Anche senza commozione cerebrale, gli atleti negli sport di contatto possono avere cambiamenti cerebrali

This shows a brain

Le giocatrici di rugby del college femminile potrebbero subire sottili cambiamenti cerebrali anche se non hanno avuto una commozione cerebrale recente, secondo un nuovo studio pubblicato nel numero online di Neurology del 17 giugno 2020 . Lo studio ha confrontato le giocatrici di rugby con altre atlete del college che gareggiano negli sport senza contatto del nuoto e del canottaggio. Non c’è più un dibattito sul fatto che quando ad un’atleta viene diagnosticata una commozione cerebrale causata da un duro colpo o una caduta, c’è una possibilità che possa contribuire a cambiamenti cerebrali che potrebbero essere temporanei o permanenti. Ma quali sono gli effetti delle scosse più piccole e degli impatti che derivano dalla pratica di uno sport di contatto? Questo studio ha scoperto che potrebbero portare a sottili cambiamenti nel cervello di atleti altrimenti sani e senza sintomi. Lo studio ha coinvolto 101 atleti del college femminile, di cui 70 che hanno giocato a rugby e 31 che hanno partecipato al canottaggio o al nuoto. Un sottoinsieme di giocatori di rugby è stato seguito per almeno due anni. Nuotatori e rematori sono stati seguiti per un anno. Tutti gli atleti erano privi di commozione cerebrale sei mesi prima dell’inizio dello studio e anche durante lo studio, tuttavia alcuni giocatori di rugby avevano una storia di commozione cerebrale prima del periodo di sei mesi mentre gli atleti senza contatto non ne avevano sperimentato nessuno. Alcuni atleti indossavano dispositivi per registrare gli impatti alla testa, tra cui 37 giocatori di rugby e nove rematori. Le misurazioni dai dispositivi hanno rilevato che mentre i rematori non hanno avuto alcun impatto, il 70% dei giocatori di rugby ha avuto una media di tre impatti durante due prove e una partita pre-campionato. Mentre hanno esaminato questi impatti solo durante alcuni eventi durante la stagione, ricerche precedenti hanno dimostrato che questo tipo di impatti subclinici può accumularsi negli anni di partecipazione agli sport di contatto. I ricercatori hanno utilizzato la risonanza magnetica (MRI) per scansionare il cervello di tutti gli atleti durante il gioco in e fuori stagione. Con le scansioni cerebrali, i ricercatori hanno esaminato il modo in cui le molecole d’acqua si muovevano attraverso la sostanza bianca per determinare se ci fossero cambiamenti cerebrali microstrutturali. Hanno anche studiato il modo in cui le diverse aree del cervello comunicavano tra loro e se c’erano cambiamenti nel modo in cui tali aree funzionavano insieme. Nei giocatori di rugby, i ricercatori hanno scoperto cambiamenti nella microstruttura della sostanza bianca, comprese le fibre nervose che collegano le aree del cervello che controllano le emozioni di base come la paura, il piacere e la rabbia. In alcuni giocatori di rugby, i cambiamenti sono progrediti nel tempo. I ricercatori non hanno trovato cambiamenti nel cervello di nuotatori o rematori. I ricercatori hanno anche scoperto che solo per i giocatori di rugby, la microstruttura del cervello è cambiata tra le stagioni interne ed esterne, in particolare nel tronco cerebrale, che controlla il flusso di messaggi tra il cervello e il corpo. I ricercatori hanno scoperto differenze anche nell’organizzazione funzionale del cervello. Rispetto ai nuotatori e ai rematori, i giocatori di rugby hanno avuto cambiamenti nella connettività – come comunica il cervello – tra le aree del cervello che controllano il recupero della memoria e l’elaborazione visiva. Anche senza commozioni cerebrali, gli impatti ripetitivi subiti dai giocatori di rugby hanno chiaramente avuto effetti sul cervello. Sono necessarie ulteriori ricerche per capire cosa possono significare questi cambiamenti e in che misura riflettono il modo in cui il cervello compensa le lesioni, si ripara o degenera in modo da poter comprendere meglio gli effetti a lungo termine sulla salute di praticare uno sport di contatto. Una limitazione dello studio era che mentre gli atleti di rugby non avevano avuto una diagnosi di commozione cerebrale, ci potevano essere commozioni non diagnosticate che non erano state notate dallo staff tecnico o non rilevate da strumenti clinici relativamente insensibili.

Daniele Corbo

Bibliografia: https://www.aan.com/AAN-Resources/Details/press-room

Immagine: The image is in the public domain.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.