Ripetuti impatti alla testa associati a depressione in età avanzata e peggiore funzione cognitiva

FOOTBALL Painting by Antonio Montanaro

Gli scienziati hanno a lungo creduto che una singola lesione cerebrale traumatica (TBI) all’inizio della vita potesse contribuire a problemi con la memoria, il pensiero e la depressione più tardi nella vita. Nella maggior parte degli studi precedenti, tuttavia, la ricerca non ha esaminato il possibile ruolo di una storia di esposizione a impatti ripetuti sulla testa, compresi quelli che portano a lesioni “subconcussive”, in questi problemi della vita successiva. Nel più grande studio del suo genere, è stata trovata un’associazione in pazienti viventi esposti a impatti ripetuti alla testa e difficoltà con il funzionamento cognitivo e la depressione anni o decenni dopo. Scienziati dei centri di malattia di Alzheimer e di encefalopatia cronica traumatica (CTE) dell’Università di Boston (BU), dell’Università della California, di San Francisco (UCSF) e del Sistema Sanitario VA di San Francisco si sono uniti per analizzare le registrazioni di 13.323 individui di 40 anni e più ( età media 62) che partecipano al Brain Health Registry basato su Internet. Di questi, il 725 o il 5 percento dei partecipanti ha riferito di essere stato esposto a precedenti impatti ripetuti alla testa attraverso sport di contatto, abusi o servizio militare. Oltre alla storia ripetitiva dell’impatto sulla testa, gli scienziati hanno anche esaminato gli effetti di avere un TBI con e senza perdita di coscienza. Insieme ai questionari self-report di impatto ripetitivo sulla testa e storia di TBI, i partecipanti hanno completato misure di sintomi depressivi e test cognitivi computerizzati. I risultati, pubblicati sulla rivista Neurology , rivelano che i partecipanti con una storia sia di impatti ripetuti alla testa che di TBI hanno riportato sintomi di depressione maggiori rispetto a quelli che non avevano tale storia. Inoltre, quando gli impatti sulla testa ripetuti e la TBI sono stati esaminati separatamente, una storia di impatti sulla testa ripetuti ha avuto l’effetto più forte sui sintomi della depressione in età avanzata. I risultati erano indipendenti dall’età, dal sesso, dall’identità razziale e dal livello di istruzione. I risultati sottolineano che i colpi ripetitivi alla testa, come quelli derivanti dalla partecipazione allo sport di contatto o dall’abuso fisico, potrebbero essere associati a sintomi della depressione in età avanzata. Dovrebbe essere chiarito che è probabile che questa associazione dipenda dalla dose o dalla durata degli impatti ripetitivi alla testa e che queste informazioni non fossero disponibili per questo studio. C’era uno schema dose-risposta tra il trauma cranico e i sintomi della depressione. In particolare, i partecipanti senza alcuna storia di TBI o impatti ripetuti alla testa avevano il minor numero di sintomi. Mentre i sintomi della depressione aumentavano quando era presente una storia di TBI da solo, i sintomi della depressione erano più alti per i gruppi che avevano una storia di impatti ripetuti sulla testa e TBI. In effetti, il gruppo che aveva una storia di impatti ripetitivi sulla testa e TBI con perdita di coscienza ha riportato i sintomi più depressivi. Un simile effetto cumulativo è stato osservato tra quelli esposti a impatti ripetuti sulla testa e TBI sui test di memoria, apprendimento, velocità di elaborazione e tempo di reazione. I partecipanti con una storia di impatti sulla testa ripetitivi o TBI hanno avuto prestazioni peggiori su alcuni dei test rispetto a quelli senza storia di trauma cranico, e quelli con una storia di impatti sulla testa ripetuti e TBI con perdita di coscienza hanno avuto prestazioni peggiori su quasi tutti questi test cognitivi computerizzati. Questi risultati si aggiungono alla crescente conoscenza delle conseguenze neurologiche a lungo termine del trauma cerebrale. Va notato che non tutte le persone con una storia di colpi ripetitivi alla testa svilupperanno problemi di vita avanzata con funzionamento cognitivo e depressione. Tuttavia, i risultati di questo studio forniscono ulteriori prove del fatto che l’esposizione ad impatti ripetitivi sulla testa, come attraverso il rugby, piuttosto che il football gioca un ruolo importante nello sviluppo di questi problemi cognitivi ed emotivi della vita successiva. Una delle principali limitazioni dello studio è che i ricercatori non hanno avuto accesso a misurazioni o stime del grado di esposizione all’impatto ripetitivo né della frequenza TBI. Ad ottobre, i ricercatori della BU hanno riportato una relazione dose-risposta tra il numero di anni di esposizioneal football (indipendentemente dal numero di commozioni cerebrali) e la presenza e la gravità dell’encefalopatia traumatica cronica degenerativa del cervello (CTE). In un campione di 266 giocatori di football deceduti, ogni anno di esposizione al gioco era associato ad un aumento del 30% delle probabilità di avere CTE e al 17% di maggiori probabilità di avere un CTE grave. Non è noto se alcuni soggetti in questo studio abbiano CTE o altre malattie neurodegenerative. Il team di ricerca prevede di estendere il proprio lavoro attraverso la continua collaborazione tra investigatori della BU e dell’UCSF che utilizzano i dati del Brain Health Registry. Il Brain Health Registry è una risorsa nuova ed entusiasmante sia per la comunità scientifica che per il grande pubblico. Consente il reclutamento, lo screening e lo studio su larga scala della demenza e sono state arruolate oltre 60.000 persone in tutto il mondo. Offre un modo per il pubblico di tenere traccia del proprio pensiero, memoria, umore, e comportamento nel tempo, e funge anche da registro per future ricerche e studi clinici di prevenzione e trattamento.  Puoi visitare il BHR qui.

Daniele Corbo

Bibliografia: “The Late Contributions of Repetitive Head Impacts and TBI to Depression Symptoms and Cognition”. by Michael L. Alosco, Yorghos Tripodis, Zachary H. Baucom, et al. Neurology

Immagine: FOOTBALL (Antonio Montanaro)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.