Sensibilità emotiva, regolazione delle emozioni e impulsività nel disturbo borderline di personalità

Borderline.1 - Limited Edition 1 of 1 Photography by MARIEL K ...

Il disturbo borderline di personalità (BPD) è un grave disturbo psichiatrico, che colpisce l’1–3% della popolazione generale. Il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-V; American Psychiatric Association, 2013 ) definisce le principali caratteristiche della BPD come un modello pervasivo di instabilità nelle relazioni interpersonali, nelle emozioni, nell’immagine di sé e nel comportamento impulsivo marcato. Inoltre, i pazienti con BPD sono caratterizzati da ripetute lesioni personali, tendenze suicide, aggressività reattiva e alti tassi di disturbi mentali comorbidi. Il BPD influisce gravemente sull’occupazione e, in combinazione con un elevato utilizzo dell’assistenza sanitaria mentale, comporta costi sociali elevati. Principali teorie sull’eziologia della BPD propongono che il BPD sia meglio compreso come un disturbo di disregolazione emotiva, causato da una maggiore sensibilità emotiva e dall’incapacità di regolare le emozioni risposte. L’incapacità di regolare le risposte emotive potrebbe quindi comportare un comportamento impulsivo marcato, caratteristico per i pazienti con BPD. Negli ultimi decenni i ricercatori hanno utilizzato diversi metodi comportamentali e psicofisiologici per testare l’ipotetica aumento della sensibilità emotiva e la riduzione della regolazione. La sensibilità emotiva può essere definita come una soglia inferiore di rilevare o rispondere a stimoli emotivi o una maggiore probabilità di sperimentare stimoli come emotivi. Nei pazienti con BPD questo può portare a iperawareness a stimoli emotivi ed esperienze emotive più frequenti, intense e/o prolungate. La regolazione delle emozioni è un concetto ampio, che si riferisce a diversi metodi e abilità che gli individui usano per influenzare l’esperienza e l’espressione delle loro emozioni. In accordo con la teoria della disregolazione emotiva nella BPD, si ipotizza che i pazienti con BPD mostrino una maggiore attività nelle aree cerebrali di generazione di emozioni sopra menzionate e una minore attività nelle aree cerebrali di regolazione delle emozioni durante l’applicazione delle strategie di regolazione delle emozioni rispetto ai controlli non pazienti (NPC). L’impulsività è un concetto multidimensionale costituito da una dimensione comportamentale, cognitiva e motivazionale. Il modello di impulsività spesso diagnosticato nei pazienti con BPD è ampiamente associato all’interno del dominio comportamentale, tra cui autolesionismo, aggressività reattiva, rabbia inappropriata, abuso di sostanze o alcol, sesso non protetto, spesa eccessiva di denaro e gioco d’azzardo, taccheggio, alimentazione incontrollata e guida spericolata. Studi recenti affermano che l’impulsività nella BPD è particolarmente evidente in condizioni o stati emotivi estremi, questo è specificato come impulsività affettiva o emotiva. In accordo con il comportamento impulsivo marcato clinicamente mostrato, si ipotizza che i pazienti con BPD mostrino meno attività in queste aree di inibizione della risposta rispetto all’NPC. Per quanto riguarda la sensibilità emotiva nei pazienti con BPD, in linea con l’ipotesi, una maggiore attività dell’amigdala si è dimostrata più coerente negli studi. L’ipotesi che la disregolazione emotiva nei pazienti con BPD si manifestasse da correlazioni neuronali di aree limbiche aumentate (ad esempio amigdala) e aree regolatorie diminuite era parzialmente supportata. I primi studi sull’amigdala hanno rivelato che l’amigdala svolge un ruolo critico nell’elaborazione della paura. Oggi si suggerisce che l’amigdala svolga un ruolo più ampio nei processi relativi alle emozioni per una vasta gamma di stimoli (ad esempio negativi, positivi e sociali; Pertanto, recentemente approcci più generali presuppongono che l’amigdala non sia specificamente sensibile alla valenza emotiva degli stimoli, ma sia più associata a salienza, novità o eccitazione. Inoltre, l’amigdala è ampiamente connessa con strutture corticali e subcorticali. A causa della sua ampia connettività, l’amigdala influenza le interazioni cognitive in risposta a stimoli emotivi come l’apprendimento emotivo o della ricompensa, il miglioramento della memoria, la modulazione dell’attenzione, il processo decisionale e la regolazione. È interessante notare che mentre la teoria della disregolazione emotiva suggerisce un’associazione con un’iperreattività dell’amigdala, alcuni studi non hanno trovato questa maggiore risposta dell’amigdala. Si ipotizza che i pazienti con BPD siano caratterizzati da un’esperienza emotiva prolungata a causa di un lento ritorno all’eccitazione di base rispetto all’NPC. Due recenti studi sulla fMRI hanno mostrato una mancanza di riduzione dell’attività dell’amigdala con il tempo dopo aver presentato più volte immagini nei pazienti con BPD rispetto all’NPC. Questa assuefazione ritardata spiegava l’iperattività dell’amigdala e poteva essere interpretata come prova della durata prolungata delle risposte emotive nei pazienti con BPD. Da notare, gli effetti dell’abituazione potrebbero anche esibirsi in varie altre aree del cervello implicate nell’elaborazione delle emozioni. I pazienti con BPD non mostrano solo una maggiore attività nelle aree cerebrali associate alla generazione e alla salienza emotiva, ma anche in altre importanti aree del cervello, tra cui l’insula anteriore. Altri paradigmi di fMRI indicano che, oltre all’elaborazione affettiva, l’insula anteriore è anche coinvolta nell’autocoscienza e nell’empatia. Queste funzioni sono spesso correlate all’elaborazione delle informazioni sociali. Oltre all’instabilità emotiva, la BPD è anche caratterizzata da difficoltà nell’elaborazione delle informazioni sociali come relazioni interpersonali, attaccamento sociale e rifiuto sociale. Studi sperimentali hanno dimostrato che i pazienti con BPD tendono a interpretare le espressioni facciali neutre come più negative rispetto a NPC. Gli autori lo spiegano in termini di pregiudizio alla negatività, suggerendo che i pazienti con BPD sono ipersensibili ai segnali sociali, in particolare per esclusione sociale e abbandono, e quindi interpretano erroneamente stimoli neutri (sociali). Questa affermazione è ulteriormente supportata da studi di fMRI che mostrano iperreattività dell’amigdala a facce neutre. Si dovrebbe notare che le espressioni facciali sono una fonte primaria di comportamento sociale e che i pazienti con BPD sono ipersensibili agli stimoli interpersonali e sociali, quindi è più probabile che i pazienti con BPD interpretino le espressioni facciali neutre come più negative. Recentemente lo studio dei processi di base che svolgono un ruolo in varie forme di psicopatologia è stato promosso come un modo migliore per comprendere i disturbi mentali, rispetto allo studio dei disturbi categorici. L’obiettivo del cosiddetto progetto Research Domain Criteria (RDoC) è quello di sviluppare nuovi modi di classificare i disturbi mentali basati su genetica, neuroscienze e scienze comportamentali, per fornire una base per la diagnostica e il trattamento di precisione. Per quanto riguarda questo progetto, la ricerca sulla risonanza magnetica potrebbe concentrarsi su problemi di regolazione emotiva e impulsività in generale, piuttosto che indagare su singoli disturbi. In conclusione, la sensibilità emotiva, la regolazione delle emozioni e l’impulsività nei pazienti con BPD sono oggi argomenti importanti nella ricerca sul neuroimaging. La sensibilità emotiva, la regolazione delle emozioni e i problemi di impulsività nei pazienti con BPD possono essere compresi in termini di inibizione compromessa dalle aree cerebrali prefrontali sulle aree limbiche. Tuttavia, i risultati negli studi sembrano non essere così chiari come precedentemente suggerito. Certamente alcune conclusioni devono essere interpretate con cautela e sono a favore di ulteriori studi e repliche dei risultati. La comprensione dei neurocircuiti sottostanti potrebbe fornire importanti approfondimenti sulla BPD e potrebbe essere utile per migliorare le terapie e, in definitiva, le condizioni personali per i pazienti con BPD e l’onere sociale.

