Gli umani sono impazienti, anche di pochi secondi

impatience Painting by Cristina Bernazzani

Uno studio dell’Università dell’Ohio che cerca di comprendere i meccanismi psicologici dell’attesa di una ricompensa più grande in contrasto con una gratificazione istantanea con una ricompensa più piccola è stato recentemente pubblicato nel Journal of Experimental Psychology: General. Il team di ricerca ha discusso nel loro articolo in che modo i loro risultati mostrano che le persone sono impazienti non solo quando pensano di aspettare o meno una ricompensa più grande in astratto, ma sono anche più impazienti quando devono effettivamente aspettare di ricevere una ricompensa più grande. Nello studio, gli importi e i ritardi erano piccoli (in centesimi e secondi), ma anche nei partecipanti su piccola scala hanno dimostrato un comportamento miope, come il preferire prima il pagamento più piccolo. In questo particolare articolo, erano interessati a come le persone prendono decisioni che comportano un confronto tra il tempo necessario per ottenere qualcosa rispetto a quanto si otterrà. Questi tipi di esperimenti sono sotto l’ombrello di quella che viene chiamata scelta intertemporale, che si riferisce allo studio di come le persone fanno dei compromessi tra gli importi, sia per guadagnare che per perdere, in relazione ai tempi di quelli. Nello studio, i ricercatori hanno creato una situazione realistica in cui i partecipanti potevano effettivamente sperimentare il tempo di attesa per ricevere qualcosa, con i pagamenti e le unità di tempo regolati per essere del tutto più piccoli, mentre erano al computer. Ciò ha funzionato facendo in modo che un partecipante prendesse decisioni tra monete piccole e che potevano essere ricevute immediatamente o più grandi che richiedevano un periodo di attesa in pochi secondi prima che potessero essere ritirate. Per ogni scelta, il partecipante avrebbe potuto quindi attendere e ottenere qualcosa di più grande, o prendere la ricompensa più piccola. Due gruppi hanno ricevuto opzioni di scelta identiche, ma differivano dal fatto che dovevano aspettare per ricevere il pagamento più grande dopo aver effettuato o meno ciascuna scelta. In altre parole, un gruppo ha subito il ritardo dopo ogni selezione, mentre l’altro gruppo non si è aspettato di aspettare alla fine dell’esperimento. Prima dei risultati, il team di ricerca pensava che il tempo di attesa fosse così piccolo che non sarebbe importato ai partecipanti. Se fossero passati solo pochi secondi, sicuramente avrebbero sempre ricevuto la ricompensa più grande. Tuttavia, questo non è stato il risultato. Hanno scoperto che in entrambe le situazioni, le persone hanno fatto il compromesso tra tempo e denaro. Sarebbe stato normale aspettare per avere qualche centesimo in più ogni volta perché le quantità di tempo erano troppo piccole per pensarci anche. Invece, i ritardi contano – anche i secondi contano per le persone. In generale, le persone sono solo molto impazienti. I risultati hanno stravolto i piani dei ricercatori e le loro previsioni iniziali e hanno portato a qualcosa di sorprendente, o in una direzione a cui non avevano mai pensato. Utilizzando la modellazione matematica, i risultati includono che il tempo sembra più lungo quando lo si sperimenta e l’importo della ricompensa viene svalutato quando viene ritardato, con lo studio che trova supporto per entrambi i ragionamenti. Sono necessari futuri test empirici per testare ulteriormente queste idee. Sebbene il progetto di ricerca sia stato avviato un paio di anni fa, il team ha osservato che i risultati possono essere applicabili all’attuale pandemia. Ad esempio, mentre alcuni paesi hanno implementato blocchi precedenti e più lunghi, altri hanno mostrato esitazione nell’attuare tali politiche o non hanno atteso abbastanza a lungo affinché i casi diminuissero sostanzialmente, con i casi che continuavano a crescere. Probabilmente molti esperti in questo momento si incontrano e concordino su alcuni studi che hanno dimostrato che se gli Stati Uniti fossero rimasti in blocco, o se i blocchi fossero stati effettuati prima e più a lungo, forse le cose sarebbero andate diversamente. L’attesa non è facile, come ha dimostrato lo studio, e la ricerca futura in termini di analisi delle politiche dei diversi paesi tenendo presente ciò mostrerà come alcune politiche che richiedono pazienza abbiano finito per dare risultati diversi per questa pandemia.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Waiting in intertemporal choice tasks affects discounting and subjective time perception”. by Xu, Ping, González-Vallejo, Claudia, & Vincent, Benjamin T. Journal of Experimental Psychology: General.

Immagine: impatience Painting (Cristina Bernazzani)

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Lucy the Wombat ha detto:

    Se non sbaglio ricorda quell’esperimento simile in cui al bambino era offerto un biscotto subito o due dopo pochi minuti, e il bambino quasi sempre non resisteva? 🙂

    "Mi piace"

    1. Esatto, solo che lì erano bambini! 😉

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.