Essere nel posto sbagliato può scatenare una reazione allergica

Allergy Season Painting by Jessica Bianco

Le reazioni allergiche possono verificarsi senza essere scatenate da un allergene come il polline di erba o betulla: è sufficiente che la paziente torni nello stesso posto in cui era stata precedentemente esposta all’allergene, come hanno scoperto i ricercatori dell’Università di Tubinga. Tuttavia, questo tipo di reazione condizionata a una situazione intrinsecamente neutra e innocua si verifica solo dopo una fase del sonno che segue il condizionamento. Il nuovo studio sull’influenza dei fattori psicologici sulle reazioni allergiche è stato condotto dai ricercatori dell’Istituto di psicologia medica e neurobiologia comportamentale. I risultati vanno in qualche modo a spiegare perché le reazioni allergiche sono frequentemente osservate come una forma di reazione placebo quando l’allergene originale non è presente. Lo studio è stato pubblicato negli ultimi Proceedings of the National Academy of Sciences. Il team di ricerca ha reclutato volontari con rinite allergica, a cui è stato quindi somministrato uno spray nasale contenente i rispettivi allergeni (polline di erba o betulla) in una sala di prova neutrale. La forza della reazione allergica che si verifica nei soggetti è stata misurata dalla quantità di un enzima specifico nella secrezione nasale. La metà dei soggetti è andata a dormire per otto ore dopo questo esperimento, mentre l’altra metà ha dovuto rimanere sveglia fino alla sera successiva. Una settimana dopo, l’esperimento è stato ripetuto nella stessa sala prove. Ma questa volta non sono stati somministrati allergeni. I soggetti hanno reagito con la rinite allergica poco dopo essere entrati nella stanza, ma solo quelli del gruppo che hanno dormito. I soggetti che sono rimasti svegli non hanno avuto una reazione allergica al ritorno nella stanza in cui è stato condotto l’esperimento. Né i membri del gruppo che hanno dormito hanno subito una reazione in un altro posto in cui sono stati portati nella seconda settimana. Proprio come in un processo di apprendimento convenzionale, la fase del sonno ha svolto un ruolo decisivo nello studio. Solo attraverso il sonno il cervello ha collegato saldamente un determinato ambiente con una reazione allergica. Questa è la prima prova sperimentale che un luogo specifico da solo può scatenare una reazione allergica. I ricercatori ritengono che, come in molti processi di costruzione della memoria, l’ippocampo abbia un ruolo nel condizionare l’organismo a rispondere al suo ambiente. E l’ippocampo funziona in modo dipendente dal sonno. È sorprendente quanto velocemente il sistema immunitario apprenda la reazione non corrispondente. Nell’esperimento, una singola dose di allergene è stata sufficiente per collegare la reazione allergica con l’ambiente. Decifrare questo meccanismo di apprendimento è una spinta alla ricerca di allergie e sonno. Tuttavia, è difficile trarre delle semplici conclusioni su come migliorare la situazione delle persone allergiche. Dopotutto, devono dormire, specialmente perché il sonno ha un effetto positivo su altre, utili reazioni immunitarie.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Human sleep consolidates allergic responses conditioned to the environmental context of an allergen exposure”. by Luciana Besedovsky et al. PNAS

Immagine: Allergy Season (Jessica Bianco)

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. elettasenso ha detto:

    Io sono sempre nel posto sbagliato perché sono allergica alla polvere 😉🐞

    "Mi piace"

    1. Evidentemente… 😅🌷

      "Mi piace"

  2. Le perle di R. ha detto:

    Interessante studio.

    "Mi piace"

    1. È vero, sottolinea l’importanza della psiche. Ciao Rita 🤗

      Piace a 1 persona

  3. janettelart ha detto:

    Ovviamente ci sono tanti altri fattori, ma ciò che dici l’ho sperimentato, soprattutto quando ero ragazza. Ora riesco a controllare un po’ meglio…

    "Mi piace"

    1. Non è semplice imparare a controllare… Spesso si corre addirittura il rischio di peggiorare

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.