Nuove scoperte sulle allucinazioni uditive nella schizofrenia

Esiste una probabilità estremamente elevata che individui con sindrome da microeliminazione 22q11.2 – una rara malattia genetica – sviluppino schizofrenia insieme a uno dei suoi sintomi più comuni, le allucinazioni uditive. Gli scienziati dell’Università di Ginevra (UNIGE) e del Centro nazionale di competenza scientifica della ricerca (NCCR) hanno studiato questa categoria di pazienti. Sono riusciti a collegare l’insorgenza di questo fenomeno allucinatorio con lo sviluppo anormale di alcune sottostrutture di una regione profonda del cervello chiamata talamo. Questi nuclei talamici sono stati identificati usando una combinazione di risonanza magnetica funzionale e strutturale. Sono coinvolti nell’elaborazione della memoria e nell’ascolto tra l’altro. Gli autori suggeriscono che potrebbe esserci una spiegazione per queste allucinazioni uditive che è quasi “meccanica”: l’immaturità delle connessioni degli assoni che legano i nuclei talamici alle aree della corteccia responsabili dell’udito. I risultati, pubblicati sulla rivista Biological Psychiatry: Cognitive Neuroscience and Neuroimaging, aprono la strada a una nuova comprensione della fisiopatologia e del trattamento della schizofrenia. Diversi studi negli ultimi anni hanno dimostrato un legame tra schizofrenia e anomalie nello sviluppo del talamo, una regione cerebrale profonda che elabora una serie di funzioni cognitive, tra cui memoria di lavoro e udito. Più specificamente, il volume del talamo è mediamente più piccolo nei pazienti schizofrenici. Di conseguenza, è stato possibile collegare l’insorgenza di allucinazioni uditive con una connettività neuronale eccessivamente intensa tra il talamo e la corteccia uditiva. Un’allucinazione uditiva è definita come la percezione del suono in assenza di una fonte sonora esterna. È uno dei sintomi più caratteristici della schizofrenia, un disturbo psicotico che colpisce circa l’1% della popolazione. Hanno usato una coorte di pazienti unica al mondo nel tentativo di analizzare più dettagliatamente il meccanismo alla base di questo fenomeno allucinatorio. Negli ultimi 19 anni, un programma sostenuto dall’Università di Ginevra ha aiutato a arruolare e monitorare individui affetti da una rara sindrome neurogenetica: sindrome da microeliminazione 22q11.2, causata dall’assenza di un piccolo frammento di DNA nel cromosoma 22. Questi pazienti sono spesso inclini ad allucinazioni uditive tra le altre cose. Ancora più importante, dal 30 al 35% di loro sviluppa schizofrenia durante la loro vita. Questa è la categoria con il più alto rischio di cadere vittima del disturbo psicotico. Questa coorte, composta da oltre 200 pazienti che vivono in Svizzera, Francia, Belgio, Lussemburgo e Inghilterra, rappresenta un’opportunità unica per seguire le persone dall’infanzia all’età adulta e sottoporle a una serie regolare di test (imaging medico, analisi genetiche, ecc. ). Offre la possibilità di comprendere i processi neuro-evolutivi coinvolti nell’insorgenza della schizofrenia e possibilmente determinare potenziali trattamenti che potrebbero ritardare, rallentare o addirittura arrestare la progressione dei sintomi psicotici. Lo studio si è concentrato su 230 persone di età compresa tra 8 e 35 anni: 120 della coorte e 110 individui sani che sono serviti da controlli. I partecipanti sono stati sottoposti a una scansione del cervello ogni tre anni utilizzando la risonanza magnetica funzionale e strutturale. Non è stato dato loro alcun compito da completare: la macchina ha semplicemente registrato l’attività cerebrale generata da pensieri fluttuanti attivando a turno le principali reti neurali. Gli scienziati si sono concentrati in particolare sulle varie sottostrutture del talamo, ognuna con le proprie funzioni. Hanno scoperto che i nuclei talamici coinvolti nell’elaborazione sensoriale uditiva e visiva e nella memoria di lavoro sono più piccoli nelle persone con sindrome da delezione rispetto ad altre. E tra le persone con sindrome da delezione, il volume del nucleo del genicolato mediale (MGN, una delle sottoparti del talamo coinvolto nelle vie uditive) e quello degli altri nuclei utilizzati nella memoria sono più piccoli nel gruppo con uditivo allucinazioni relative al gruppo che non ne ha esperienza. La dimensione della MGN differisce tra i due gruppi dall’infanzia con una traiettoria di sviluppo divergente. Gli scienziati hanno fatto un’ulteriore osservazione: nei pazienti che soffrivano di allucinazioni uditive, hanno notato un’iperconnettività tra i nuclei talamici e le aree corticali dedicate al trattamento primario dell’udito e l’area di Wernicke, che è molto significativa per comprendere il linguaggio. Questo tipo di iper-connessione talamo-corticale è normale durante l’infanzia, quando si formano le reti neurali. Il fatto che persista durante l’adolescenza e poi nell’età adulta è il segno che le connessioni non hanno mai raggiunto la maturità. Questa caratteristica potrebbe fornire una spiegazione quasi meccanica del fenomeno allucinatorio in questi pazienti. I risultati aprono anche nuove prospettive per la comprensione più generale della fisiopatologia della schizofrenia. Identificare i marcatori che prefigurano lo sviluppo della malattia in modo così dettagliato offre molti nuovi obiettivi di azione usando specifici farmaci neuroprotettivi, ad esempio per prevenire il più possibile i sintomi.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Abnormal development and dysconnectivity of distinct thalamic nuclei in patients with 22q11.2 deletion syndrome experiencing auditory hallucinations”. by Valentina Mancini, Daniela Zöller, Maude Schneider, Marie Schaer, Stephan Eliez. Biological Psychiatry: Cognitive Neuroscience and Neuroimaging

Immagine: Hallucinations (Ani Petrosyan)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.