Decisioni comportamentali banali: le azioni possono essere ritenute erroneamente come fatte

This shows a bored looking woman

C’è un motivo per cui le persone spesso dimenticano di assumere un farmaco quotidiano o di rispondere a quell’e-mail che intendevano inviare, e può essere colmata fino al divario tra l’intenzione e il completamento di un’azione, secondo una nuova ricerca scritta da un esperto dell’Università dell’Illinois. I comportamenti banali che si ripetono nel tempo e si verificano nel contesto di molti altri comportamenti simili possono portare le persone a confondere intenzioni e comportamenti e creare falsi ricordi del completamento dell’attività. Le intenzioni e la pianificazione di piani in genere migliorano l’esecuzione delle attività. C’è bisogno che funzionino nella società, per realizzare i nostri obiettivi e per andare d’accordo con gli altri. Ma quando formiamo un’intenzione nel momento come “Ora firmerò quel documento”, ed è un’attività che eseguiamo abitualmente, vogliamo completare l’attività quando formiamo l’intenzione. Altrimenti, in realtà non firmiamo il modulo. E il motivo è perché il pensiero di voler firmare il modulo può essere erroneamente ricordato come se fosse stato effettivamente firmato, nel qual caso sarebbe meglio non aver formato l’intenzione di firmare il modulo in primo luogo. Attraverso cinque studi, i ricercatori hanno studiato il fenomeno precedentemente non riconosciuto del ricordare di aver adottato una decisione comportamentale banale quando si intendeva solo farlo, così come i suoi meccanismi psicologici. L’obiettivo era quello di sviluppare una procedura di laboratorio-analogica che comportasse decisioni comportamentali relativamente semplici, ripetitive e simili per creare le condizioni ipotizzate per produrre alti livelli di errore. I partecipanti hanno scelto i candidati e hanno agito sulla decisione di assumerli, hanno generato l’intenzione di assumerli successivamente o hanno emesso un giudizio irrilevante per il comportamento. A seguito di un ritardo, ai partecipanti è stato chiesto di riferire se avevano agito sulla decisione o se semplicemente intendevano farlo per ogni persona che avevano visto. La metodologia è stata attentamente elaborata per produrre il necessario livello elevato di errori che stavano studiando, per mantenere le caratteristiche irrilevanti costanti in tutte le condizioni e per manipolare sistematicamente la realizzazione contro l’intenzione. Se le intenzioni svolgono un ruolo causale nella produzione di rapporti errati di comportamento, i rapporti errati dovrebbero essere più comuni nell’intenzione rispetto alla condizione di controllo. I primi due esperimenti hanno mostrato segnalazioni errate e successivi errori di prestazione anche quando si controlla per indovinare. Gli esperimenti tre e quattro hanno dimostrato una maggiore confusione quando il coinvolgimento fisico e i criteri mentali per l’intenzione e il comportamento erano simili. E il quinto esperimento ha indicato che monitorare se uno ha agito su una decisione è altamente efficace nel ridurre gli errori e più efficace del monitorare l’intenzione. I risultati evidenziano che i comportamenti sembreranno più coerenti con le intenzioni quando il comportamento è di routine. La scoperta implica che dovremmo essere più consapevoli del potenziale errore in questi comportamenti altrettanto banali. Il documento ha implicazioni per le strutture sanitarie e per qualsiasi altra situazione in cui l’autodichiarazione di seguire un’azione è fondamentale. L’adempimento di comportamenti abituali e ripetuti può avere conseguenze significative e fanno parte, se non centrale, di molti contesti pratici. Più in generale, comprendere la complessità del legame intenzione-comportamento e i possibili effetti inattesi della formazione dell’intenzione è essenziale per promuovere comportamenti benefici in molti settori, che vanno dalle decisioni finanziarie alla salute di una persona.

Daniele Corbo

Bibliografia: “The Role of Defensive Confidence in Preference for Proattitudinal Information: How Believing That One Is Strong Can Sometimes Be a Defensive Weakness”. by Dolores Albarracín, Amy L. Mitchell. Personality and Social Psychology Bulletin

Immagine: The image is credited to UT San Antonia.

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. Antartica ha detto:

    In pratica (correggimi se sbaglio): se non si può fare subito una data cosa che si intende fare bisogna lasciare una specie di ‘post-it’ mentale al proprio cervello affinchè esso possa ricordare che quell’azione andrà compiuta in seguito… 🤔

    "Mi piace"

  2. Antartica ha detto:

    Buono a sapersi! 😊

    Buona serata. 🙂

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.