La riflessione morale può essere vista nell’attività cerebrale e nei movimenti oculari

I ricercatori di neuroscienze sociali hanno studiato gli effetti della prospettiva mostrando ai soggetti il film My Sister’s Keeper e chiedendo loro di guardare il film dal punto di vista della sorella donatrice o della sorella malata. L’elaborazione cerebrale dei soggetti è stata misurata mediante risonanza magnetica funzionale e allo stesso tempo è stato effettuato il tracciamento degli occhi, monitorando la posizione degli occhi del soggetto sullo schermo. Capire il punto di vista di un’altra persona è importante per raggiungere il consenso. Può ridurre i pregiudizi e facilitare lo sviluppo dell’empatia. Volevano scoprire in che modo cambiare prospettiva si riflette nell’attività cerebrale e nel movimento degli occhi. Lo studio ha coinvolto 30 donne a cui è stato mostrato un filmato di 25 minuti del film My Sister’s Keeper, a cui è stato chiesto di osservare il film da diverse prospettive. C’è un conflitto morale nel film in cui Anna rifiuta di donare un organo a sua sorella Kate che ha il cancro. All’inizio del film, i ricercatori hanno detto ai soggetti che le sorelle erano o fratelli biologici o che la sorella minore era stata adottata nella famiglia da bambino. Quando il soggetto ha visto il film dal punto di vista della sorella donatrice di organi, questo ha attivato le aree cerebrali in cui si verifica il pensiero morale. Quando lo spettatore ha guardato la clip dal punto di vista della sorella malata, sono state attivate più aree del cervello che sono state trovate coinvolte in empatia e simpatia. Diverse aree del cervello possono essere utilizzate in modo flessibile, se necessario. L’ipotesi dello spettatore sul fatto che il potenziale donatore di organi e la sorella malata fossero fratelli biologici ha confermato le differenze nell’attivazione del cervello e nell’analisi oculare tra diverse prospettive. Sulla base dell’analisi del tracciamento oculare, è stato riscontrato che quando il soggetto guarda il film dal punto di vista del potenziale donatore di organi, guarda più entrambi i protagonisti che il soggetto che ha seguito il film dal punto di vista della sorella malata. Allo stesso tempo, tutti i soggetti guardavano più alla sorella malata che alla sorella donatrice. La sorella malata è l’oggetto della compassione. Seguendo i suoi gesti, le espressioni facciali e il linguaggio del corpo hanno generato empatia. Il team continuerà anche a studiare le neuroscienze sociali. Il prossimo studio esaminerà chi salverebbe il soggetto quando dovessero scegliere tra due volti e uno è stato fatto per assomigliare a se stesso.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Social perspective-taking shapes brain hemodynamic activity and eye movements during movie viewing”. by Mareike Bacha-Trams, Elisa Ryyppö, Enrico Glerean, Mikko Sams, Iiro P Jääskeläinen. Social Cognitive and Affective Neuroscience

Immagine: REVERSE PERSPECTIVE-Indifference (Tanaselea Cristian Florin)

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. eleonora zizzi ha detto:

    Grazie per la condivisione interessante!😊

    "Mi piace"

    1. Grazie a te, Eleonora! Scusami se rispondo solo ora, ma ho dovuto salvare il tuo messaggio dallo spam…ti auguro una buona giornata!!!

      "Mi piace"

  2. silviadeangelis40d ha detto:

    L’ha ripubblicato su Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava.

    "Mi piace"

  3. Le perle di R. ha detto:

    Interessante, compreso il prossimo studio.

    "Mi piace"

    1. Grazie Rita. Buon pomeriggio ☺️

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.