I nostri cervelli sono predisposti per il desiderio?

Longing Painting by Tres Ases

William Blake diceva che “Coloro che reprimono il desiderio, lo fanno perché il loro desiderio è abbastanza debole da essere represso”, dipende realmente solo da questo o ci sono dinamiche cerebrali più complesse? Quando si tratta di formare un legame duraturo, il nostro desiderio di un partner può essere importante quanto – se non più importante di – come reagiamo quando siamo con loro, suggerisce un sorprendente nuovo studio di imaging del cervello pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences this week questa settimana. Al fine di mantenere le relazioni nel tempo, ci deve essere una certa motivazione a stare con quella persona quando sei lontano da loro. Il nostro è il primo documento a individuare le possibili basi neurali per la motivazione a ricongiungersi. Il documento segna l’ultima scoperta dello studio lungo anni sulle arvicole (piccoli roditori), una delle quali solo dal 3% al 5% circa delle specie di mammiferi (compresi gli esseri umani) che tendono ad accoppiarsi per tutta la vita. Osservando il comportamento e l’attività cerebrale dei roditori monogami, hanno cercato di capire meglio quali regioni del cervello – fino al livello cellulare – spingono l’istinto a formare legami duraturi. In definitiva, i risultati potrebbero essere utilizzati per sviluppare terapie per quelli con autismo, depressione grave e altri disturbi che rendono difficili tali connessioni emotive. Ma in questo momento la ricerca fornisce anche spunti sul perché il distanziamento sociale è così difficile. Siamo unicamente cablati per cercare relazioni strette come fonte di conforto, e che spesso provengono da atti fisici di contatto. Per lo studio, il team ha usato minuscole macchine fotografiche e una tecnologia all’avanguardia chiamata imaging del calcio in vivo per spiare il cervello di dozzine di arvicole in tre momenti: quando stavano solo incontrando un’altra arvicola; tre giorni dopo essersi accoppiati; e 20 giorni dopo essersi sostanzialmente trasferiti insieme. I ricercatori hanno anche osservato che gli animali interagivano con arvicole che non erano loro compagni. Precedenti ricerche sull’imaging cerebrale nell’uomo hanno mostrato un’alterata attività cerebrale in una regione chiamata nucleus accumbens, lo stesso centro di ricompensa che si illumina durante l’uso di eroina o cocaina, quando i soggetti della ricerca tenevano la mano di un partner romantico contro uno sconosciuto. Quindi, all’inizio, il team ha ipotizzato che l’attività cerebrale delle arvicole sarebbe notevolmente diversa quando si stavano rannicchiando con il loro compagno contro un arvicola casuale. Sconosciuto o amante, il cervello delle arvicole sembrava sostanzialmente lo stesso quando erano insieme. Fu solo quando le arvicole erano lontane dal loro partner e correvano per incontrarle – immaginate la classica scena di riunione romantica in aeroporto o il tema di un numero qualsiasi di poesie d’amore – che un gruppo unico di cellule nel nucleo accumbens si è costantemente acceso. Più a lungo erano stati accoppiati gli animali, più stretto era il loro legame e più grande era il gruppo luminoso di cellule – soprannominato “insieme di approccio del partner” – sugli schermi. In particolare, un gruppo di cellule completamente diverso si illuminò quando l’arvicola si avvicinò a uno sconosciuto. Questo suggerisce che forse il reclutamento di queste cellule per questo nuovo scopo è importante per formare e mantenere un legame. Forse sostanze chimiche del cervello come l’ossitocina, la dopamina e la vasopressina, che in studi sugli animali e sull’uomo hanno dimostrato di avere un ruolo nel favorire la fiducia e la vicinanza, siano coinvolte nel processo. Ma non si sa per certo cosa fa quel gruppo di cellule. Inoltre, non è chiaro se lo specifico “codice neuronale” associato al desiderio di riunirsi in archi ispiri la stessa emozione nelle persone. Sono in corso ulteriori ricerche. Ciò che lo studio conferma è che i mammiferi monogami sono unicamente cablati per stare con gli altri. Questi sentimenti negativi che molti di noi stanno provando in questo momento possono derivare da una discrepanza: abbiamo un segnale neuronale che ci dice che stare con i propri cari ci farà sentire meglio, mentre le restrizioni pratiche indicano che questa necessità non è soddisfatta. È l’equivalente emotivo di non mangiare quando abbiamo fame, tranne ora che invece di saltare un pasto, praticamente stiamo lentamente morendo di fame.

Daniele Corbo

Bibliografia: “A neuronal signature for monogamous reunion”. by Zoe Donaldson et al. PNAS

Immagine: Longing (Tres Ases)

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. silviadeangelis40d ha detto:

    Un articolo interessante e molto speciale.
    Condiviso sul mio profilo facebook
    Cari saluti,silvia

    "Mi piace"

    1. Grazie cara Silvia! Buon pomeriggio

      Piace a 1 persona

      1. silviadeangelis40d ha detto:

        Buona serata a te

        "Mi piace"

  2. silviadeangelis40d ha detto:

    L’ha ripubblicato su Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.