L’educazione della prima infanzia migliora la memoria in età avanzata

This shows a brain made up of cog wheels

L’istruzione sembra proteggere gli adulti più anziani, in particolare le donne, dalla perdita di memoria, secondo uno studio condotto dai ricercatori del Georgetown University Medical Center, pubblicato sulla rivista Aging, Neuropsychology e Cognition. I risultati suggeriscono che i bambini, in particolare le ragazze, che frequentano la scuola più a lungo avranno migliori capacità di memoria in età avanzata. Ciò può avere implicazioni per la perdita di memoria nella malattia di Alzheimer e in altre forme di demenza. Lo studio ha testato la memoria dichiarativa in 704 adulti più anziani (58-98 anni). La memoria dichiarativa si riferisce alla nostra capacità di ricordare eventi, fatti e parole, come dove hai messo le tue chiavi o il nome di quel nuovo vicino. Ai partecipanti sono stati mostrati disegni di oggetti, e poi sono stati testati alcuni minuti dopo sulla loro memoria di questi oggetti. I neuroscienziati hanno scoperto che le loro prestazioni di memoria peggioravano progressivamente con l’invecchiamento. Tuttavia, più anni di educazione della prima infanzia hanno contrastato queste perdite, soprattutto nelle donne. Negli uomini, i guadagni di memoria associati a ogni anno di istruzione erano due volte più grandi delle perdite subite durante ogni anno dell’invecchiamento. Tuttavia, nelle donne, i guadagni erano cinque volte più grandi. Ad esempio, le capacità di memoria dichiarativa di una donna di 80 anni con una laurea sarebbero buone come quelle di una donna di 60 anni con un’istruzione superiore. Quindi, altri quattro anni di istruzione compensano le perdite di memoria dovute a 20 anni di invecchiamento. Detto semplicemente, l’apprendimento genera apprendimento. La ricerca del team sulla relazione tra linguaggio, memoria e cervello è stata una pietra miliare nei campi del linguaggio e delle neuroscienze cognitive. Poiché l’apprendimento di nuove informazioni nella memoria dichiarativa è più semplice se è correlato alle conoscenze che già possediamo, una maggiore conoscenza da più istruzione dovrebbe comportare migliori capacità di memoria, anche anni dopo. Le prove suggeriscono che le ragazze hanno spesso una migliore memoria dichiarativa rispetto ai ragazzi, quindi l’istruzione può portare a maggiori acquisizioni di conoscenza nelle ragazze. L’istruzione può quindi favorire in particolare le capacità di memoria delle donne, anche dopo anni in età avanzata. Lo studio ha testato individui in una popolazione non occidentale (di Taiwan). I partecipanti hanno variato nel numero di anni di istruzione, da nessuno a studi universitari. Sono necessarie ricerche future per verificare se i risultati si generalizzano ad altre popolazioni. Questi risultati possono essere importanti, soprattutto considerando la popolazione in rapido invecchiamento a livello globale. I risultati sostengono ulteriori sforzi per aumentare l’accesso all’istruzione. L’istruzione è stata anche trovata come fattore che ritarda l’insorgenza della malattia di Alzheimer. Probabilmente questi risultati possono far luce sul perché ciò accada.

Daniele Corbo

Bibliografia: The study will appear in Aging, Neuropsychology, and Cognition.

Immagine: The image is credited to Georgetown University Medical Center.

Un commento Aggiungi il tuo

  1. silviadeangelis40d ha detto:

    L’ha ripubblicato su Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.