Identificati i fattori sociali e comportamentali più comunemente associati alla morte

This is a statue of a rose

Il fumo, il divorzio e l’abuso di alcol hanno il legame più stretto con la morte tra 57 fattori sociali e comportamentali analizzati nella ricerca pubblicata oggi su Proceedings of National Academy of Sciences . Lo studio ha analizzato i dati del sondaggio raccolti da 13.611 adulti negli Stati Uniti tra il 1992 e il 2008 e ha identificato i fattori applicati a coloro che sono morti tra il 2008 e il 2014. Dimostra che è necessario un approccio di durata della vita per comprendere veramente la salute e la mortalità. Ad esempio, invece di chiedere semplicemente se le persone sono disoccupate, hanno esaminato la loro storia di disoccupazione nell’arco di 16 anni. Se erano disoccupati in qualsiasi momento, era un predittore di mortalità? È più di una semplice istantanea nella vita delle persone, dove qualcosa potrebbe mancare perché non si è verificato. Questo approccio fornisce uno sguardo ai potenziali impatti a lungo termine attraverso un obiettivo di durata della vita. L’aspettativa di vita negli Stati Uniti è rimasta ferma per tre decenni rispetto ad altri paesi industrializzati, sollevando domande su quali fattori potrebbero contribuire. I fattori biologici e le condizioni mediche sono sempre in cima all’elenco, quindi questo studio ha intenzionalmente escluso quelli a favore di fattori sociali, psicologici, economici e comportamentali. Dei 57 fattori analizzati, i 10 più strettamente associati alla morte, in ordine di significato, erano:

1. Fumatore attuale
2. Storia di divorzio
3. Storia di abuso di alcol
4. Recenti difficoltà finanziarie
5. Storia di disoccupazione
6. Storia precedente come fumatore
7. Bassa soddisfazione nella vita
8. Mai sposato
9. Storia di buoni pasto
10. Affettività negativa

I dati provenivano dallo studio sanitario e pensionistico statunitense rappresentativo a livello nazionale, i cui partecipanti avevano un’età compresa tra 50 e 104 anni, con un’età media di 69,3 anni. Questi sondaggi non hanno catturato tutte le possibili avversità – né l’insicurezza alimentare né gli abusi domestici sono stati affrontati, ad esempio – ma i nuovi risultati forniscono un’indicazione della posizione di vari fattori in relazione tra loro. Se verrà investito denaro e sforzi in interventi o cambiamenti politici, queste aree potrebbero potenzialmente fornire il massimo ritorno su tale investimento. Il fumo è stato compreso come uno dei maggiori predittori di mortalità per 40 anni, se non di più, ma identificando un fattore come l’affettività negativa – questa idea che tendi a vedere e sentire cose più negative nella tua vita – possiamo vedere che potremmo aver bisogno di iniziare a indirizzarlo con interventi. Possiamo spostarlo e avere un impatto sui tassi di mortalità? Allo stesso modo, possiamo indirizzare gli interventi per i disoccupati e quelli con difficoltà finanziarie per ridurre il loro rischio?

Daniele Corbo

Bibliografia: “Predicting mortality from 57 economic, behavioral, social, and psychological factors”. by Eli Puterman el al. PNAS

Immagine: The image is in the public domain.

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Tutto ciò che hai citato mi sembrano creino una buona dose di stress, preoccupazione, ansie e abbattimento emotivo nelle persone, e probabilmente il punto è proprio questo.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.