La sclerosi multipla presenta un rischio superiore del 29% per le persone che vivono nelle aree urbane

L’inquinamento atmosferico potrebbe essere un fattore di rischio per lo sviluppo della sclerosi multipla (SM), secondo un nuovo studio condotto in Italia. La ricerca, appena presentata al Congresso virtuale dell’Accademia europea di neurologia (EAN), ha rilevato un rischio ridotto per la sclerosi multipla negli individui che risiedono in aree rurali che hanno livelli più bassi di inquinanti atmosferici noti come particolato (PM). Ha dimostrato che il rischio per gli Stati membri, rispetto all’urbanizzazione e alla privazione economica, era del 29% più elevato tra quelli residenti nelle aree più urbanizzato. Il campione di studio includeva oltre 900 pazienti con SM nella regione e si è riscontrato che i tassi di SM sono aumentati di 10 volte negli ultimi 50 anni, da 16 casi per 100.000 abitanti nel 1974 a quasi 170 casi per 100.000 persone oggi. Mentre l’enorme aumento può essere parzialmente spiegato dall’aumento della sopravvivenza per i pazienti con SM, questo forte aumento potrebbe anche essere spiegato da una maggiore esposizione ai fattori di rischio. L’analisi è stata condotta in inverno, dato che questa è la stagione con le più alte concentrazioni di inquinanti, nella regione nord-occidentale italiana della Lombardia, che ospita oltre 547.000 persone. È noto che le malattie immunitarie come la SM sono associate a molteplici fattori, sia genetici che ambientali. Alcuni fattori ambientali, come i livelli di vitamina D e le abitudini al fumo, sono stati ampiamente studiati, ma pochi studi si sono concentrati sugli inquinanti atmosferici. Si ritiene che l’inquinamento atmosferico interagisca attraverso diversi meccanismi nello sviluppo della SM e che i risultati di questo studio rafforzino tale ipotesi. Il particolato (PM) è usato per descrivere una miscela di particelle solide e goccioline nell’aria ed è diviso in due categorie. PM10 include particelle con un diametro di 10 micrometri di dimensioni inferiori e PM2.5 che hanno un diametro di 2,5 micrometri o dimensioni inferiori. Sia il PM10 che il PM2.5 sono importanti inquinanti e sono noti per essere collegati a varie condizioni di salute, tra cui malattie cardiache e polmonari, cancro e problemi respiratori. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, ogni anno si verificano 4,2 milioni di decessi a causa dell’esposizione all’inquinamento atmosferico. Tre diverse aree sono state confrontate all’interno della regione di studio in base ai loro livelli di urbanizzazione, di cui due sono risultate superiori alla soglia di inquinamento atmosferico della Commissione europea. Nelle aree a rischio più elevato, stanno attualmente conducendo studi analitici specifici per esaminare molteplici fattori ambientali probabilmente correlati alla distribuzione eterogenea del rischio di SM. Il numero di persone che vivono con la SM nel mondo sta crescendo, con oltre 700.000 malati in tutta Europa. La stragrande maggioranza (85%) dei pazienti presenta SM remittente recidivante, caratterizzata da episodi imprevedibili e auto-limitanti del sistema nervoso centrale. Mentre la SM può essere diagnosticata a qualsiasi età, si verifica spesso tra i 20 ei 40 anni ed è più frequente nelle donne. I sintomi possono cambiare in gravità ogni giorno e comprendono affaticamento, difficoltà di deambulazione, intorpidimento, dolore e spasmi muscolari. Capire quali possano essere le cause per la sua insorgenza offrirà maggiori strumenti di prevenzione.

Daniele Corbo

Bibliografia: The study will appear in European Journal of Neurology

Immagine: The image is in the public domain

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Pare che gli artefici dell’insorgenza di diverse malattie siano stati proprio gli uomini e ciò rammarica.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.