Troppo alcol può causare effetti simili alla demenza – e sono spesso confusi

When I drink Painting by Selina Saranova

Nel Regno Unito, secondo un recente sondaggio , il 21% delle persone sta bevendo più alcol rispetto a prima della pandemia . Ciò segue un aumento segnalato del 31% nelle vendite di alcolici all’inizio del blocco. Poiché mentre i pub e i ristoranti erano costretti a chiudere le porte, i negozi di alcol erano considerati rivenditori essenziali . E man mano che i tradizionali raduni sociali venivano sospesi, gli incontri nei pub virtuali e le feste online li sostituivano rapidamente. Gli hashtag di Twitter come #Quarantini e #FurloughMerlot hanno rivelato come il bere fosse, per molti, un elemento chiave dell’esperienza della pandemia. Alcuni potrebbero essersi rivolti all’alcol per alleviare l’ ansia , lo stress o addirittura per riempire il tempo solitamente trascorso in palestra o socializzare. Ma qualunque sia la ragione, mentre la maggior parte dei bevitori è consapevole dell’effetto che l’alcol può avere sul loro fegato o sul girovita, molti non si rendono conto di quanto un consumo eccessivo (e continuo) possa causare danni a lungo termine al cervello. Il danno cerebrale correlato all’alcol (ARBD) è un insieme poco riconosciuto di condizioni correlate che comporta cambiamenti strutturali e funzionali al cervello. Può compromettere la memoria , il pensiero, la pianificazione e il ragionamento e causare cambiamenti nella personalità e nel comportamento. Al momento manca la consapevolezza dell’ARBD tra il pubblico in generale e gli specialisti clinici, i quali dicono che riconoscere e diagnosticare i casi è un “problema grave”. I segni di ARBD possono anche essere confusi con l’apparenza di ebbrezza, mentre lo stigma è anche una barriera per riconoscere e trattare le persone con questa condizione. L’ARBD inizia spesso con sintomi lievi, ma può progredire verso problemi più gravi se l’alcol viene ancora consumato in quantità dannose (definite come 35 unità – circa quattro bottiglie di vino – a settimana per le donne e 50 unità per gli uomini). I segni iniziali di ARBD includono comportamento impulsivo, problemi con la pianificazione e il processo decisionale e difficoltà nel formare e conservare nuovi ricordi. Alcuni possono anche sperimentare confabulazioni, che sono “ricordi” falsi o distorti. Gli uomini hanno maggiori probabilità di avere l’ARBD, anche se gli studi suggeriscono che le donne potrebbero essere più vulnerabili agli effetti dell’alcol poiché le donne sviluppano la condizione in età significativamente più giovane rispetto agli uomini. In entrambi i sessi, quelli tra la metà e la fine degli anni ’50 hanno i più alti tassi di ARBD, ma alcuni casi sono stati riportati al di sotto dei 35 anni. Questi sintomi spesso si sovrappongono ad alcuni dei segni di demenza, con ricerche che suggeriscono che fino al 24% di tutti i casi di demenza sono in realtà ARBD. Ma mentre i pazienti affetti da demenza raramente sperimentano miglioramenti nelle loro condizioni, quelli con ARBD hanno il potenziale per recuperare almeno parzialmente. Ciò rende fondamentale distinguere la condizione dalla demenza considerando la storia del bere e notando segni di miglioramento o stabilizzazione. Il trattamento per ARBD significa in genere l’astinenza dall’alcol, seguita dalla riabilitazione. Di solito, sono necessari almeno tre mesi senza alcool per vedere se ci sono miglioramenti o segni che il danno potrebbe essere reversibile. Non esiste un “limite di sicurezza” concordato una volta che qualcuno è stato diagnosticato e qualsiasi quantità di alcol può causare più danni. Sebbene l’ARBD sia spesso difficile da diagnosticare , un rapporto in Galles suggerisce un aumento complessivo del 38,5% di coloro a cui è stata diagnosticata la condizione per un periodo di cinque anni. Né gli aumenti di ARBD sono limitati a quelli con background socioeconomici più poveri. Sono noti per avere alti tassi della condizione , ma i dati recenti mostrano che quelli con un lavoro professionale avevano maggiori probabilità di bere regolarmente alcolici rispetto a quelli con redditi più bassi. Sebbene l’alcol possa fornire un rilascio a breve termine dallo stress della vita – in particolare durante una pandemia, molti bevitori possono sviluppare un’abitudine malsana con l’alcol che sta danneggiando il loro cervello. Ma una delle caratteristiche distintive di ARBD è che è una condizione prevenibile, curabile e potenzialmente reversibile, se riconosciuta e trattata in anticipo. Per mantenere il controllo del consumo di alcol, l’ Organizzazione Mondiale della Sanità suggerisce di cercare di mantenere il più possibile una routine e di focalizzare l’attenzione su ciò che può essere controllato. Invece di passare il tempo a bere alcolici, questo potrebbe essere sostituito dall’attività fisica, che è nota per rafforzare il sistema immunitario e favorire la salute mentale . Quindi, prima di bere il tuo cocktail #Quarantini, è importante considerare l’effetto a lungo termine che potrebbero avere questi tipi di abitudini – sia sul cervello che sul fegato.

Daniele Corbo

Bibliografia: http://www.theconversation.com

Immagine: When I drink (Selina Saranova)

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. auacollage ha detto:

    Verissimo. Ho notato alcuni esempi intorno a me. Buona giornata.

    "Mi piace"

    1. Grazie Augusta, buona giornata a te!

      Piace a 1 persona

      1. auacollage ha detto:

        ❣️🙏🌹🍀🍀🍀

        "Mi piace"

  2. Verde Alfieri ha detto:

    Verissimo, confermo e purtroppo non solo l’alcol..

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.