Dove si verificano riconoscimento e identificazione nel cervello

Self-identification Painting by Nadia Pronina

Utilizzando impianti cerebrali “sub-millimetrici”, i ricercatori dell’Università del Texas Health Science Center di Houston (UTHealth), sono stati in grado di determinare quali parti del cervello sono collegate al riconoscimento facciale e dei luoghi. Lo studio è stato pubblicato ieri su Current Biology. La capacità di riconoscere volti e luoghi familiari è fondamentale per la vita di tutti i giorni. Identificare qualcuno ti consente di comunicare con loro e sapere chi sono, e avere questa abilità di base aiuta un individuo ad assegnare un’identità a coloro che lo circondano, rendendo più semplice la differenziazione di chi, cosa e dove. Tradizionalmente, l’ippocampo e il giro paraippocampale, situati nel lobo temporale mediale (MTL), sono implicati come area principale per i processi di identificazione. Tuttavia, recentemente è diventato chiaro ai ricercatori che la rete di memoria responsabile dell’identificazione si estende oltre l’MTL, inclusa una regione profonda all’interno del cervello chiamata corteccia parietale mediale (MPC). Per comprendere meglio come avvengono il riconoscimento e l’identificazione, i ricercatori hanno eseguito registrazioni intracraniche dirette nell’MPC e nell’MTL, strutture che sono note per essere coinvolte durante l’identificazione di volti e luoghi. In una coorte di 50 partecipanti, un gran numero per questo tipo di studio, i ricercatori hanno inserito impianti di elettrodo per stereoelettroencefalografia (sEEG), utilizzati per identificare convulsioni epilettiche, nel loro cervello e monitorato la loro attività cerebrale durante diversi test. Questa procedura è minimamente invasiva e prevede l’inserimento di sonde sottili nel cranio. Durante questi test, i ricercatori avrebbero mostrato ai pazienti circa 300 foto di volti di celebrità e punti di riferimento famosi per determinare se potevano nominare o meno ciò che stavano vedendo. Una delle cose che sono stati in grado di determinare è che il MPC ha specifiche regioni coinvolte nel riconoscimento di volti e scene. L’MPC è stato attivato preferenzialmente quando i pazienti hanno riconosciuto le persone e i luoghi, esattamente come le tradizionali regioni di memoria in MTL. Hanno anche potuto vedere come MPC e MTL collaborano per aiutare una persona a riconoscere volti e luoghi. La ricerca mostra che questa parte del lobo parietale in cui si trova l’MPC è un’area del cervello che inizia a deteriorarsi precocemente nei pazienti con malattia di Alzheimer. L’identificazione come una delle regioni del cervello che aiuta con la memoria e il riconoscimento mostra ai ricercatori che aree al di fuori della tradizionale regione di memoria, vale a dire l’ippocampo, sono importanti per capire come le anomalie del cervello come l’Alzheimer colpiscono una persona. Si spera che questo studio possa aiutare con i futuri progressi per altre malattie. Stanno facendo molti progressi nella comprensione di questi processi basilari nel cervello. Questo darà l’opportunità di creare dispositivi e altre tecnologie che si rivolgeranno alle anomalie dei processi cerebrali in futuro. Quindi, in sostanza, quello che stanno facendo è creare un software per la comprensione di come il cervello opera nel fare queste funzioni di base. Mentre la tecnologia avanza, sperano di essere in grado di implementare tale software per creare soluzioni per anomalie delle funzioni cerebrali. In questo caso, in particolare, l’incapacità di riconoscere o recuperare il nome di qualcuno.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Category Selectivity for Face and Scene Recognition in Human Medial Parietal Cortex”. by Oscar Woolnough, Patrick S. Rollo, Kiefer J. Forseth, Cihan M. Kadipasaoglu, Arne D. Ekstrom, Nitin Tandon. Current Biology

Immagine: Self-identification (Nadia Pronina)

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Molto bello questo studio, compreso l’obiettivo che si intende raggiungere.

    "Mi piace"

  2. silviadeangelis40d ha detto:

    L’ha ripubblicato su Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.