Come la paura si trasforma in ansia

Fear Painting by wery pollier |

Una mortale pandemia di coronavirus, instabilità economica e disordini civili minacciano il benessere mentale di milioni di persone. Comprendere come, nelle persone vulnerabili, la paura di eventi così spaventosi si evolva in ansia permanente, è fondamentale per la guarigione. Un team di ricerca dell’Università del New Mexico ha identificato per la prima volta i correlati neuronali a livello cerebrale del passaggio dalla paura all’ansia. Fino ad ora, gli psichiatri avevano poche informazioni su ciò che accade nel cervello dopo un’esperienza spaventosa e sul perché alcune persone non si riprendono facilmente e rimangono ansiose, anche per il resto della loro vita. La paura potenzialmente letale porta spesso alla sindrome da stress post-traumatico (PTSD). L’obiettivo è far luce sulla risposta del cervello alla paura e perché, in alcuni casi, può portare a stati di ansia prolungati come il PTSD. Sebbene non fattibile nei soggetti umani, la paura può essere provocata nei roditori dall’esposizione a un odore spaventoso, come un prodotto comunemente usato per proteggere i nostri barbecue dalla nidificazione del topo. Questo odore simula un odore di predatore e spaventa i topi. Il team UNM ha usato questo trucco per testimoniare come il cervello risponde agli eventi spaventosi e scoprire come l’attività cerebrale si evolve da una sensazione spaventosa all’ansia. In un articolo pubblicato questa settimana sulla rivista NeuroImage, riportano una correlazione del comportamento con l’attività cerebrale osservando il comportamento e catturando immagini di risonanza magnetica prima, durante e dopo l’esposizione a odori non spaventosi e spaventosi. Hanno creato vulnerabilità all’ansia manipolando il trasportatore della serotonina (SERT), che è il principale bersaglio di farmaci psicoattivi, come la cocaina e antidepressivi, come il Prozac. La delezione del gene SERT (SERT-KO) produce vulnerabilità all’ansia e quindi fornisce un modello unico per imparare come le esperienze spaventose si trasformano in ansia. I ricercatori UNM hanno confrontato il comportamento e l’attività cerebrale in condizioni normali rispetto a SERT-KO per identificare i correlati neurali dell’ansia – quelle regioni attive in SERT-KO ansiosi e non in soggetti normali. Per evidenziare i neuroni attivi, hanno usato il manganese, uno ione non tossico che illumina i neuroni attivi nelle immagini a risonanza magnetica. Le analisi computazionali di queste immagini a livello cerebrale hanno prodotto mappe di attività in tutto il cervello prima, immediatamente e molto dopo una breve esposizione all’odore spaventoso. Hanno identificato differenze nell’attività neurale in 45 sottoregioni in tutto il cervello. Alcune regioni sono state attivate dall’odore spaventoso, e altre si sono verificate solo in seguito. La vulnerabilità all’ansia era correlata con molta più attività in molte più regioni. La funzione di alcune di queste regioni, tra cui l’amigdala e l’ipotalamo, è almeno in parte compresa, ma altre, come i circuiti di ricompensa, non erano precedentemente noti per essere coinvolti nell’ansia. Il coordinamento tra le regioni è stato alterato quando c’era uno stato ansioso, il che può rappresentare una firma a livello cerebrale dell’ansia o indicare una non coordinazione tra le regioni del cervello, che spesso si manifesta quando siamo spaventati o ansiosi. Ora sappiamo che l’attività cerebrale nell’ansia non è la stessa di una risposta acuta alla paura. Con l’ansia, l’attività neurale è elevata in molte regioni specifiche del cervello e si perde la normale coordinazione tra le regioni. Cosa significa questo al tempo di COVID? Il lasso di tempo per risultati resilienti o ansiosi suggerisce che il contenimento precoce di risposte spaventose a impennate in casi, proteste e recessione economica può ridurre la probabilità di progressione verso l’ansia. Il coinvolgimento della serotonina suggerisce anche obiettivi farmacologici che potrebbero aiutare a ridurre la probabilità di ansia. Anche la meditazione, la musica, la poesia, l’esercizio fisico e altre attività di riduzione dello stress che coinvolgono i circuiti della ricompensa aiuteranno probabilmente. Gli interventi precoci avranno benefici duraturi.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Evolution of brain-wide activity in the awake behaving mouse after acute fear by longitudinal manganese-enhanced MRI” by Elaine L. Bearer et al. NeuroImage

Immagine: fear (wery pollier)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Molto utile…grazie per la condivisione. Buongiorno Daniele!

    "Mi piace"

    1. Grazie a te. Buona giornata ☺️

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.