Come il cervello controlla il nostro linguaggio

Parlare richiede entrambi i lati del cervello. Ogni emisfero assume una parte del complesso compito di formare suoni, modulare la voce e monitorare ciò che è stato detto. Tuttavia, la distribuzione dei compiti è diversa da come si è pensato finora, come ha scoperto un team interdisciplinare di neuroscienziati e fonetici dell’Università di Goethe di Francoforte e del Centro linguistico di Leibniz di Berlino: non è solo l’emisfero destro che analizza come parlare – anche l’emisfero sinistro ha un ruolo. Fino ad ora, si è ipotizzato che la parola parlata sorgesse nella parte sinistra del cervello e fosse analizzata dalla parte destra. Secondo la dottrina accettata, ciò significa che quando impariamo a parlare inglese e ad esempio esercitiamo il suono equivalente a “th”, il lato sinistro del cervello controlla la funzione motoria degli articolatori come la lingua, mentre il lato destro analizza se il il suono prodotto suona effettivamente come volevamo. La divisione del lavoro segue in realtà principi diversi. Mentre la parte sinistra del cervello controlla aspetti temporali come la transizione tra i suoni del linguaggio, l’emisfero destro è responsabile del controllo dello spettro sonoro. Quando dici “mother”, ad esempio, l’emisfero sinistro controlla principalmente le transizioni dinamiche tra “th” e le vocali, mentre l’emisfero destro controlla principalmente i suoni stessi. Il team è stato in grado di dimostrare per la prima volta questa divisione del lavoro nel controllo temporale e spettrale del linguaggio negli studi in cui gli oratori erano tenuti a parlare mentre le loro attività cerebrali venivano registrate usando la risonanza magnetica funzionale. Una possibile spiegazione per questa divisione del lavoro tra i due lati del cervello è che l’emisfero sinistro generalmente analizza i processi rapidi come la transizione tra i suoni del parlato meglio dell’emisfero destro. L’emisfero destro potrebbe essere più efficace nel controllare i processi più lenti necessari per l’analisi dello spettro sonoro. Un precedente studio sulla funzione motoria disponibile nella pubblicazione scientifica “elife” dimostra che è proprio così. I ricercatori volevano sapere perché la mano destra veniva usata preferibilmente per il controllo delle azioni veloci e la mano sinistra preferita per le azioni lente. Ad esempio, quando si taglia il pane, la mano destra viene utilizzata per tagliare con il coltello mentre la mano sinistra tiene il pane. Nell’esperimento, gli scienziati hanno testato persone destrimani con entrambe le mani al ritmo di un metronomo. In una versione dovevano toccare ad ogni battito, e in un’altra solo ad ogni quarto battito. Come si è scoperto, la mano destra è stata più precisa durante la rapida sequenza di colpetti e l’emisfero sinistro, che controlla il lato destro del corpo, ha mostrato una maggiore attività. Viceversa, toccando con la mano sinistra corrispondeva meglio al ritmo più lento e si traduceva nell’emisfero destro che mostrava una maggiore attività. Nel loro insieme, i due studi creano un quadro convincente di come il comportamento complesso – funzioni motorie manuali e linguaggio – siano controllati da entrambi gli emisferi cerebrali. La parte sinistra del cervello ha una preferenza per il controllo dei processi veloci mentre la parte destra tende a controllare i processi più lenti in parallelo.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Differential contributions of the two cerebral hemispheres to temporal and spectral speech feedback control”. by Floegel M, Fuchs S, Kell CA. Nature Comminications

Immagine: The image is in the public domain.

7 commenti Aggiungi il tuo

  1. silviadeangelis40d ha detto:

    L’ha ripubblicato su Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava.

    "Mi piace"

  2. Le perle di R. ha detto:

    Per i mancini, invece, ci sono variazioni al riguardo?

    "Mi piace"

    1. È possibile che si abbia qualcosa di analogo, ma andrebbero studiati a parte perché è differente. In genere si studiano i destrimani

      Piace a 1 persona

      1. Le perle di R. ha detto:

        Mi incuriosirebbe scoprirne le differenze. E, penso, che tali differenze possano essere necessarie nei casi in cui dovesse esserci bisogno di cure specifiche, su misura.

        "Mi piace"

      2. In futuro potrei scrivere un articolo a riguardo…

        Piace a 1 persona

      3. Le perle di R. ha detto:

        Lo leggerò sicuramente 😉

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.