Mozart può ridurre la frequenza delle crisi epilettiche

Un nuovo studio di ricerca clinica condotto da ricercatori del Krembil Brain Institute presso il Toronto Western Hospital, parte della University Health Network, ha scoperto che una composizione di Mozart può ridurre la frequenza delle crisi epilettiche nei pazienti con epilessia. I risultati dello studio di ricerca “The Rhyme and Rhythm of Music in Epilepsy” sono stati recentemente pubblicati sulla rivista internazionale Epilepsia Open. Esamina gli effetti della melodia di Mozart, “Sonata per due pianoforti in re maggiore, K. 448” sulla riduzione delle crisi epilettiche, rispetto a un altro stimolo uditivo: una versione confusa della composizione originale di Mozart, con caratteristiche matematiche simili, ma mescolata casualmente e priva di ritmicità. Negli ultimi 15 o 20 anni, si è capito molto su come l’ascolto di una delle composizioni di Mozart in soggetti con epilessia sembra dimostrare una riduzione della frequenza delle crisi. Ma una delle domande a cui era ancora necessario rispondere era se gli individui avrebbero mostrato una riduzione simile nella frequenza delle crisi ascoltando un altro stimolo uditivo – un pezzo di controllo – rispetto a Mozart. I ricercatori hanno reclutato 13 pazienti per partecipare allo studio di un anno. Dopo tre mesi di un periodo di riferimento, metà dei pazienti ha ascoltato la Sonata di Mozart una volta al giorno per tre mesi, quindi è passata alla versione criptata per tre mesi. Gli altri hanno iniziato l’intervento ascoltando la versione criptata per tre mesi, quindi sono passati all’ascolto quotidiano di Mozart. I pazienti hanno tenuto “diari convulsivi” per documentare la loro frequenza convulsiva durante l’intervento. I loro farmaci sono stati mantenuti invariati durante il corso dello studio. I risultati hanno mostrato che l’ascolto quotidiano del primo movimento di Mozart K.448 era associato alla riduzione della frequenza delle crisi epilettiche negli individui adulti con epilessia. Ciò suggerisce che l’ascolto quotidiano di Mozart può essere considerato un’opzione terapeutica supplementare per ridurre le convulsioni negli individui con epilessia. L’epilessia è il disturbo neurologico grave più comune al mondo, che colpisce circa 300.000 canadesi e 50 milioni di persone in tutto il mondo. Molti sperimentano convulsioni debilitanti. Il trattamento è spesso uno o più farmaci antiepilettici. Ma per il 30% dei pazienti, i farmaci non sono efficaci nel controllo delle convulsioni. Le persone possono trarre beneficio dall’intervento chirurgico, tuttavia ci sono persone per le quali la chirurgia non è un’opzione, o quelle che non hanno beneficiato dell’intervento chirurgico, quindi, i ricercatori sono sempre alla ricerca di modi per migliorare controllo dei sintomi e miglioramento della qualità della vita per le persone con epilessia. Come tutte le ricerche, questa solleva molte domande a cui i ricercatori sono entusiasti di continuare a rispondere con ulteriori ricerche e supporto da parte della comunità dell’epilessia. Mentre questi risultati sono promettenti, il passo successivo è condurre studi più ampi con più pazienti, per un periodo di tempo più lungo.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Daily listening to Mozart reduces seizures in individuals with epilepsy: A randomized control study”. by Marjan Rafiee, Kramay Patel, David M. Groppe, Danielle M. Andrade, Eduard Bercovici, Esther Bui, Peter L. Carlen, Aylin Reid, Peter Tai, Donald Weaver, Richard Wennberg, Taufik A. Valiant e. Epilepsia Open

Immagine: Me and Mozart (Nata Rasp)

8 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Come mai non per tutti i pazienti la chirurgia è un’opzione?

    "Mi piace"

    1. Perché per alcuni può diventare addirittura controproducente.

      Piace a 1 persona

      1. Le perle di R. ha detto:

        Grazie per l’informazione

        "Mi piace"

  2. M. Rebecca Farsi ha detto:

    Sarebbe interessante indagare se l’effetto si può conseguire con qualsiasi tipo di musica o solo con quella di Mozart…e in questo caso se ne dovrebbe scoprire la ragione. Comunque è una scoperta bellissima. Il potere della musica e dell’arte in genere è infinito. catartico . E NON SOLO CON LE PATOLOGIE Buona serata e grazie a Daniele

    Piace a 1 persona

    1. In realtà non solo è Mozart, ma è la Sonata per due pianoforti in re maggiore, K. 448. Quindi qualcosa di molto specifico. Sicuramente ci saranno ulteriori studi

      Piace a 2 people

    2. Buona serata a te, cara Rebecca

      "Mi piace"

  3. Antartica ha detto:

    (ci riprovo; se spuntano mille commenti simili da parte mia, cancellali: sono in lite perenne con questi editor! -.- )

    Tempo fa, ho letto che una composizione di Yanni (musicista greco) avrebbe la capacità di sortire il cosiddetto “effetto Mozart”ma non so se, realmente, abbia effetti benefici su chi l’ascolta. La canzone (strumentale) si intitola “Acroyali/Standing in motion (https://www.youtube.com/watch?v=Xw7HeJ781Do).

    "Mi piace"

    1. Non preoccuparti per i commenti duplicati, lo so che questi editor complicano la vita… 😉 Per poterti rispondere servirebbe uno studio rigoroso. Sicuramente esistono composizioni le cui frequenze possono dare effetti simili a Mozart

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.