L’esercizio fisico migliora la memoria e aumenta il flusso di sangue al cervello

Let's Run Away Together Painting by Gosha Gibek

Gli scienziati hanno raccolto molte prove che collegano l’esercizio fisico alla salute del cervello, con alcune ricerche che suggeriscono che la forma fisica possa persino migliorare la memoria. Ma cosa succede durante l’esercizio fisico per innescare questi benefici? La nuova ricerca del UT Southwestern Medical Center che ha mappato i cambiamenti del cervello dopo un anno di allenamenti aerobici ha scoperto un processo potenzialmente critico: l’esercizio fisico aumenta il flusso sanguigno in due regioni chiave del cervello associate alla memoria. In particolare, lo studio ha dimostrato che questo flusso sanguigno può aiutare anche le persone anziane con problemi di memoria a migliorare la cognizione, una scoperta che secondo gli scienziati potrebbe guidare la ricerca futura sulla malattia di Alzheimer. Forse un giorno potremo sviluppare un farmaco o una procedura che miri in modo sicuro al flusso di sangue in queste regioni del cervello. Ma stiamo appena iniziando a esplorare la giusta combinazione di strategie per aiutare a prevenire o ritardare i sintomi della malattia di Alzheimer. C’è molto altro da capire sul cervello e sull’invecchiamento. Lo studio, pubblicato sul Journal of Alzheimer’s Disease , ha documentato cambiamenti nella memoria a lungo termine e nel flusso sanguigno cerebrale in 30 partecipanti, ognuno dei quali con 60 anni o più con problemi di memoria. La metà di loro ha subito 12 mesi di allenamento aerobico; il resto ha fatto solo stretching. Il gruppo degli esercizi ha mostrato un miglioramento del 47 percento nei punteggi di memoria dopo un anno rispetto al minimo cambiamento nei partecipanti allo stretching. L’imaging cerebrale del gruppo degli esercizi, eseguito mentre erano a riposo all’inizio e alla fine dello studio, ha mostrato un aumento del flusso sanguigno nella corteccia cingolata anteriore e nelle regioni dell’ippocampo – neuroni che svolgono ruoli importanti nella funzione della memoria. Altri studi hanno documentato i benefici per gli adulti cognitivamente normali in un programma di esercizi, ed hanno dimostrato che gli atleti che invecchiano hanno un flusso di sangue migliore nella corteccia rispetto agli adulti sedentari. Ma la nuova ricerca è significativa perché traccia un miglioramento per un periodo più lungo negli adulti ad alto rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer. Hanno dimostrato che anche quando la memoria inizia a svanire, puoi ancora fare qualcosa aggiungendo esercizio aerobico al tuo stile di vita. La ricerca di interventi sulla demenza sta diventando sempre più pressante: oltre 5 milioni di americani hanno il morbo di Alzheimer e si prevede che il numero triplicherà entro il 2050. Una recente ricerca ha aiutato gli scienziati a comprendere meglio la genesi molecolare della malattia, inclusa una scoperta del 2018 del Peter O’Donnell Jr. Brain Institute della UT Southwestern che sta guidando gli sforzi per rilevare la condizione prima che insorgano i sintomi. Tuttavia, i miliardi di dollari spesi nella ricerca di come prevenire o rallentare la demenza non hanno prodotto trattamenti comprovati che renderebbero attuabile una diagnosi precoce per i pazienti. È evidente che l’esercizio fisico potrebbe almeno svolgere un piccolo ruolo nel ritardare o ridurre il rischio di malattia di Alzheimer. Ad esempio, uno studio del 2018 ha mostrato che le persone con livelli di fitness più bassi hanno sperimentato un deterioramento più rapido delle fibre nervose vitali nel cervello chiamato sostanza bianca. Uno studio pubblicato lo scorso anno ha mostrato che l’esercizio fisico era correlato a un deterioramento più lento dell’ippocampo.Per quanto riguarda l’importanza del flusso sanguigno un giorno potrebbe essere usato in combinazione con altre strategie per preservare la funzione cerebrale nelle persone con lieve deficit cognitivo. Il flusso sanguigno cerebrale fa parte del puzzle e bisogna continuare a metterlo insieme. Ma è stato visto abbastanza dati per sapere che l’avvio di un programma di fitness può avere benefici per tutta la vita per il nostro cervello e il nostro cuore.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Brain Perfusion Change in Patients with Mild Cognitive Impairment After 12 Months of Aerobic Exercise Training”. by Thomas, Binu P. et al. Journal of Alzheimer’s Disease

Immagine: Let’s Run Away Together (Gosha Gibek)

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. M. Rebecca Farsi ha detto:

    L’esercizio fisico può apportare benefici alla riserva cognitiva cerebrale, utile alla risposta compensativa verso i danni provocati dall’Alzheimer. Quindi ci possiamo “allenare” a difenderci dall’Alzheimer, non è una questione genetica, o almeno non solo, come si pensava prima. Non è così Dani? Un salutone buon sabato

    "Mi piace"

    1. Assolutamente! È possibile fare tante cose per prevenire la neurodegenerazione. La genetica non è quasi mai una sentenza, noi abbiamo sufficiente potere per cambiare le cose. Un abbraccio forte

      Piace a 1 persona

  2. yourborderline ha detto:

    L’ha ripubblicato su TYT.

    "Mi piace"

  3. silviadeangelis40d ha detto:

    L’ha ripubblicato su Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.