Alcuni problemi di memoria prevedono la demenza futura

This shows a head

La ricerca condotta dal team del Center for Healthy Brain Aging (CHeBA) dell’UNSW ha dimostrato che alcuni problemi di memoria da parte degli adulti più anziani sono predittive della futura demenza. I risultati appena pubblicati su PLOS ONE evidenziano l’importanza dei medici generici nell’ascolto della popolazione di pazienti adulti più anziani in relazione alla memoria. Hanno scoperto che quando gli adulti più anziani vanno dal loro medico di medicina generale con disturbi cognitivi soggettivi specifici della memoria, sarebbe saggio prenderlo sul serio in quanto potrebbero prevedere la futura demenza. I disturbi cognitivi soggettivi si riferiscono all’esperienza personale di un declino cognitivo. La ricerca suggerisce sempre più che queste lamentele soggettive potrebbero essere il primo stadio rilevabile della demenza preclinica. I disturbi cognitivi soggettivi hanno il potenziale per catturare i problemi di memoria di tutti i giorni che non vengono sempre rilevati dai test clinici. I reclami cognitivi soggettivi possono essere auto-segnalati o segnalati da qualcuno vicino all’individuo. Possono riferirsi a cambiamenti specifici nella capacità di memoria o cambiamenti in altri domini cognitivi come la lingua o la velocità di elaborazione. Il Sydney Memory and Aging Study (MAS) studia i tassi e i predittori di declino della salute e cognitivo negli anziani. Il team è particolarmente interessato a quando/perché gli adulti normalmente funzionanti che mostrano evidenza di memoria o declino cognitivo progrediscono verso la demenza o migliorano. Questa ricerca si estende da precedenti lavori che hanno esaminato la relazione tra memoria auto-segnalata o altre preoccupazioni cognitive e quelle fornite da familiari o amici, noti come informatori. La ricerca ha valutato 873 adulti più anziani senza demenza alla prima valutazione. Lo studio ha anche esaminato 843 informatori che conoscevano i partecipanti abbastanza bene da commentare i cambiamenti nelle capacità cognitive dei partecipanti. Le valutazioni neuropsicologiche complete sono state eseguite per sei anni. Le valutazioni sono state esaminate da un gruppo di esperti clinici che hanno concordato una diagnosi clinica di demenza. I disturbi cognitivi specifici della memoria dei partecipanti e degli informatori erano associati al tasso di declino cognitivo globale. Se un informatore ha notato che la persona aveva una memoria più povera, sei anni dopo hanno riscontrato un declino della memoria e della funzione esecutiva (pianificazione, comprensione, pensiero astratto). Il rischio di demenza al follow-up era anche maggiore se i partecipanti si lamentavano di una memoria più povera o se il loro informatore notava cambiamenti nella memoria e tipi di cognizione senza memoria. I risultati hanno sottolineato l’importanza delle presentazioni soggettive degli adulti più anziani e la rilevanza delle percezioni degli informatori in relazione alla previsione del declino cognitivo. Mentre molte persone con disturbi della memoria non sviluppano demenza, laddove possibile, gli informatori dovrebbero essere invitati a segnalare eventuali cambiamenti nella memoria dell’individuo e capacità di non memoria, poiché tali sintomi aumentano il rischio di ulteriore declino.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Participant and informant memory-specific cognitive complaints predict future decline and incident dementia: Findings from the Sydney Memory and Ageing Study”. by Katya Numbers, John D. Crawford, Nicole A. Kochan, Brian Draper, Perminder S. Sachdev, Henry Brodaty. PLOS ONE

Immagine: The image is in the public domain

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. zoon ha detto:

    …ho un futuro demente, quindi…

    Piace a 1 persona

  2. silviadeangelis40d ha detto:

    L’ha ripubblicato su Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava.

    "Mi piace"

Rispondi a silviadeangelis40d Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.