L’asma dei bambini e l’apnea notturna sono migliorate durante il lockdown

KIDS AMONG FLOWERS Painting by albertina giuliana alberti ...

Il blocco dovuto al COVID-19 ha avuto anche dei risvolti positivi. Un fenomeno che viene fuori dalla ripresa del lavoro ambulatoriale delle cliniche del sonno dei bambini è che i genitori riferiscono che i sintomi del loro bambino sono notevolmente migliorati nelle settimane di lockdown. La maggior parte dei bambini di queste cliniche hanno un’apnea ostruttiva del sonno, una condizione che porta a un sonno notturno disturbato a causa del ripetuto blocco delle vie aeree superiori (apnee). Ciò porta a sintomi diurni come stanchezza, problemi comportamentali e scarsa concentrazione. Se non curati, questi bambini potrebbero non raggiungere il loro pieno potenziale accademico e potrebbero continuare a sviluppare insufficienza cardiaca in età avanzata. Spesso i sintomi migliorano gradualmente man mano che i bambini invecchiano, ma le famiglie hanno riportato una risoluzione quasi sintomatica dei sintomi nel giro di poche settimane. Con grande sorpresa, questa tendenza è proseguita dal blocco anche nel periodo di distanziamento sociale. La stragrande maggioranza dei bambini con SARS-CoV-2 (il virus che causa COVID-19) ha sintomi molto lievi e non sono ricoverati in ospedale. Ma che dire di tutte le altre condizioni acute che normalmente riempiono i reparti in questo periodo dell’anno, come l’asma? Di solito si assiste ad un’ondata di bambini con attacchi allergici acuti di asma durante il periodo maggio-giugno, che corrisponde ai conteggi dei picchi di pollini. Ma in questo periodo non è successo questo. Sicuramente c’è un elemento di maggiore gestione familiare con i genitori comprensibilmente riluttanti a portare i loro figli in ospedale in questo momento. Ma ci si aspetterebbe comunque di vedere un numero significativo di bambini i cui sintomi sono abbastanza gravi da richiedere cure ospedaliere specializzate. Perché un effetto clinico così drammatico si verifichi in così poco tempo per così tanti bambini, ci deve essere una ragione ambientale per spiegarne almeno una parte. Il più grande cambiamento per i bambini durante la pandemia di COVID-19 è stata la chiusura di scuole e asili. Questa misura, combinata con le politiche di allontanamento sociale al di fuori della scuola, probabilmente avrà ridotto la diffusione non solo della SARS-CoV-2 tra i bambini, ma anche la diffusione di altri virus. E i virus respiratori sono fortemente associati all’asma acuta e al peggioramento dei sintomi di apnea ostruttiva del sonno nei bambini. Un’altra somiglianza tra asma e apnea ostruttiva del sonno è la loro associazione con gli allergeni. Il non uscire avrebbe ridotto la loro esposizione ai comuni allergeni presenti nell’aria come il polline degli alberi, un potente fattore scatenante di asma allergico e febbre da fieno. Entrambi sono positivamente associati all’apnea ostruttiva del sonno nei bambini. Esistono anche buone prove di una correlazione tra inquinamento atmosferico e asma o apnea ostruttiva del sonno. È noto che il particolato fine e i gas, come il biossido di azoto (NO₂), scatenano l’infiammazione delle vie aeree. Poiché i viaggi sono diminuiti a livello globale durante la pandemia, c’è già stata una significativa riduzione dei livelli di inquinamento atmosferico, in particolare nei paesi industriali di tutto il mondo. I dati della NASA suggeriscono una riduzione del 20% -30% delle emissioni di NO Europe in Europa tra marzo 2019 e marzo 2020.

Lezioni

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato il COVID-19 un’emergenza di salute pubblica di interesse internazionale il 30 gennaio 2020. Da allora la copertura delle notizie ha sottolineato giustamente i pericoli della malattia. Però ci sono state anche alcune conseguenze inaspettate del blocco, che sembrano essere correlate a cambiamenti comportamentali su larga scala. Resta da vedere se questi effetti dureranno. Fino ad ora, l’attenzione si è concentrata sul contenimento del contagio, ma sembra che ci siano altre lezioni da imparare.

Daniele Corbo

Bibliografia: Jo-Anne Johnson, Senior Lecturer, Child and Family Health, Anglia Ruskin University

Immagine: KIDS AMONG FLOWERS (albertina giuliana alberti)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Quantomeno qualche nota positiva sta emergendo…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.