Il meteo condiziona le persone con dolore cronico

Un nuovo studio di massa sulle persone che soffrono di dolore cronico nel Regno Unito ha dimostrato i legami tra dolore e determinate condizioni meteorologiche atmosferiche. Secondo i nuovi studi, le condizioni meteorologiche nel Regno Unito potrebbero causare sofferenze croniche di dolore più o meno in determinati giorni a causa di determinati schemi di pressione e di pioggia, umidità e temperatura. Per caratterizzare meglio quali condizioni meteorologiche influenzano maggiormente il dolore, un gruppo di ricercatori della University of Manchester e i loro collaboratori, finanziati da Versus Arthritis, hanno condotto uno studio di 15 mesi con oltre 13.000 residenti nel Regno Unito che vivono in condizioni di dolore cronico. In questo studio, chiamato “Cloudy With a Chance of Pain”, i partecipanti hanno registrato l’intensità del dolore quotidiano all’interno di un’app sul proprio smartphone. La posizione GPS del telefono verrebbe quindi collegata ai dati meteorologici. Il lavoro precedente del team ha utilizzato un approccio statistico per esaminare la differenza di tempo locale tra i giorni in cui le persone hanno avuto un aumento del dolore rispetto al giorno precedente rispetto ai giorni in cui non hanno avuto un tale evento doloroso. In questo nuovo studio, il team ha analizzato i dati in tutto il Regno Unito come farebbe un meteorologo. I ricercatori hanno classificato tutti i giorni nello studio in base alla percentuale di persone che hanno risposto che hanno registrato un evento doloroso. Nei giorni più dolorosi il 23% dei partecipanti ha riportato un aumento del dolore e nei giorni meno dolorosi il 10% dei partecipanti ha riportato un aumento del dolore. I ricercatori hanno preso i 45 giorni in cima alla classifica (il 10% superiore di tutti i giorni di studio) e hanno mediato le condizioni meteorologiche in quei giorni per determinare gli schemi meteorologici presenti quando il maggior numero di persone soffriva. Hanno fatto lo stesso per i 45 giorni in cui il minor numero di persone ha riferito dolore (in basso 10%). Questi risultati della ricerca mostrano per la prima volta i modelli meteorologici nei giorni in cui un gran numero di persone riferisce dolore, rispetto ai giorni con un basso numero di persone che segnalano dolore. Nei giorni più dolorosi, il flusso dei venti era diretto proprio nel Regno Unito, con una pressione inferiore al normale (o bassa) sul Regno Unito. L’umidità e il tasso di precipitazione erano entrambi al di sopra del normale e i venti erano più forti. Al contrario, nei giorni meno dolorosi, il flusso del vento tendeva a soffiare a nord del Regno Unito, portando una pressione sopra la norma (o alta) nel Regno Unito. L’umidità e il tasso di precipitazione erano entrambi al di sotto del normale e i venti erano più deboli. Oltre 2400 anni fa, Ippocrate scrisse che diverse direzioni del vento potevano portare una salute migliore o peggiore agli individui. La convinzione delle persone che vivono con condizioni di dolore a lungo termine, come l’artrite, che il loro dolore è influenzato dal tempo rimane prevalente oggi, con circa il 75% delle persone con dolore cronico che credono che ciò sia vero. Tuttavia, c’è disaccordo sulle condizioni meteorologiche che peggiorano il loro dolore. Parte del motivo di questa mancanza di consenso è che i precedenti ricercatori hanno trattato separatamente le diverse misure del tempo come pressione, temperatura, umidità, il che presuppone che si possa variare la temperatura mentre si tiene tutte le altre misure meteorologiche fisse. Naturalmente, l’atmosfera reale non si comporta in questo modo, poiché tutte le variabili cambiano contemporaneamente. Una semplice analisi chiaramente non farà capire come il tempo influenza il dolore. Questa ricerca conferma e amplia le ricerche precedenti dei ricercatori di Manchester. Poiché questo studio è il più ampio in termini di durata e numero di partecipanti, consente una maggiore fiducia nei risultati. Sebbene non tutti credano nel legame tra tempo e dolore, i risultati di questo progetto dovrebbero dare conforto e sostegno a coloro che hanno affermato che il tempo influenza il loro dolore, ma che sono stati derisi per questa idea. Infine, questa ricerca inizia anche a far luce sulle condizioni ambientali che modulano il dolore, intuizioni che potrebbero essere esplorate ulteriormente per migliorare il trattamento, la gestione e la previsione del dolore.

Daniele Corbo 

Bibliografia: “Weather Patterns Associated with Pain in Chronic-Pain Sufferers”. by David M. Schultz et al. Bulletin of the American Meteorological Society

Immagine: The image is in the public domain

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. silviadeangelis40d ha detto:

    L’ha ripubblicato su Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava.

    "Mi piace"

  2. fulvialuna1 ha detto:

    Interessante.
    Ci credo molto, sperimentato su me stessa. Purtroppo.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.