Essere un migliore alleato in ufficio – e oltre

black lives matter 68 mexico city Printmaking by norton wisdom ...

In recenti interviste, la calciatrice americana Crystal Dunn ha espresso la gioia e la paura che provava quando la sua compagna di squadra Megan Rapinoe ha deciso di inginocchiarsi contro la brutalità della polizia e il razzismo nel 2016. Mentre Dunn voleva unirsi alla sua compagna di squadra, si è preoccupata “potrebbero strappare il [ suo] contratto “e di conseguenza ha scelto di non farlo. Il fatto è che Rapinoe sentisse di potersi inginocchiare mentre Dunn non sentiva di potersi esprimere. La US Soccer Federation ha condannato l’inginocchiamento di Rapinoe. Tuttavia, Dunn era preoccupata che le ripercussioni sarebbero state peggiori per lei come giocatrice nera. Gli psicologi hanno scoperto che quando una persona di colore si confronta con un’osservazione razzista sono visti come “maleducati”, ma quando una persona bianca fa lo stesso vengono percepiti come “persuasivi”. Allo stesso modo, quando i neri spingevano per un’iniziativa sulla diversità venivano visti come interessati a se stessi. Mentre i bianchi che facevano lo stesso erano “obiettivi” . Se le persone di colore e le donne hanno dimostrato di apprezzare la diversità sul lavoro, hanno ricevuto valutazioni peggiori delle prestazioni dal loro capo. Tuttavia, i bianchi che hanno fatto lo stesso non sono stati puniti. Sebbene i bianchi, in particolare gli uomini, abbiano meno probabilità di essere puniti per aver spinto l’antirazzismo, spesso lo evitano. Pensano che non sia il loro posto, non vogliono sembrare scortesi e possono farli sentire profondamente a disagio . Di conseguenza, questo difficile lavoro viene esternalizzato a persone di colore. Ad esempio, quando si dice qualcosa di razzista, gli psicologi hanno scoperto che i bianchi guardano verso la persona nera nella stanza . Questo crea un doppio onere in cui le persone di colore subiscono discriminazioni e poi hanno la responsabilità di sminuire l’episodio.

Alleati incerti


La ricerca ha scoperto che essere un miglior alleato è un modo in cui i dipendenti bianchi possono opporsi al razzismo sul lavoro. Gli alleati sono persone di un gruppo che non subiscono discriminazioni ma forniscono supporto a coloro che sono discriminati. L’alleanza sul lavoro può avere molti potenziali benefici . Può favorire connessioni inter-gruppo positive, minare il razzismo e altre forme di oppressione e costruire una cultura del posto di lavoro più positiva. Tuttavia, l’alleanza ha alcune insidie ​​pericolose . Gli alleati ben intenzionati possono caricare gli altri con richieste di parlare di esperienze traumatiche che non hanno condiviso. Esiste anche il pericolo di “alleati performativi” che mostrano pubblicamente il loro sostegno per una causa, ma solo per un breve periodo. Gli aspiranti alleati a volte sono più interessati a gestire la propria “colpa bianca” che ad aiutare efficacemente il movimento. Esiste anche il pericolo che gli alleati finiscano per ammucchiare le stesse persone che speravano di sostenere dal movimento.

Essere un miglior alleato

Essere un alleato efficace è un’abilità qualsiasi e richiede tempo per affinarsi. Fortunatamente, recenti ricerche hanno iniziato a indicare alcune regole pratiche utili per i potenziali alleati.

1. Ascolto

Diventare un migliore alleato inizia con un ascolto profondo. Un recente lavoro ha scoperto che i buoni alleati iniziano osservando attentamente e notando le differenze e le somiglianze tra loro e gli altri. Ad esempio, comprendere il privilegio bianco e ascoltare le esperienze e le esigenze degli altri. Solo dopo si impegnano in alleanze, apprezzando i valori di queste differenze e agendo di conseguenza.

2. Autoriflessione

Gli alleati impiegano del tempo per riflettere sui propri pregiudizi. La maggior parte degli alleati non sono liberi da pregiudizi. Piuttosto, gli alleati hanno maggiori probabilità di essere consapevoli del divario tra ciò che dovrebbero fare e ciò che effettivamente fanno e lavorare per colmare tale divario.

3. Obiettivi più grandi

Un recente studio ha scoperto che gli alleati che sono motivati ​​da obiettivi che si sono trascesi e riguardavano una più ampia trasformazione sociale avevano maggiori probabilità di influenzare un cambiamento significativo rispetto a coloro che sono guidati da motivi più egoistici. Quindi coloro che vogliono aiutare a chiamare i sistemi di oppressione per smantellarli per tutti piuttosto che farlo per avere un bell’aspetto.

4. Costruire la fiducia

Uno studio ha scoperto che gli alleati venivano visti più favorevolmente se investivano nella costruzione della fiducia e degli straordinari e non assumevano ruoli pubblici di alto profilo. La fiducia può essere costruita comprendendo i problemi affrontati, agendo altruisticamente, facendo sacrifici per il gruppo e rimanendo fedeli a quel gruppo nel tempo.

5. Agire

Infine, uno dei ruoli più importanti che gli aspiranti alleati possono svolgere è quello di educare e sfidare i membri del proprio gruppo. Questo può essere visto in uno studio in cui il team di ricerca chiese perché dopo quasi 80 anni il consiglio comunale di Tulsa, in Oklahoma, riconobbe e diede riparazione per uno scoppio di violenza nel 1921, durante il quale centinaia di persone furono uccise e un fiorente quartiere nero fu distrutto. Il team ha scoperto che le testimonianze emotive degli alleati bianchi del movimento nero hanno svolto un ruolo cruciale nel far fare qualcosa al consiglio comunale prevalentemente bianco. Questo studio suggerisce che a volte il modo migliore per essere un alleato è sfidare le persone nel proprio gruppo, anche se è scomodo.

Daniele Corbo

Bibliografia: the conversation

Immagine: black lives matter 68 mexico city (norton wisdom)

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. silviacavalieri ha detto:

    Quando dobbiamo confrontare con qualcosa che sfida il nostro conformismo ci rendiamo conto, spesso inaspettatamente e con stupore, di quanto siamo pieni di pregiudizi. Dobbiamo approfondire il rapporto con noi stessi, conoscerci meglio se vogliamo smettere di essere “razzisti” nel senso più ampio del termine. (rifiutare a priori ciò che è diverso da noi o estraneo alla nostra cultura è un atteggiamento razzista.)

    "Mi piace"

    1. Verissimo, passa tutto attraverso una piena conoscenza di sé. Buona giornata Silvia

      Piace a 1 persona

      1. silviacavalieri ha detto:

        Grazie, buona giornata a te!

        "Mi piace"

Rispondi a Daniele Corbo (Orme Svelate) Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.