Nuovo legame intestino-cervello: in che modo il muco intestinale può aiutare a curare i disturbi cerebrali

Brain Damage (I'll see you on the dark side of the moon)

Il muco è la prima linea di difesa contro i batteri cattivi nell’intestino. Ma potrebbe anche far parte della nostra difesa contro le malattie del cervello? Lo squilibrio batterico nell’intestino è legato alla malattia di Alzheimer, all’autismo e ad altri disturbi cerebrali, ma le cause esatte non sono chiare. Ora una nuova revisione della ricerca di 113 studi neurologici, intestinali e di microbiologia condotti dall’Università RMIT suggerisce un filo conduttore: i cambiamenti nel muco intestinale. Questi cambiamenti potrebbero contribuire allo squilibrio batterico e ad esacerbare i sintomi fondamentali delle malattie neurologiche. Il muco è uno strato protettivo fondamentale che aiuta a bilanciare i batteri buoni e cattivi nell’intestino, ma c’è bisogno della giusta quantità – non troppo poco e non troppo. I ricercatori hanno precedentemente dimostrato che i cambiamenti nel muco intestinale influiscono sull’equilibrio dei batteri nell’intestino, ma fino ad ora nessuno ha fatto il collegamento tra il muco intestinale e il cervello. La recensione rivela che le persone con autismo, morbo di Parkinson, Alzheimer e sclerosi multipla hanno diversi tipi di batteri nel loro muco intestinale rispetto alle persone sane e diverse quantità di batteri buoni e cattivi. È una nuova connessione intestino-cervello che apre nuove strade per gli scienziati da esplorare, mentre si cercano modi per trattare meglio i disturbi del cervello prendendo di mira il nostro “secondo cervello”: l’intestino. Il muco intestinale è diverso a seconda di dove si trova nel tratto gastrointestinale: nell’intestino tenue è più poroso, quindi i nutrienti dal cibo possono essere facilmente assorbiti, mentre nel colon il muco è spesso e dovrebbe essere impenetrabile per i batteri. Il muco è pieno di peptidi che uccidono i batteri, specialmente nell’intestino tenue, ma può anche fungere da fonte di energia, alimentando alcuni dei batteri che vivono al suo interno. Gli scienziati stanno imparando che i disturbi cerebrali possono influenzare i neuroni nell’intestino. Ad esempio, i ricercatori di RMIT hanno dimostrato che i neuroni sia nel cervello che nel sistema nervoso intestinale sono affetti da autismo. La nuova recensione suggerisce che una ridotta protezione del muco intestinale può rendere i pazienti con malattie neurologiche più sensibili ai problemi gastrointestinali. Una grave disfunzione intestinale potrebbe esacerbare i sintomi dei disturbi cerebrali, influenzando in modo significativo la qualità della vita dei pazienti e delle loro famiglie. Se si riesce a capire il ruolo del muco intestinale nelle malattie del cervello, è possibile provare a sviluppare trattamenti che sfruttano questa parte precisa dell’asse intestino-cervello. Questo lavoro dimostra che l’ingegneria microbica e la modifica del muco intestinale per potenziare i batteri buoni hanno un potenziale come opzioni terapeutiche per i disturbi neurologici.

Daniele Corbo

Bibliografia: “The role of the gastrointestinal mucus system in intestinal homeostasis: implications for neurological disorders”. by Elisa Hill-Yardin et al. Frontiers in Cellular and Infection Microbiology

Immagine: Brain Damage-I’ll see you on the dark side of the moon (Hazel Miller)

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Davvero una bella scoperta.

    "Mi piace"

  2. silviadeangelis40d ha detto:

    L’ha ripubblicato su Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.