Il pensiero negativo ripetitivo è collegato al rischio di demenza

5th dementia Painting by Jeff Bowering |

Impegnarsi in modo persistente in schemi di pensiero negativo può aumentare il rischio di malattia di Alzheimer, trova un nuovo studio condotto dall’UCL. Nello studio su persone di età superiore ai 55 anni, pubblicato su Alzheimer e demenza , i ricercatori hanno scoperto che il “pensiero negativo ripetitivo” (RNT) è collegato al successivo declino cognitivo e alla deposizione di proteine ​​cerebrali dannose legate all’Alzheimer. I ricercatori affermano che il RNT dovrebbe ora essere ulteriormente studiato come un potenziale fattore di rischio per la demenza e che gli strumenti psicologici, come la mindfulness o la meditazione, dovrebbero essere studiati per vedere se questi potrebbero ridurre il rischio di demenza. La depressione e l’ansia nella mezza età e nella vecchiaia sono già noti per essere fattori di rischio per la demenza. Qui, hanno scoperto che alcuni modelli di pensiero implicati nella depressione e nell’ansia potrebbero essere una delle ragioni sottostanti per cui le persone con questi disturbi hanno maggiori probabilità di sviluppare demenza. Accanto ad altri studi, che collegano la depressione e l’ansia con il rischio di demenza, prevedono che i modelli di pensiero negativo cronico per un lungo periodo di tempo potrebbero aumentare il rischio di demenza, mentre non dovrebbe succedere lo stesso se fatto per breve tempo. Si spera che i risultati possano essere utilizzati per sviluppare strategie per ridurre il rischio di demenza delle persone aiutandole a ridurre i loro schemi di pensiero negativo. Per lo studio sostenuto dall’Alzheimer’s Society, il team di ricerca della UCL, INSERM e McGill University ha studiato 292 persone di età superiore ai 55 anni che facevano parte dello studio di coorte PREVENT-AD e altre 68 persone della coorte IMAP +. Per un periodo di due anni, i partecipanti allo studio hanno risposto alle domande su come in genere pensano alle esperienze negative, concentrandosi su modelli RNT come la riflessione sul passato e le preoccupazioni per il futuro. I partecipanti hanno anche completato le misure dei sintomi della depressione e dell’ansia. La loro funzione cognitiva è stata valutata, misurando la memoria, l’attenzione, la cognizione spaziale e il linguaggio. Alcuni (113) dei partecipanti sono stati anche sottoposti a scansioni cerebrali PET, misurando i depositi di tau e amiloide, due proteine ​​che causano il tipo più comune di demenza, la malattia di Alzheimer, quando si accumulano nel cervello. I ricercatori hanno scoperto che le persone che hanno mostrato modelli RNT più elevati hanno sperimentato un maggiore declino cognitivo per un periodo di quattro anni e un calo della memoria (che è uno dei primi segni della malattia di Alzheimer), e avevano maggiori probabilità di avere depositi di amiloide e tau nei loro cervello. La depressione e l’ansia erano associate al successivo declino cognitivo ma non alla deposizione di amiloide o tau, suggerendo che la RNT potrebbe essere la ragione principale per cui la depressione e l’ansia contribuiscono al rischio di malattia di Alzheimer. Probabilmente il pensiero negativo ripetitivo può essere un nuovo fattore di rischio per la demenza in quanto potrebbe contribuire alla demenza in un modo unico. I ricercatori suggeriscono che il RNT può contribuire al rischio di Alzheimer attraverso il suo impatto su indicatori di stress come la pressione alta, poiché altri studi hanno scoperto che lo stress fisiologico può contribuire alla deposizione di amiloide e tau. I nostri pensieri possono avere un impatto biologico sulla nostra salute fisica, che potrebbe essere positiva o negativa. Le pratiche di allenamento mentale come la meditazione potrebbero aiutare a promuovere schemi mentali associati positivi e negativi. Prendersi cura della propria salute mentale è importante e dovrebbe essere una delle principali priorità di salute pubblica, in quanto non è importante solo per la salute e il benessere delle persone a breve termine, ma potrebbe anche avere un impatto sul vostro eventuale rischio di demenza. I ricercatori sperano di scoprire se la riduzione del RNT, possibilmente attraverso l’allenamento della consapevolezza o la terapia del discorso mirata, potrebbe a sua volta ridurre il rischio di demenza. Comprendere i fattori che possono aumentare il rischio di demenza è fondamentale per aiutarci a migliorare la nostra conoscenza di questa condizione devastante e, ove possibile, sviluppare strategie di prevenzione. Il legame mostrato tra ripetuti schemi di pensiero negativo e sia il declino cognitivo che i depositi dannosi è interessante, sebbene siano necessarie ulteriori indagini per capirlo meglio. La maggior parte delle persone nello studio era già stata identificata come a maggior rischio di malattia di Alzheimer, quindi avrebbero bisogno di vedere se questi risultati sono echeggiati nella popolazione generale e se il pensiero negativo ripetuto aumenta il rischio di malattia di Alzheimer stesso. Durante questi periodi instabili, molte persone si sentono spaventate, confuse o in difficoltà con la loro salute mentale. Quindi è importante sottolineare che questo non significa che un breve periodo di pensiero negativo causerà il morbo di Alzheimer. La salute mentale potrebbe essere un ingranaggio vitale nella prevenzione e nel trattamento della demenza; ulteriori ricerche ci diranno in che misura.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Repetitive negative thinking is associated with amyloid, tau, and cognitive decline”. by Natalie Marchant et al. Alzheimer’s & Dementia

Immagine: 5th dementia (Jeff Bowering)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. eleonora zizzi ha detto:

    Grazie per la condivisione!😊

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.