzabilità delle scoperte fatte con questa coorte. La forza di questo nuovo studio è legata all’approccio solido, che comprende l’ampia e attentamente seguita coorte di persone che vivono con PD e la serie completa di misure di risultato. È una base importante per sviluppare ulteriormente i futuri approcci di modifica della malattia per rallentare il declino di questa condizione altrimenti implacabilmente progressiva. I ricercatori avvertono che un recente ampio studio clinico su un trattamento di aumento degli urato non è riuscito a dimostrare un beneficio per le persone con PD per mesi o anni. Pertanto, anche se l’attuale studio rafforza il legame tra PD e livelli più bassi di urato, le strategie per aumentarli possono essere dannose e non possono essere raccomandate. La caffeina deve ancora essere rigorosamente studiata in uno studio a lungo termine sulla PD, quindi non si può raccomandare di aumentare l’assunzione di caffeina. Tuttavia, le persone che attualmente godono di caffeina nel caffè o nel tè possono provare ulteriore piacere nel conoscerne il potenziale terapeutico anche se non sono state dimostrate potenzialità. Identificare i fattori collegati alla minore probabilità di PD, come il consumo di caffeina, offre un’opportunità unica per comprendere la malattia e se il legame era causale, quindi probabilmente per rallentare la malattia. Il PD è un disturbo lentamente progressivo che influenza il movimento, il controllo muscolare e l’equilibrio. È il secondo disturbo neurodegenerativo correlato all’età più comune che colpisce circa il 3% della popolazione all’età di 65 anni e fino al 5% degli individui di età superiore agli 85 anni.

Daniele Corbo

Bibliografia: Associations of Lower Caffeine Intake and Plasma Urate Levels with Idiopathic Parkinson’s Disease in the Harvard Biomarkers Study”. by Dr. Bakshi et al. Journal of Parkinson’s Disease

Immagine: Time for Coffee (Valentyna Pylypenko)

9 commenti Aggiungi il tuo

  1. Antonella Lallo ha detto:

    L’ha ripubblicato su Antonella Lallo.

    "Mi piace"

  2. Le perle di R. ha detto:

    Ho letto che ancora non ci sono prove certe, ma io che faccio uso di caffè solo come ingrediente nei dolci? Sarei spacciata! 😅

    "Mi piace"

    1. Noo… Ci sono altri fattori protettivi, non preoccuparti 😅😉

      Piace a 1 persona

  3. auacollage ha detto:

    ma che meraviglia !! la mia caffettiera da 6, la mattina funziona alla grande allora🤣🤣🤣🤣

    "Mi piace"

  4. fulvialuna1 ha detto:

    E anche qui andiamo bene, mio marito poi! Una caffettiera vivente.

    "Mi piace"

    1. Bene, oggi ho portato buone notizie! ☺️

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.