La nostra capacità di concentrazione può vacillare dopo aver mangiato un pasto ricco di grassi saturi

English Breakfast Painting by Irina Pandeva

Il cibo grasso può sembrare un amico capace di dare sollievo dalla tristezza durante questi periodi difficili, ma una nuova ricerca suggerisce che mangiare solo un pasto ricco di grassi saturi può ostacolare la nostra capacità di concentrazione – non un’ottima notizia per le persone le cui diete non sono più state sane mentre lavorano a casa durante la pandemia COVID-19. Lo studio ha confrontato il modo in cui 51 donne hanno eseguito un test della loro attenzione dopo aver mangiato un pasto ricco di grassi saturi o lo stesso pasto fatto con olio di semi di girasole, che è ricco di grassi insaturi. Le loro prestazioni durante il test sono state peggiori dopo aver mangiato il pasto ad alto contenuto di grassi saturi che dopo aver mangiato il pasto contenente un grasso più sano, segnalando un legame tra quel cibo grasso e il cervello. I ricercatori hanno anche esaminato se una condizione chiamata intestino permeabile, che consente ai batteri intestinali di entrare nel flusso sanguigno, avesse alcun effetto sulla concentrazione. I partecipanti con intestino permeabile hanno ottenuto risultati peggiori nella valutazione dell’attenzione, indipendentemente dal pasto consumato. La perdita di concentrazione dopo un singolo pasto ha aperto gli occhi ai ricercatori. La maggior parte dei lavori precedenti sull’effetto causale della dieta sono stati osservati per un periodo di tempo. In questo studio è stato solo un pasto – è abbastanza straordinario che abbiano visto una differenza. Il pasto a base di olio di semi di girasole, sebbene a basso contenuto di grassi saturi, conteneva ancora molto grasso dietetico. Poiché entrambi i pasti erano ricchi di grassi e potenzialmente problematici, l’effetto cognitivo del pasto ricco di grassi saturi potrebbe essere ancora maggiore se confrontato con un pasto a basso contenuto di grassi. Per questo lavoro, pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition, il team ha condotto un’analisi secondaria per valutare se i pasti ricchi di grassi aumentassero l’affaticamento e l’infiammazione tra i sopravvissuti al cancro. Le donne nello studio hanno completato una valutazione di base della loro attenzione durante una visita mattutina al laboratorio. Lo strumento, chiamato test continuo delle prestazioni, è una misura di attenzione, concentrazione e tempo di reazione sostenuti basata su 10 minuti di attività basate su computer. Seguì il pasto ricco di grassi: uova, biscotti, salsiccia di tacchino e sugo contenente 60 grammi di grassi, un olio a base di acido palmitico ricco di grassi saturi o l’olio di girasole a basso contenuto di grassi. Entrambi i pasti hanno totalizzato 930 calorie e sono stati progettati per imitare il contenuto di vari fast-food come un doppio piatto di Burger King con formaggio o un Big Mac di MacDonald con patatine medie. Cinque ore dopo, le donne hanno ripreso il test delle prestazioni continue. Tra una e quattro settimane dopo, hanno ripetuto questi passaggi, consumando il pasto opposto a quello che avevano mangiato durante la prima visita. I ricercatori hanno anche analizzato i campioni di sangue al basale dei partecipanti per determinare se contenevano una molecola infiammatoria che segnala la presenza di endotossiemia, la tossina che fuoriesce dall’intestino ed entra nel flusso sanguigno quando la barriera intestinale è compromessa. Dopo aver consumato un pasto ricco di grassi saturi, tutte le donne partecipanti erano in media l’11% meno in grado di rilevare gli stimoli target nella valutazione dell’attenzione. Sono stati inoltre riscontrati intervalli di concentrazione nelle donne con segni di permeabilità intestinale: i loro tempi di risposta erano più irregolari ed erano meno in grado di sostenere la loro attenzione durante il test di 10 minuti. Se le donne presentavano alti livelli di endotossemia, cancellavano anche le differenze tra i pasti. Stavano andando male, indipendentemente dal tipo di grasso che mangiavano. Sebbene lo studio non abbia determinato ciò che stava accadendo nel cervello, ricerche precedenti hanno suggerito che il cibo ricco di grassi saturi può far aumentare l’infiammazione in tutto il corpo, e probabilmente nel cervello. Gli acidi grassi possono anche attraversare la barriera emato-encefalica. Potrebbe essere che gli acidi grassi interagiscano direttamente con il cervello. Ciò che mostra è il potere della disregolazione correlata all’intestino. L’analisi statistica ha tenuto conto di altre potenziali influenze sulla cognizione, inclusi i sintomi depressivi e il consumo medio di grassi saturi nella dieta delle partecipanti. Le donne nello studio hanno mangiato tre pasti standardizzati e hanno digiunato per 12 ore prima di ogni visita di laboratorio per ridurre le variazioni dietetiche che potrebbero influenzare la loro risposta fisiologica ai pasti ricchi di grassi. I risultati suggeriscono che la concentrazione potrebbe essere ancora più compromessa nelle persone stressate dalla pandemia che si rivolgono a cibi grassi per conforto. Quello che sappiamo è che quando le persone sono più ansiose, un buon sottoinsieme di noi troverà cibo ad alto contenuto di grassi saturi più allettante delle verdure. Sappiamo da altre ricerche che anche la depressione e l’ansia possono interferire con la concentrazione e l’attenzione. Quando le aggiungiamo al pasto ricco di grassi, potremmo aspettarci che gli effetti nel mondo reale siano ancora più grandi.

Daniele Corbo

Bibliografia: The study will be published in American Journal of Clinical Nutrition.

Immagine: English Breakfast Painting by (Irina Pandeva)

8 commenti Aggiungi il tuo

  1. Sheree ha detto:

    C’e « a full English »

    "Mi piace"

    1. Sorry but I don’t understand what you mean…

      Piace a 1 persona

      1. Sheree ha detto:

        In the UK we call this type of breakfast « a full English »

        "Mi piace"

  2. M. Rebecca Farsi ha detto:

    la permeabilità intestinale è un disturbo spesso sottovalutato, almeno in Italia. Invece può risultare origine di innumerevoli danni, anche a livello immunitario, data la relazione tra buon funzionamento intestinale e sistema immunitario. Credo che la medicina dovrebbe dare maggiore importanza ad aspetti patologici come questo che hai opportunamente esposto. Grazie Dani, come al solito. Buona giornata

    "Mi piace"

    1. Grazie cara Rebecca. L’alimentazione non è ancora vista come qualcosa di correlato alla mente e al suo benessere. Si dovrebbe iniziare a farlo. Buona giornata a te💕

      Piace a 1 persona

  3. moragnoffke ha detto:

    Thank you, I found it very interesting.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.