Mangiare pesce può proteggere il cervello dagli effetti dell’inquinamento atmosferico

Le donne anziane che consumano più di una o due porzioni alla settimana di pesce al forno o alla griglia o crostacei possono consumare abbastanza acidi grassi omega-3 per contrastare gli effetti dell’inquinamento atmosferico sul cervello, secondo un nuovo studio pubblicato nell’edizione del 15 luglio 2020 di Neurology. I ricercatori hanno scoperto che tra le donne anziane che vivevano in aree con alti livelli di inquinamento atmosferico, quelle che avevano i livelli più bassi di acidi grassi omega-3 nel sangue avevano più contrazioni cerebrali rispetto alle donne che avevano i livelli più alti. I pesci sono un’ottima fonte di acidi grassi omega-3 e facili da aggiungere alla dieta. È stato dimostrato che gli acidi grassi Omega-3 combattono l’infiammazione e mantengono la struttura del cervello nei cervelli che invecchiano. È stato anche scoperto che riducono i danni al cervello causati da neurotossine come piombo e mercurio. Quindi hanno esplorato se gli acidi grassi omega-3 hanno un effetto protettivo contro un’altra neurotossina, il particolato fine trovato nell’inquinamento atmosferico. Lo studio ha coinvolto 1.315 donne con un’età media di 70 anni che non avevano demenza all’inizio dello studio. Le donne hanno compilato questionari sulla dieta, l’attività fisica e la storia medica. I ricercatori hanno utilizzato il questionario dietetico per calcolare la quantità media di pesce che ogni donna consumava ogni settimana, inclusi pesce alla griglia o al forno, tonno in scatola, insalata di tonno, casseruola di tonno e crostacei non fritti. Il pesce fritto non è stato incluso perché la ricerca ha dimostrato che la frittura danneggia gli acidi grassi omega-3. Ai partecipanti sono stati eseguiti esami del sangue. I ricercatori hanno misurato la quantità di acidi grassi omega-3 nei loro globuli rossi e quindi hanno diviso le donne in quattro gruppi in base alla quantità di acidi grassi omega-3 nel loro sangue. I ricercatori hanno utilizzato gli indirizzi di casa delle donne per determinare la loro esposizione media a tre anni all’inquinamento atmosferico. I partecipanti hanno quindi eseguito scansioni cerebrali con risonanza magnetica (MRI) per misurare varie aree del cervello tra cui la sostanza bianca, che è composta da fibre nervose che inviano segnali in tutto il cervello e l’ippocampo, la parte del cervello associata alla memoria. Dopo essersi adattati per età, istruzione, fumo e altri fattori che potrebbero influenzare il restringimento del cervello, i ricercatori hanno scoperto che le donne che avevano i livelli più alti di acidi grassi omega-3 nel sangue avevano maggiori volumi di sostanza bianca rispetto a quelli con i livelli più bassi. Quelli del gruppo più alto avevano 410 centimetri cubici (cm3) di sostanza bianca, rispetto ai 403 cm3 per quelli del gruppo più basso. I ricercatori hanno scoperto che per ogni aumento di quartile dei livelli di inquinamento atmosferico, il volume medio di sostanza bianca era 11,52 cm3 più piccolo tra le persone con livelli più bassi di acidi grassi omega-3 e 0,12 cm3 più piccolo tra quelli con livelli più alti. Le donne con i più alti livelli di acidi grassi omega-3 nel sangue avevano anche maggiori volumi di ippocampo. I risultati suggeriscono che livelli più alti di acidi grassi omega-3 nel sangue dal consumo di pesce possono preservare il volume del cervello con l’invecchiamento delle donne e possibilmente proteggere dai potenziali effetti tossici dell’inquinamento atmosferico. È importante notare che questo studio ha trovato solo un’associazione tra il volume del cervello e il consumo di pesce. Non prova che mangiare pesce preservi il volume del cervello. E poiché studi separati hanno scoperto che alcune specie di pesci possono contenere tossine ambientali, è importante parlare con un medico di quali tipi di pesci mangiare prima di aggiungere altro pesce alla dieta. Una limitazione dello studio era che la maggior parte dei partecipanti erano donne bianche anziane, quindi i risultati non possono essere generalizzati ad altri. Inoltre, i ricercatori sono stati in grado di esaminare solo le esposizioni all’inquinamento atmosferico nell’età avanzata, non le esposizioni precoci o di mezza età, quindi gli studi futuri dovrebbero esaminare le esposizioni all’inquinamento atmosferico durante la vita di una persona.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Erythrocyte omega-3 index, ambient fine particle exposure and brain aging”. by Cheng Chen, View ORCID ProfilePengcheng Xun, View ORCID ProfileJoel D. Kaufman, Kathleen M. Hayden, Mark A. Espeland, Eric A. Whitsel, Marc L. Serre, William Vizuete, Tonya Orchard, William S. Harris, Xinhui Wang, Helena C. Chui, Jiu-Chiuan Chen, Ka He. Nagelhus. Neurology

Immagine: 3 stages of a salmon’s life (sabrina basuki)

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Se sarà confermato anche per altre età e per il sesso opposto, direi che sarebbe un buon supporto.

    "Mi piace"

    1. Sicuramente avere l’abitudine di mangiare pesce è comunque sana…

      Piace a 1 persona

      1. luisa zambrotta ha detto:

        Buona domenica a te! ❤️

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.