Scoperte nuove mutazioni genetiche legate all’autismo

Gli scienziati del Sanford Burnham Prebys Medical Discovery Institute e del Radboud University Medical Center nei Paesi Bassi hanno identificato le mutazioni in un gene chiamato CNOT1 che influenza lo sviluppo del cervello e compromette la memoria e l’apprendimento. Lo studio è il primo a collegare i ritardi dello sviluppo neurologico con CNOT1, suggerendo che i farmaci che aiutano a ripristinare la funzione del gene possono avere benefici terapeutici. La ricerca, pubblicata sull’American Journal of Human Genetics, ha anche rivelato che il CNOT1 interagisce con diversi geni noti del disturbo dello spettro autistico (ASD), aprendo nuove strade di ricerca per la condizione. Prima di questo lavoro, il gene CNOT1 non era nel mirino dei ricercatori sull’autismo. Questa scoperta potrebbe aiutarci a comprendere meglio i meccanismi genetici alla base dell’ASD. Questo lavoro è anche un primo passo verso l’esplorazione di farmaci che potrebbero aumentare la funzione di CNOT1 e potrebbero essere in grado di aiutare i bambini con ritardi nello sviluppo neurologico che presentano queste mutazioni specifiche. La causa delle disabilità dello sviluppo, incluso l’ASD, è poco compresa. La ricerca indica che potrebbe esserci una componente genetica in queste condizioni, ma l’impatto preciso delle variazioni genetiche finora scoperte non è chiaro. L’identificazione della causa sottostante delle disabilità dello sviluppo consentirebbe agli scienziati di creare test diagnostici che forniscano diagnosi precoci e potenziali trattamenti. Nel presente studio, gli scienziati del Radboud University Medical Center hanno identificato una comunanza tra 39 persone con un disturbo neurologico: variazioni del gene CNOT1. Questi individui, le cui età variavano da neonati a 22 anni, presentavano sintomi che andavano da una grave disabilità intellettuale a un QI quasi normale e al funzionamento quotidiano. I ricercatori speravano di determinare se le variazioni del gene CNOT1 erano benigne o la causa dei sintomi neurologici, il primo passo per trovare potenziali trattamenti. Per rispondere a questa domanda, i ricercatori della Radboud University si sono rivolti ad un esperto di genetica di fama mondiale che studia come i geni contribuiscono alla malattia usando un modello di moscerino della frutta. Il team ha creato moscerini della frutta che contenevano le stesse variazioni CNOT1 osservate nei pazienti, tra cui sequenze di DNA “errate” (missense), abbreviate (troncate) o altrimenti alterate. Questo lavoro ha identificato nove varianti CNOT1 che hanno compromesso l’apprendimento e la memoria, che è stata misurata da diversi approcci indipendenti, incluso un test di corteggiamento che ha testato la capacità delle mosche della frutta maschile di ricordare se le loro compagne fossero state accoppiate con altri maschi. Tutte queste varianti sono apparse spontaneamente (de novo) nei pazienti, nel senso che non sono state ereditate. Gli scienziati hanno anche scoperto che queste mutazioni del CNOT1 interagiscono con i geni ASD noti, rivelando un legame genetico con l’ASD che può essere ulteriormente esplorato. I moscerini della frutta sono un ottimo modello biologico perché possiamo completare studi genetici molto rapidamente. Questo lavoro ha richiesto solo pochi mesi invece del potenziale decennio usando un modello murino. Inoltre, il gene CNOT1 è altamente conservato tra i moscerini della frutta e l’uomo, il che significa che non cambia molto, quindi siamo ottimisti sul fatto che questi risultati possano essere estrapolati alle persone. Successivamente, gli scienziati hanno in programma di identificare quali componenti molecolari interagiscono con CNOT1, che funziona da impalcatura che crea un complesso proteico più grande. Questo lavoro potrebbe scoprire ulteriori potenziali bersagli farmacologici per disturbi intellettuali, dell’apprendimento o della memoria, incluso l’ASD. Il primo passo per aiutare i bambini con ritardi nello sviluppo neurologico è determinare la causa della condizione. La loro massima speranza è quella di trovare un trattamento che possa essere somministrato il prima possibile per aiutare questi bambini a rimanere in pista a livello di sviluppo. Sorprendentemente, i risultati hanno anche implicazioni per le malattie cardiache. Una parte significativa di questi pazienti ha anche difetti cardiaci. Al contrario, anche i bambini nati con difetti cardiaci corrono un rischio maggiore di sviluppare ASD. Questo studio su CNOT1 fornisce anche un legame genetico precedentemente sconosciuto tra funzione cardiaca e ASD. Le disabilità dello sviluppo sono un gruppo di condizioni caratterizzate da menomazioni nelle aree fisiche, dell’apprendimento, della lingua o del comportamento. Circa un bambino su sei negli Stati Uniti ha una o più disabilità dello sviluppo o altri ritardi nello sviluppo, secondo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Daniele Corbo

Bibliografia: “De Novo Variants in CNOT1, a Central Component of the CCR4-NOT Complex Involved in Gene Expression and RNA and Protein Stability, Cause Neurodevelopmental Delay”. by Kalvakuri et al. American Journal of Human Genetics

Immagine: The image is in the public domain.

Un commento Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Speriamo si possano sviluppare presto questi farmaci.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.