Daniele Corbo

Bibliografia: Linda van Zutphen, Nicolette Siep, Gitta A. Jacob, Rainer Goebel, Arnoud Arntz, Emotional sensitivity, emotion regulation and impulsivity in borderline personality disorder: A critical review of fMRI studies, Neuroscience & Biobehavioral Reviews, Volume 51, 2015, Pages 64-76, ISSN 0149-7634, https://doi.org/10.1016/j.neubiorev.2015.01.001.

Immagine: Borderline.1 – Limited Edition (MARIEL K)

10 commenti Aggiungi il tuo

  1. A. ha detto:

    Lo conosco benissimo essendo che conosco una persona che lo è!!! Grazie , buonagiornata 😊

    "Mi piace"

    1. Purtroppo è un disturbo non così raro… questo articolo che ho scritto è meno divulgativo rispetto ai miei soliti, ma più completo. Buona giornata a te!😊

      "Mi piace"

      1. A. ha detto:

        Vero!!! Li adoro i tuoi articoli comunque mi fanno sempre scoprire cose nuove 😊

        "Mi piace"

      2. Grazie, sei troppo gentile…mi emozioni🌷😊

        Piace a 1 persona

      3. A. ha detto:

        È la verità

        Piace a 1 persona

    1. Good luck for your new site!!! I’ll follow it

      "Mi piace"

  2. miniworldto ha detto:

    So thankful😊❤

    "Mi piace"

  3. Le perle di R. ha detto:

    Un disturbo impegnativo sia per chi ne soffre, sia per i familiari e gli amici, sia per i medici.

    "Mi piace"

    1. è vero purtroppo…buon pomeriggio cara Rita

      Piace a 1 persona

Rispondi a A. Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.