Lo stress acuto può alterare la percezione delle paure

Getting rid of stress. Painting by Vita Schagen

Una nuova ricerca psicologica dell’Università di Costanza rivela che lo stress cambia il modo in cui trattiamo le informazioni rischiose – risultati che fanno luce su come eventi stressanti, come una crisi globale, possono influenzare il modo in cui le informazioni e la disinformazione sui rischi per la salute si diffondono nei social network. La crisi globale del coronavirus e la pandemia di disinformazione che si è diffusa sulla sua scia, sottolinea l’importanza di comprendere come le persone elaborano e condividono informazioni sui rischi per la salute in periodi di stress. Le percezioni del rischio sono alla base di una complessa dinamica sociale: le informazioni relative al rischio vengono trasmesse tra individui, queste informazioni influenzano le percezioni del rischio e le percezioni del rischio influenzano le informazioni trasmesse. Ciò può portare a un’amplificazione sociale del rischio. I risultati hanno scoperto una rete complessa in cui si intrecciano vari filoni di stress endocrino, stress soggettivo, percezione del rischio e condivisione di informazioni. Lo studio, che appare sulla rivista Scientific Reports, riunisce psicologi del Cluster of Excellence DFG “Center for the Advanced Study of Collective Behaviour” presso l’Università di Costanza: Gaissmaier, esperti in dinamica del rischio, e studiosi degli effetti dello stress sul cervello. Nel nostro mondo iper-connesso, le informazioni fluiscono rapidamente da persona a persona. La pandemia di COVID-19 ha dimostrato come le informazioni sul rischio – come ad esempio sui pericoli per la nostra salute – possano diffondersi attraverso i social network e influenzare la percezione della minaccia da parte delle persone, con gravi ripercussioni sugli sforzi della salute pubblica. Tuttavia, se lo stress influenza o meno questo, non è mai stato studiato. Dato che siamo spesso sottoposti a stress acuto anche in tempi normali e in particolare durante l’attuale pandemia di salute, sembra molto importante non solo capire come le menti in condizioni normali elaborano questo tipo di informazioni e condividerle nei loro social network, ma anche come menti stressate. Per fare ciò, i ricercatori hanno chiesto ai partecipanti di leggere articoli su una sostanza chimica controversa, quindi di riferire la loro percezione del rischio della sostanza prima e dopo aver letto gli articoli e di dire quali informazioni avrebbero trasmesso ad altri. Poco prima di questo compito, metà del gruppo era esposta a uno stress sociale acuto, che implicava parlare in pubblico e aritmetica mentale di fronte a un pubblico, mentre l’altra metà completava un compito di controllo. I risultati hanno mostrato che sperimentare un evento stressante cambia drasticamente il modo in cui elaboriamo e condividiamo le informazioni sui rischi. I partecipanti stressati sono stati meno influenzati dagli articoli e hanno scelto di condividere le informazioni riguardanti le informazioni in misura significativamente minore. In particolare, questa smorzata amplificazione del rischio era una funzione diretta di livelli elevati di cortisolo indicativi di una risposta allo stress a livello endocrino. Al contrario, i partecipanti che hanno riportato sentimenti soggettivi di stress hanno mostrato maggiore preoccupazione e comunicazioni di rischio più allarmanti. Da un lato, la reazione allo stress endocrino può quindi contribuire a sottovalutare i rischi quando si scambiano informazioni sui rischi in contesti sociali, mentre sentirsi stressati può contribuire a sopravvalutare i rischi ed entrambi gli effetti possono essere dannosi. Sottovalutare i rischi può aumentare azioni incaute come la guida rischiosa o la pratica di rapporti sessuali non sicuri. La sopravvalutazione dei rischi può portare a ansie e comportamenti pericolosi non necessari, come non farsi vaccinare. Rivelando gli effetti differenziali dello stress sulle dinamiche sociali della percezione del rischio, lo studio di Costanza fa luce sulla rilevanza di tale lavoro non solo da un individuo, ma anche da una prospettiva politica. Tornando all’attuale pandemia di COVID-19, evidenzia che non abbiamo solo bisogno di comprenderne la virologia e l’epidemiologia, ma anche i meccanismi psicologici che determinano come ci sentiamo e pensiamo al virus e come diffondiamo quei sentimenti e pensieri nei nostri social network.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Acute Stress Reduces the Social Amplification of Risk Perception”. by Nathalie F. Popovic, Ulrike U. Bentele, Jens C. Pruessner, Mehdi Moussaïd, Wolfgang Gaissmaier. Scientific Reports

Immagine: Getting rid of stress. (Vita Schagen)

8 commenti Aggiungi il tuo

  1. Che lo stress influenzi ogni cosa l’ho sempre pensato. Ottimo articolo😊

    "Mi piace"

      1. A te per i tuoi post intelligenti.😘

        "Mi piace"

  2. eleonorabergonti ha detto:

    Un articolo davvero molto ben scritto e molto interessante, bravo. 👏

    "Mi piace"

  3. eleonorabergonti ha detto:

    🙂, ti auguro un buon martedì.

    "Mi piace"

  4. silviadeangelis40d ha detto:

    L’ha ripubblicato su Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.